6 febbraio 2015

Irène - Pierre Lemaitre

Recensione Irène

Voto 7,5. Se siete giunti su questo post, su questo blog, vuol dire che amate la letteratura thriller/noir. Vi nutrite di romanzi ricchi di suspense, cercate la paura all'interno di storie di serial killer e cadaveri.
Molti di voi si riterranno degli esperti, in virtù dei numerosi libri letti di questo genere, e nessuno può affermare che la vostra supposizione sia errata, almeno finora...
A sfidarvi è lo scrittore francese Pierre Lemaitre, che indirettamente vi/ci chiede: Se un assassino uccidesse seguendo dettagliatamente delle scene di romanzi thriller/noir sareste in grado di individuare tali romanzi?
Un'enigma senza dubbio intrigante. già utilizzato in altri film vedi The Raven in cui l'assassino si ispirava ai romanzi di Edgar Allan Poe.
In questo caso le citazioni di romanzi storici sono diverse ed appartengono a più autori, cari a Lemaitre; naturalmente non vi anticipo nulla al riguardo se siete degli esperti dovrete individuare da soli i romanzi citati all'interno di Irène.
Il nocciolo della trama costituisce già da solo il motivo per cui leggere questo romanzo, che si rivela comunque ben costruito in molti aspetti.

Irène è il primo romanzo scritto da Lemaitre, dal titolo originale Travail soigné del 2006. In Italia ci son voluti nove anni per tradurlo e proporlo sul mercato, soprattutto dopo che l'autore conquistasse numerosi lettori grazie a Lavoro a mano armata, L'abito da sposo e Ci rivediamo lassù (romanzo non thriller). Capitolo a parte merita Alex il primo arrivato in Italia, che in realtà è un sequel di Irène, da cui eredita il protagonista principale Camille Verhoeven.
Il commissario più basso in circolazione (145 cm) dovrà indagare assieme alla sua squadra, tra cui spiccano Maleval, Luois e Armand, sull'assassino colto e che ama i libri gialli.
Importante per la risoluzione del caso sarà la conoscenza di questi romanzi, i quali ispirano il killer ad uccisioni violente e molto scenografiche.
A mettere un pizzico di pepe in più sarà l'intervento dei soliti cronisti sciacalli che si avventeranno sul caso e sulla figura del commissario, destabilizzando non poco l'ambiente.
Un thriller dunque metaletterario che cita e assembla puzzle di diverse storie, creando un quadro finale quasi identico ad un celebre film thriller. Nello spoiler sotto, le indicazioni relative al film da cui Irène prende l'anima ed anche buona parte del corpo...

Spoiler


TRAMA: "C'è stato un omicidio a Courbevoie..." Messaggio laconico per un crimine a dir poco spaventoso. Quando il commissario Camille Verhoeven, felicemente sposato con Irène e in attesa del primo figlio, giunge sul luogo del delitto un elegante loft - trova due, non uno, cadaveri di donne decapitate e fatte a pezzi e di fronte a una scena così estrema capisce subito, come in un presentimento, che in casi come questi le spiegazioni razionali non servono a nulla. E ha ragione, perché questo è solo l'inizio e uno dopo l'altro si susseguono dei crimini orribili e soprattutto illogici. La stampa e persino il giudice e il prefetto si scatenano contro il "metodo Verhoeven", specie perché l'indisciplinato poliziotto formula un'ipotesi cui nessuno vuole credere: chi sta uccidendo in maniera tanto selvaggia mette in scena delle macabre rappresentazioni ispirate a famosi romanzi noir e questa non può essere una coincidenza. Camille viene lasciato solo di fronte a un serial killer che sembra avere capito tutto di lui, nei minimi dettagli segreti della sua vita, e ha già previsto ogni sua mossa. E in questa sfida crudele ci può essere un solo vincitore. Per questo Camille non potrà sfuggire all'orrendo spettacolo che l'assassino ha preparato con tanta cura solo per lui.

AUTORE: Pierre Lemaitre
EDITORE: Mondadori
NAZIONE: Francia
ANNO: 2015
PAGINE: 357


4 commenti:

  1. Lemaitre è un maestro di nome (o cognome?) e difatto.
    Ho letto solo L'abito da sposo e aveva uno stile magnifico, anche se faceva venire il mal di testa, tanto che era concitato. Ovviamente, questo finisce in lista :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo stile è diverso, molto più lineare in questo caso e meno originale. Diciamo che è un thriller abbastanza classico e se lo leggerai nel finale vedrai la netta somiglianza con un celebre film :D

      Elimina
  2. Non ho mai letto nulla di questo autore ma ultimamente mi perseguita hihihihi :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di leggere qualcosa di Lemaitre, non te ne pentirai ;)

      Elimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate