26 marzo 2018

La ragazza che hai sposato - Alafair Burke

Recensione La ragazza che hai sposato

Ormai dal 2016, Alafair Burke è diventata una presenza costante in questo blog. Dopo il buon esordio con La ragazza del parco e la successiva conferma con Una perfetta sconosciuta, in questo 2018 è in libreria per Piemme con La ragazza che hai sposato
Il titolo italiano (il titolo originale è semplicemente The Wife) sembra ricordare quello del primo romanzo; senza dubbio la caratteristica che accomuna i tre romanzi risiede nella protagonista femminile.
In questo caso in prima linea avremo Angela. ragazza madre e compagna di Jason Powell, un famoso economista nonché professore universitario.
Rispetto a numerosi altri romanzi, non ci ritroviamo prima in un rapporto idilliaco che sfocia poi in problemi coniugali. Conosceremo Angela e Jason in un momento burrascoso: Jason è infatti stato accusato di molestie sessuali da una sua stagista.
Chi è veramente Jason? Quanto Angela conosce suo marito?
Senza dubbio questo potrebbe essere lo spunto di base da cui parte La ragazza che hai sposato, interrogandosi sui rapporti di coppia e gli scheletri ben nascosti negli armadi. Un "perfetti sconosciuti" in salsa thriller, che insiste per tutte le pagine sulla presunta colpevolezza di Jason Powell.
Il finale molto bello, ahimè anticipato dal titolo, però pone un altro interrogativo: Chi è veramente Angela?
Possibile ci sia un sequel...

TRAMA: Le donne pensano che gli uomini siano creature fin troppo prevedibili. E se non fosse poi così vero? Quando incontra Jason Powell, Angela non immagina che il loro flirt possa diventare qualcosa di serio: gli uomini li conosce, e non si aspetta molto da questo professore di Economia della New York University, corteggiatissimo e con una brillante carriera davanti a sé. Eppure, pochi anni dopo, eccoli sposati, con un figlio da crescere. Quando però Jason viene accusato da una studentessa di averla molestata, e poco dopo un'altra donna avanza accuse simili, tutto sembra sul punto di spezzarsi e Angela è costretta a guardare da vicino la persona che ha accanto, divisa tra l'istinto di proteggere la sua famiglia, e la sensazione di essere vittima di un terribile tradimento. Divisa tra la giovane poliziotta idealista che vuole aprirle gli occhi nei confronti del marito, e l'avvocatessa di Jason determinata a portare a casa una vittoria... Eppure chi è lei per giudicare? Perché anche Angela, la moglie perfetta, ha un segreto. Un segreto che nessuna donna sposata dovrebbe nascondere al proprio marito. Un segreto che potrebbe rovinare per sempre la sua vita, e quella della sua famiglia. E che a maggior ragione non deve venir fuori adesso... Con lo stesso ritmo irresistibile de La ragazza nel parco, Alafair Burke costruisce intorno alla sua protagonista, e ai suoi lettori, una realtà che non è mai quella che appare. Lasciando a chi legge una sola certezza: non c'è nulla di più pericoloso di una bugia detta bene.

Traduttore: R. Salerno
Editore: Piemme
Anno edizione: 2018
Pagine: 358 p., Rilegato

Nessun commento:

Posta un commento

Generi cinematografici

Notizie archiviate