20 luglio 2015

Child 44

Voto 7. Child 44 di Daniel Espinosa (Safe House) era un film che aspettavo con ansia da un sacco di tempo. Ero, infatti, rimasto folgorato dalla lettura del romanzo dal quale era tratto: Bambino 44 di Tom Rob Smith.
Il cast selezionato per la trasposizione era di ottimo livello: Tom Hardy, Noomi Rapace, Gary Oldman, Joel Kinnaman. I presupposti per far bene erano altissimi, data l'ottima storia e gli attori che dovevano interpretarla.
Tuttavia, Child 44 parte in maniera differente rispetto al romanzo, concentrandosi sulla figura del protagonista e mettendo in secondo piano (almeno inizialmente) la storia dei bambini "scomparsi".
Si presenta dunque Leo Demidov (Tom Hardy) un uomo che ha dato tutto alla sua patria russa: ha combattuto nell'esercito sconfiggendo il nazismo, scova traditori che recano danno alla Nazione.
Quando i suoi superiori gli chiederanno di scoprire se sua moglie Raisa (Noomi Rapace) è l'ennesima traditrice, Leo da eroe diverrà un traditore come tanti altri.
Un uomo tradito dallo stesso sistema che ha onorato e rispettato per anni. 
La Russia e le sue stranezze saranno il punto cruciale di tutta questa storia. Una Nazione che viene descritta come un regime spietato che non riconosce gli omicidi e che ci possano essere assassini, mentre va in caccia di presunti cospirazionisti.
In un sistema così strano, può agire indisturbato uno dei più grandi serial killer della storia: Andrej Romanovic Chikatilo, che uccise moltissimi bambini.
Quando Leo non avrà più nulla da perdere, riconoscerà che in Russia gli assassini esistono e perciò si metterà in caccia del mostro di Rostov.

Questa in sintesi la trama di Child 44, film dalla lunga durata, circa 137 minuti. Le atmosfere della Russia sono perfette, così come le interpretazioni. Tra gli altri vanno segnalati Joel Kinnaman (The Killing) nel ruolo dello scomodo "nemico" di Leo e Gary Oldman "amico" invece di Leo.
Siamo in presenza di una storia in qualche modo epica, il cammino di un eroe che deve lottare praticamente contro tutto, sistema compreso.
Il film differisce dal libro per alcuni aspetti, su tutti il finale che elude un grosso colpo di scena e preferisce una strada più realistica.
Nel complesso è sicuramente meno potente del romanzo, ma questa è una caratteristica comune a tante storie che rendono maggiormente su carta rispetto al grande schermo. Una visione comunque consigliata.

  • DATA USCITA: 
  • GENERE: Thriller
  • REGIA: Daniel Espinosa
  • SCENEGGIATURARichard Price
  • ATTORITom HardyGary OldmanNoomi RapaceJoel KinnamanVincent CasselJason ClarkePaddy ConsidineDev Patel

12 commenti:

  1. Di recuperare il romanzo, anche se tu e altri me ne parlate benissimo, ho poca voglia: lo sfondo storico mi spaventa un po'. Il film, invece, lo guarderò senz'altro. Soprattutto per Hardy ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh il romanzo è davvero ben fatto :D poi anche a me non sono mai piaciuti i thriller storici, questo mi ha sorpreso positivamente...

      Elimina
  2. Ne parlerò anche io domani: pensa che invece a me è parso davvero moscio e mediocre, nonostante il cast e le premesse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh la storia ha una sua valenza, non ha il massimo del ritmo e forse l'ho giudicato anche sulla scia del grande libro :D

      Elimina
  3. Dal trailer non mi ispirava per niente. Ma, visto che è piaciuto a te e a Ford è parso moscio, mi sa che potrei dargli una possibilità. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una possibilità almeno gli va data ;)

      Elimina
  4. io mi sono fermata a poche pagine dall'inizio del romanzo, non ricordo perché. Ci riproverò più avanti, di sicuro prima di buttarmi in un film così lungo!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inizialmente può spaventare il romanzo, ricordo che anch'io non ero convintissimo, poi mi son lasciato trasportare dalla storia :)

      Elimina
  5. Noooo, mi hanno cambiato i finale??? Ma non si fa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già :( infatti è un po' pasticciato e rapido quello del film. Nel libro chiudeva tutto alla perfezione anche se era abbastanza sensazionalistico :)

      Elimina
  6. Non l'ho ancora visto, un po' anche perché ho incontrato tante recensioni negative sino ad ora. Non ho letto il romanzo (purtroppo), ma conosco bene la storia di Chikatilo. A questo punto lo recupererò al più presto, sperando convinca anche me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti non sta convincendo molto come film, mentre il romanzo ha recensioni entusiastiche compresa la mia :)

      Elimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate