30 giugno 2017

Blogtour: Eisenberg di Andreas Fohr

Con piacere vi presento la quarta tappa del blogtour dedicato a Eisenberg di Andreas Fohr, organizzato da Fazi editore.


Come potete appurare, a me spetta il compito di indicare le cinque motivazioni per cui vale la pena leggere questo romanzo:
1) Innanzitutto direi per il suo essere un legal thriller. Detta così, sarebbe la motivazione più banale del mondo, in quanto potreste procurarvi almeno altri 10.000 legal thriller. In questo caso si tratta di un buon legal thriller, non troppo tecnico ed inizialmente neanche troppo rinchiuso nelle aule giudiziarie;
2) Il secondo motivo è infatti quello della vivacità del romanzo. Una storia che presenta numerosi spunti, con un'indagine condotta davvero in maniera interessante;
3) Il terzo punto riguarda chi conduce questa indagine. La protagonista è infatti l'avvocato Rachel Eisenberg, che in questo caso assumerà le vesti non ufficiali di detective, pronta ad immolarsi nella causa del suo assistito, con il quale tra l'altro ha avuto un rapporto particolare in passato;
4) La varietà del cast, con diversi personaggi davvero ben costruiti. C'è chi rivela sin dal principio il proprio io, altri invece sono personaggi più oscuri che verranno decifrati con lo scorrere delle pagine;
5) I numerosi colpi di scena e l'intreccio tra due storie inizialmente separate che col tempo si sovrappongono dando vita ad un quadro complesso e ben architettato.

Johanna Mend, giovane studentessa, viene assassinata e orribilmente mutilata in un parco di Monaco. Tanto le indagini della polizia quanto il referto del medico legale convergono sullo stesso sospettato: un uomo di mezza età senza fissa dimora, che Rachel Eisenberg – avvocato di grido e madre di una figlia adolescente – accetta di difendere nonostante l’iniziale riluttanza. Ma quando si trova seduta davanti al suo cliente, Rachel resta allibita. Quell’uomo lo conosce bene: è il professor Heiko Gerlach, astro della fisica teorica con cui ha avuto una relazione diciotto anni prima. Come è finito sulla strada? Ma soprattutto: è davvero uno psicopatico omicida? Si riapre così, in modo traumatico, un capitolo che Rachel pensava chiuso per sempre. A complicare ulteriormente la situazione, Heiko si rivelerà un cliente inaffidabile, un uomo che ha fatto dell’introversione il proprio baluardo e che, sempre di più, tornerà a mostrare quel lato oscuro che sin dai tempi della loro relazione l’aveva inquietata. Per fare chiarezza Rachel è disposta a tutto: anche a mettere in pericolo la sua stessa vita…
Föhr si destreggia con l’abilità di un equilibrista fra thriller giudiziario e psicologico, tenendo in bilico anche il lettore fino all’ultima, sconvolgente pagina, in un romanzo dalla trama fittissima, ricca di colpi di scena, battute fulminanti e scene da cardiopalma. Un giallo imperdibile che in Germania ha avuto un successo clamoroso, giungendo ai vertici delle classifiche e conquistando centinaia di migliaia di lettori.

1 commento:

  1. Avresti un premio da ritirare dalle mie parti.
    Un tuo follower silenzioso.

    RispondiElimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate