18 aprile 2017

Gli Eredi - Wulf Dorn

Recensione Gli Eredi

Gli Eredi è il nuovo romanzo di Wulf Dorn, edito da Corbaccio
La storia ideata dallo scrittore tedesco è ancora una volta piena di enigmi e situazioni complesse. Laura viene ritrovata da suo cognato Patrick, esanime in un auto. Nel bagagliaio della donna, Patrick scopre un oscuro segreto; dopo aver chiamato i soccorsi, l'uomo scompare.
Laura viene condotta in ospedale, dove racconta la sua storia ad uno psichiatra ed un poliziotto.
Una storia con molti punti oscuri, a cui è difficile dar credito in quanto contiene elementi paranormali e non attinenti a questo mondo.
Proprio l'elemento paranormale ed a tratti horror è una delle caratteristiche de Gli Eredi di Wulf Dorn. Le caratteristiche thriller comunque non sono assenti, rilegate al modo della narrazione che fa largo uso dei cliff-hanger che costringono il lettore ad un rapido turn page.
Il romanzo potrebbe ricordare Il villaggio dei dannati di John Carpenter, soprattutto nello sviluppo che si ha nel corso della storia.
Gli Eredi affronta comunque temi importanti, quali ad esempio la distruzione degli ambienti in cui viviamo, il non saper gestire a dovere le risorse di cui disponiamo.
Forse proprio questo è il punto cruciale dello scritto di Dorn, che dietro una storia di fiction nasconde un'attenta riflessione sulla situazione catastrofica del nostro mondo.

TRAMA: «Mi creda, avrà bisogno ancora di un sacco di caffè oggi. Sarà una cosa lunga.» Nella saletta colloqui del seminterrato del reparto psichiatrico dell’ospedale, Frank Bennell, stimato criminologo alla soglia della pensione, chiede aiuto a Robert Winter, psicologo con cui ha collaborato in numerosi casi di omicidio. Però i due esperti del lato oscuro della natura umana questa volta sono messi a dura prova. La donna che si trovano davanti, sopravvissuta a un grave incidente su una strada di montagna immersa nella nebbia e battuto dalla pioggia, sembra oscillare tra realtà terribili e allucinazioni. Si chiama Laura Schrader, trentadue anni, capelli biondi; nell’auto accanto a lei una pistola vecchio modello col caricatore vuoto e un baule in cui si nasconde una dura verità. Nel suo sguardo diffidenza e terrore. Perfino Winter, il quale nella sua carriera ha ascoltato dai suoi pazienti storie così plausibili da non riuscire quasi a smascherarle, non sa come mettere in ordine i pochi elementi ricavati con tanta fatica dalla donna: l’uomo che l’ha salvata chiamando i soccorsi e poi è sparito nel nulla, bambini dagli occhi di ghiaccio, misteriose uccisioni… Fatica a collegarli a quanto si vede nella foto che gli ha mostrato il collega: qualcosa di terribile, che supera ogni sua aspettativa. In una lunga notte, fuori dalla clinica, sotto un cielo nero e gonfio di odio sta succedendo qualcosa. Ma cosa? Bisogna credere a quella donna per arrivare in tempo. Se sarà ancora possibile.

AUTORE: Wulf Dorn

EDITORE: Corbaccio
NAZIONE: Germania
ANNO: 2017
PAGINE: 324

Nessun commento:

Posta un commento

Generi cinematografici

Notizie archiviate