5 aprile 2016

Il segreto dei suoi occhi

Voto 6,5. La passione per i remake ad opera del cinema americano è ben nota, la Warner Bros non si poteva far sfuggire Il segreto dei suoi occhi, film argentino di Juan José Campanella vincitore dell'Oscar per miglior film straniero nel 2010.
Ammetto di averlo visto tempo fa ma di averne dimenticato gran parte, quindi questo rispolvero almeno nel mio caso era utile.
Unico particolare la pellicola di Billy Ray (Capitan Philips, Hunger Games) non rimette in scena lo stesso film, ma ne prende alcune parti adattando il resto del film alla cultura americana.
Alla base c'è il brutale omicidio della figlia di Jess (Julia Roberts), agente dell'FBI. Ad indagare sul caso saranno Ray (Chiwetel Ejiofor) e Irene (Nicole Kidman).
Un caso lunghissimo direi che si propaga per circa tredici anni ovvero tutta la durata della storia messa in scena. Il regista si avvale di una forma narrativa che gioca su più piani temporali, affidandosi ad un montaggio rapido. Questa scelta inizialmente ammetto esser stata abbastanza destabilizzante, per via anche di un trucco non proprio perfetto che ha reso abbastanza identici i personaggi nonostante il passaggio del tempo. Una volta avuti i riferimenti adatti (ciocche bianche sui capelli di Ray, viso smunto del personaggio di Julia Roberts, Nicole Kidman resta identica) il film scorre bene, con il giusto intrigo. 
La caccia è concentrata tutta su un ragazzino, informatore presso una moschea musulmana. Il film è infatti ambientato nel 2003 in cui la questione Torri Gemelle era ancora preponderante nella cultura americana.
Nonostante i difetti sopra annunciati, Il segreto dei suoi occhi racconta una storia interessante, mettendo da parte i facili sentimentalismi che ci potevano essere tra Ray e Irene, e concentrandosi invece sul dolore di Jess, una mamma che ha perso tutto.
Ottimo il colpo di scena finale...

  • DATA USCITA: 
  • GENERE: Drammatico , Sentimentale ,Thriller
  • REGIA: Billy Ray
  • ATTORI: Nicole KidmanJulia Roberts,Chiwetel EjioforDean NorrisMichael Kelly,Lyndon SmithJoe ColeDon Harvey

2 commenti:

  1. Come film preso singolarmente non sarebbe nemmeno troppo male. Paragonato all'originale, di cui non riesce a ricreare l'atmosfera d'altra parte irreplicabile, fa però decisamente una figura più modesta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho un po' rimosso dalla memoria originale, appunto perciò mi è piaciuto :)

      Elimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate