9 novembre 2015

The Green Inferno

Voto 7. Una delle critiche che sollevo più spesso nei confronti degli horror è la monotematicità e la prevedibilità che rendono i film di questo genere simili fra loro. Pellicole che potrebbero essere interrotte mezzora (o anche prima) della fine, in quanto si sa già come va a finire.
Il volto altino dato a The Green Inferno invece scaturisce da una sensazione simile ma contraria a quanto appena detto; ovvero ad un certo punto lo sgomento stava diventando talmente alto che avrei potuto bloccare il film. Il lavoro di Eli Roth riesce dunque in uno degli obiettivi del filone horror, ovvero creare ansia e disgusto nello spettatore.
Altra nota positiva del film in questione è l'ambientazione spaziosa e verdeggiante, molto in stile Turistas, che quantomeno ci mostra nuovi luoghi, in questo caso il Perù.
Luoghi che portano con sé tradizioni e nuova gente, in questo caso un nutrito gruppo di cannibali mai sazio.
La pellicola ha però per protagonisti un gruppo di attivisti che vorrebbe evitare gli abbattimenti degli alberi di queste tribù secolari, difendendo dunque i diritti dei più deboli.
Tra gli attivisti figura Justine (Lorenza Izzo), figlia di un'importante membro dell'Onu e dunque ottimo canale pubblicitario e comunicativo per diffondere l'evento organizzato dagli attivisti fra i media. Il lavoro di attivisti/ambientalisti ne esce forse ridicolizzato dato l'evolversi del film, facendo forse passare il concetto: meglio farsi gli affari di casa propria.
Già perché gli attivisti finiranno nello stesso luogo dei cannibali, lascio a voi immaginare cosa succede.
The Green Inferno è dunque un film crudo, quasi al sangue direi. Il regista cuoce lo spettatore a fiamma abbastanza alta, non risparmiandoci scene disgustose e molto anatomiche.
La nutrita comitiva di attivisti è ancora una volta un cliché classico dell'horror e serve in questo caso ad allungare il "brodo". 
Il film è comunque ansiogeno e ben figura nell'attuale panorama horror, abbastanza desolante. Anche qui le probabilità di un sequel sono abbastanza alte...

  • DATA USCITA
  • GENERE: Horror , Thriller
  • REGIAEli Roth
  • ATTORI: Lorenza IzzoAriel LevySky FerreiraNicolas MartínezKirby Bliss Blanton , Aaron BurnsMagda Apanowicz,Matías López

8 commenti:

  1. Generosissimo! Qui e lì, l'ho trovato proprio ridicolo.
    Meglio Knock Knock ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Knock knock mi incuriosisce molto ma questo non è male :)

      Elimina
  2. gli hai dato quasi il doppio del voto che gli ho dato io....

    RispondiElimina
  3. Assolutamente d'accordo. Divertente ed assolutamente furbo.
    Esagerate le critiche, probabilmente un pò troppo snob. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si non annoia e poi è bello crudo...

      Elimina
  4. Io l'ho trovato esageratamente finto e noioso. Nononono!

    RispondiElimina
  5. Io l'ho visto e presto ne parlerò da me, l'ho trovato piuttosto curato nei dettagli e la tensione non ti lascia, Eli Roth ha reso omaggio a Cannibal Holocaust con questo film ^_^

    RispondiElimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate