6 luglio 2015

Poltergeist (2015)

Voto 5. Poltergeist di Gil Kenan è l'ennesimo tentativo di portare uno dei capisaldi horror degli anni ottanta alle nuove generazioni. Il solito remake dunque, che potrebbe servire come rispolvero dei classici del genere ma che (come spesso accade) si rivela un film senza mordente.
Di acqua sotto i ponti ne è passata tanta, e di horror con la trama di Poltergeist ce ne sono stati a bizzeffe. L'idea è quella più semplice: una famiglia che si trasferisce in una nuova abitazione, strani rumori notturni e pagliaccetti poco buffi che escono dall'armadio.
A differenza di altri casi, in Poltergeist la famiglia Griffin accetta subito l'elemento paranormale, dovendo fare i conti con una "televisione" che sembra aver mangiato la piccola della famiglia.
Per venire a capo del problema, i Griffin invitano anche uno spiritista per capire quale presenza possa possedere la casa.
Il film fa leva su alcune paure primordiali: paura del nuovo luogo, dell'ignoto, dei mostri dell'armadio. Paure adolescenziali alle quali si aggiungono quelle più adulte: della morte e di cosa ci potrebbe essere dopo di essa.
Tutte queste paure vengono mal inserite nel contesto filmico, e di conseguenza viene meno la trasmissione di terrore allo spettatore.
Poltergeist è il solito horror del nuovo millennio: piatto, scontato, semplice e che non si distingue dalla massa, elemento che caratterizzava gli horror degli anni ottanta.

  • DATA USCITA: 
  • GENERE: HorrorThriller
  • REGIAGil Kenan
  • SCENEGGIATURA: David Lindsay-Abaire
  • ATTORI: Sam RockwellRosemarie DeWittJared HarrisNicholas Braun

4 commenti:

  1. Concordo in pieno.
    Un film inutile come molti degli horror recenti, e quasi tutti i remake.

    RispondiElimina
  2. Intuilissimo, ma non mi è dispiaciuto troppo. Meglio, e molto, del terzo Insidious e di The Lazarus Project, se non altro: per famiglie (in)felici ;)

    RispondiElimina
  3. Solito remake, solito horror, solita menata...
    Un film che non ha davvero alcun senso di esistere.

    RispondiElimina
  4. Inutile come pochi altri, anche perché il capostipite è fresco ancora oggi come allora!

    RispondiElimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate