1 novembre 2014

Europol, Istituto di Investigazioni

Quando mi è arrivata l'e-mail contente il CS qui sotto proposto, da parte dell'ufficio stampa pensavo si trattasse di un libro o evento da recensire/promuovere. In secondo luogo ho pensato a qualche cortometraggio sull'investigazione. Leggendo meglio e collegandomi al sito ufficiale ho notato che si trattava di una vera agenzia investigativa, dal nome: Europol. 
Molti i servizi e le varie imprese affrontate dall'agenzia che si serve dei due investigatori: Ballarani e Murnau.
Qui sotto il Comunicato Stampa completo nel caso siate interessati a servirvi di un investigatore che indaghi per vostro conto. 

L’agenzia: Europol è una delle più antiche agenzie investigative italiane, fondata nel 1962 da Alvaro Silvij. E’ stata rilevata da Francesco Ballarani nel 2011, quando lui – che oggi ne è il presidente – aveva appena 21 anni. Con sede a Milano e uffici anche a Londra, Europol è specializzata in investigazioni aziendali, ma svolge pure indagini per clienti privati.
E’ l’unica agenzia italiana a offrire il servizio D-137, ossia le investigazioni di alto profilo (cosiddette “a cinque stelle”) che riguardano le indagini più complesse, sia per privati che per aziende.
Per i privati, i settori di intervento sono (in sintesi) i tradimenti, la ricerca di persone scomparse, il monitoraggio dei giovani, e le investigazioni per la tutela personale. Per le aziende, l’antispionaggio, la concorrenza sleale da parte di soci, dipendenti e aziende concorrenti, la bonifica ambientale, il recupero crediti.
Europol opera, oltre che in Italia, anche in Inghilterra, Francia, Germania, Svizzera, Stati Uniti, Africa ed Emirati Arabi.

Francesco Maria Ballarani: Roma, 08/09/1989. Laureato in Scienze della comunicazione con Tesi sul Diritto nelle investigazioni private. Autore di un corso multimediale sul Linguaggio del corpo. Esperto di prossemica e cinesica. Studioso di tecniche di manipolazione mentale e dinamiche sociali. Sta completando un master in Criminologia all’università la Sapienza di Roma. Inizia a collaborare con l’agenzia Tomponzi nel febbraio del 2010. A marzo dello stesso anno comincia a lavorare sia in Tomponzi all’Europol, affiancandone il fondatore. Nel marzo 2011, ad appena 21 anni, rileva l’Europol e ne diventa presidente. Nel dicembre successivo ottiene ufficialmente la licenza investigativa, diventando a 22 anni il più giovane detective d’Italia.
Si definisce metodico e brillante.

Klara Murnau: Cagliari, 26/08/1981. Chief Detective e Chief Executive Intelligence per Europol. Insegnante di antispionaggio per un corso dello Stato Italiano rivolto ai manager d’azienda. Esperta di prossemica, cinesica e fisiognomica. Studiosa di tecniche di Mindfucking. Appassionata storiografa con particolare interesse per gli studi teologici e per le nuove religioni e le sette (effetti psicologici e politici sulla cultura odierna). Ex infiltrata in reparti dell’intelligence Svizzera. Praticante delle discipline di scherma e karate.
Si definisce ironica e creativa.

Altre informazioni e curiosità

Cenni su casi di investigazioni “a cinque stelle”:
- La moglie di un importantissimo avvocato romano commissionò all’Europol il monitoraggio di suo marito. Durante questo lavoro, oltre a fare sfoggio di svariati travestimenti, Klara Murnau alloggiò in due hotel di lusso, a Milano e a Torino, immergendosi nella business class della finanza milanese, dove l’avvocato, invece di occuparsi della fusione di due importanti aziende di tecnologie mediche, si dedicava alla fusione con la sua assistente.
- A Lugano, un italiano, futuro candidato dell’UDC, passava più tempo al casinò della città svizzera che al tavolo per la pianificazione della sua campagna elettorale. Klara Murnau imparò a proprie spese cosa significasse avere un’autista, dei tacchi troppo alti e lasciare che le offrissero una cena in una certa zona del Canton Ticino dopo le nove di sera.
- Sempre in Svizzera, un importante funzionario della compagnia aerea Swiss Internationa Air Lines chiese all’agenzia di cercare alcuni filmati pornografici in cui riteneva comparisse la sua ex moglie. A parte il fatto di dover passare in rassegna ore e ore di registrazioni di dubbio gusto e pessima qualità, questo lavoro si svolse nella junior suite dello Swiss Diamond Hotel, dove il cliente di Europol era impegnato in un business meeting di altro profilo e dove costrinse i detectiv a passare due giorni, per poter aver accesso continuo al loro lavoro e tenere sotto controllo le varie fasi dell’attività.

- I detective di Europol hanno svolto pedinamenti a bordo di auto Porsche e Mercedes SLK cabrio, appostamenti per monitoraggi e operazioni di intelligence in resort a cinque stelle in Sardegna (il controllo su ricco imprenditore per concorrenza sleale) o in hotel di Lusso a Torino (Golden Palace Hotel), Milano (Hotel Baglioni e The Westin Palace) e Roma (Parco dei Principi Grand Hotel e Hotel Hassler), senza dimenticare un’operazione di antispionaggio industriale svolta a Cannes al Majestic Barrière.

Come è cambiato il detective: Oggi i detective non sono più come li si immaginava in passato. Chi investiga ha bisogno di molta più creatività e prontezza di spirito, diremmo quasi di coraggio, poiché le leggi, la tecnologia e la società stessa li pongono davanti alla continua sfida dell’agire con efficacia nel rispetto delle normative vigenti e li costringe a essere sempre più esposti anche a causa dei social network e dello sdoganamento di strumentazioni tecnologiche che spesso sono ormai alla mercé di utenti non consapevoli della loro pericolosità e del loro corretto utilizzo.

L’azione sul campo: Francesco Ballarani e Klara Murnau sono sempre pronti a lavorare in prima linea, sul campo. Soprattutto se su esplicita richiesta dei clienti. Ma, non potendo ovviamente svolgere di persona ogni incarico, scelgono in modo mirato i loro agenti investigativi specializzati cui affidare l’attività richiesta dai committenti. A prescindere dalla loro presenza nella fase operativa, organizzano e supervisionano la strategia d’azione di ogni singolo caso. La loro squadra di agenti investigativi conta oggi settantasette agenti operativi dislocati su tutto il territorio nazionale ed è in fase di espansione. Il cuore di Europol è formato da nove persone: presidente, detective capo e capo esecutivo dell'intelligence, detective manager, direttore marketing, consulente legale, consulente finanziario, consulente di strategia d’intelligence, esperto di criminologia e mindfucking, e naturalmente il fondatore Alvaro Silvji.

Nessun commento:

Posta un commento

Generi cinematografici

Notizie archiviate