26 febbraio 2014

Speciale Oscar: Nebraska

Nonostante le sei nomination (Miglior film, Miglior regista Alexander Payne, miglior attore protagonista Bruce Dern, Miglior attrice non protagonista June Squibb, Miglior sceneggiatura originale Bob Nelson, Miglior fotografia Phedon Papamichael), Nebraska è il film outsider di questi Oscar 2014.
Voto 7. Innanzitutto va sottolineata la particolare scelta stilistica del regista Payne, il quale opta per il bianco e nero per il suo film.
Una scelta in linea con la storia raccontata, incentrata sulla vita di un anziano signore: Woody Grant (Bruce Dern). Un uomo di una certa età un pò smemorato, naif direi, con pochi altri obiettivi nella vita, se non quello di ritirare 1 milione di dollari.
Soldi che non gli servirebbero a molto, forse a comprarsi un furgone che non potrà guidare ed un compressore.
Ma quel biglietto illusorio, visibilmente falso agli occhi della gente normale, rappresenta molto di più per Woody, rappresenta un obiettivo da raggiungere, uno scopo per continuare a lottare e vivere.
Per quel sogno, Woody andrebbe anche a piedi in Nebraska. 
Per fortuna c'è suo figlio David (Will Forte), che dopo aver capito che non esiste nessun modo per dissuadere suo padre, lo accompagna in quel viaggio illusorio.

Nebraska è dunque un road movie poco classico, un viaggio con papà strampalato, a tratti taciturno e malinconico e con momenti di comicità genuina. Molto simpatici si rivelano gli anzianotti del film, su tutti Woody e sua moglie Kate (June Squibb), i quali come detto sfoggiano un linguaggio duro, sboccato ed ironico. I due personaggi si muovono "agilmente" in un posto per vecchi. Il regista sembra conoscere alla perfezione questo panorama, riuscendo a sintetizzare scapoli di vita vera in alcune scene del film, vedi quelle in cui i protagonisti sono seduti di fronte la tv senza dirsi quasi nulla.
Una pellicola che richiama un pò il film Philomena, anch'esso candidato agli Oscar, almeno per due elementi: il viaggio a due, e il rapporto anziano e giovane.
In questo caso l'empatia tra i due protagonisti è maggiore, anche perchè si tratta di padre e figlio.
Un film in sintesi diverso dal solito, che vale la pena vedere nonostante alcune scene potevano essere compresse per dare maggior ritmo.

  • DATA USCITA: 16 gennaio 2014
  • GENERE: Drammatico
  • ANNO: 2013
  • REGIAAlexander Payne
  • SCENEGGIATURABob Nelson
  • ATTORI: Bruce DernWill ForteBob OdenkirkStacy KeachDevin RatrayJune SquibbRance Howard,Missy Doty

6 commenti:

  1. un buon film.
    però gli manca la zampata vincente per rendersi davvero memorabile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bella la comicità "involontaria", però in effetti manca qualcosina...

      Elimina
  2. Anch'io c'ho rivisto un po' di Philomena, e non solo per il protagonista agé. Va da sé che mi è piaciuto parecchio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è piaciuto un pò di più di Philomena, forse proprio per la comicità; la struttura è abbastanza simile :)

      Elimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate