21 agosto 2013

The Liability

Assumersi o non assumersi la responsabilità di consigliare The Liability di Craig Viveiros?
Voto 4. Questo gioco di parole (liability = responsabilità) è utile per introdurre questo film che gioca con il genere thriller/noir.
Un prodotto poco serio e molto commedia pulp, che potrebbe indispettire gli spettatori più seriosi e divertire chi invece ha voglia di guardare un prodotto nuovo.
Io faccio parte della prima categoria di spettatori, trovando The Liability un film con molti buchi di sceneggiatura tappati da un’ironia british.

Il film parla sostanzialmente di Adam (Jack O’Connell), un ragazzo poco sveglio e ancor meno responsabile che distrugge, senza scrupoli e senza rispetto per le vittime della crisi, una Mercedes Classe C del suo patrigno.
Quest’ultimo (Peter Mullan) giustamente infervorato lo bacchetta, costringendolo anche ad alcuni lavori forzati. Non pago di questo discorsetto, Adam (durante una breve assenza telefonica del suo interlocutore predicatore) ficca il naso nel pc del patrigno Peter, scoprendo un mondo criminale.
Il mattino seguente Adam si ritrova a fare da autista a Roy (Tim Roth). Quest’ultimo è un killer ordinato e scrupoloso con un compito specifico da compiere.
Da non tralasciare neanche il prologo che si rivelerà essenziale per l’epilogo. Sulle note di Una rotonda sul mare un altro killer: il manista, esegue il suo omicidio.

Una trama dunque abbastanza semplice che fa da sfondo all’esuberanza dei protagonisti. In primo piano c’è sicuramente il rapporto tra Adam e Roy. Il primo un ragazzo senza meta a cui andrebbe bene anche fare il killer. Il secondo un assassino che vorrebbe tornare alla normalità, complice anche il matrimonio ormai prossimo di sua figlia.
Il rapporto tra Adam e Roy, dapprima freddo, sarà molto simile a quello tra padre e figlio, con qualche sorpresina dietro l’angolo. Roy cercherà di iniziare Adam all’omicidio, con risultati alquanto modesti.
A mio parere troppo esagerato il passaggio di Adam da ragazzo sbandato a killer provetto, ma come detto se preso in maniera ironica può risultare divertente.
Nel loro cammino, caratterizzato da numerose autovetture, incontreranno una ragazza (Talulah Riley), la quale modificherà i loro piani.

The Liability è in sintesi un film che può piacere se guardato senza troppa responsabilità, chiudendo entrambi gli occhi su una sceneggiatura povera e lasciandoci condurre da personaggi che “guidano” facendo uso di sostanze stupefacenti. Siete pronti per questo salto nel buio?



Attori:Tim Roth, Talulah Riley, Jack O'connell, Peter Mullan
Registi:Craig Viveiros
Casa Distribuzione:RAI Cinema S.p.A.
Durata:82
Anno Produzione:2013


Nessun commento:

Posta un commento

Generi cinematografici

Notizie archiviate