6 agosto 2013

La notte del giudizio

Il post dello sfogo.

Voto 7. The Purge conosciuto in Italia come La notte del giudizio, è sicuramente parente prossimo di alcuni film thriller/horror con tema violenza gratuita. Dal capostipite Arancia Meccanica, sino ad arrivare a The Strangers, passando per Funny Games.
Un filone che personalmente non mi ha mai deluso, puntando su una delle paure più comuni degli esseri umani: la "violabilità" della propria dimora.
L'essere vittima di un assedio all'interno della propria abitazione, che non lascia nessuno scampo.
Proprio per evitare queste aggressioni e questi sfoghi insensati, nel 2022 secondo James DeMonaco ed i suoi sceneggiatori ci sarà una notte dedicata allo sfogo.
Una serata in cui per strada ogni tipo di pestaggio e violenza può e deve essere tollerata, per tutelare i restanti 364 giorni. 
La notte del giudizio ha azzerato la criminalità ai minimi storici, facendo fiorire l'economia americana. A godere soprattutto è James Sandin (Ethan Hawke), progettatore di sistemi di sicurezza, utili a evitare intrusioni inaspettate proprio in questa notte calda.
Lo spettatore conoscerà lui e la sua famiglia proprio in questa notte, dove una falla del sistema metterà a rischio le loro stimate vite.
Tale rottura non è un malfunzionamento del sistema di sicurezza, bensì il giovane Charlie (Max Burkholder), figlio di James, verrebbe proprio voglia di sfogarsi contro di lui. Il piccolo Sandin infatti apre la porta ad un uomo di colore intento a fuggire da una normale e tranquilla aggressione per strada. Gli aguzzini di quest'ultimo rivogliono la loro preda, altrimenti a pagare le conseguenze sarà tutta la famiglia Sandin, completata dalla moglie Mary (Lena Headey) e dalla figlia Zoey (Adelaide Kane).

The Purge si veste da film violento per diventare nelle battute conclusive un film moralista. Una pellicola che si interroga su quanto ormai tolleriamo la violenza, elemento che fa parte delle nostre vite e di cui sempre meno ci meravigliamo.
L'idea di base non è originalissima, data la notevole somiglianza con le pellicole sopra citate, ma presenta qualche spunto interessante.
Il fulcro sta sicuramente nel classico gioco del gatto col topo, che ribalta in pochi minuti prede e predatori.

USCITA CINEMA: 
GENERE: Thriller
REGIA: James DeMonaco
SCENEGGIATURA: James DeMonaco
ATTORI: Ethan HawkeLena HeadeyMax BurkholderAdelaide KaneRhys WakefieldTony OllerEdwin Hodge


Veniamo alla seconda parte di questo post. Sulla base del film The Purge vi invito a sfogarvi contro questo blog e questo post. L'unica arma che potrete utilizzare naturalmente è quella della parola, criticando e bestemmiando la vostra rabbia contro questi articoletti insulsi e insignificanti che riempiono il mio ego.
Mascheratevi dell'anonimato e pugnalatemi alle spalle. Parolacce, frasi senza senso, coltellate, fate un pò come volete, in fondo siamo in un blog di thriller non ho paura.
Avete tempo fino a domattina alle sette, dopo di che sarete querelati e parlerete col mio avvocato....

14 commenti:

  1. Ahahah io faccio come i Sandin, non ho bisogno di sfogarmi anche perché il tuo blog è uno di quelli che leggo più volentieri. :P

    Scherzi a parte, bel thrillerone, forse poco originale ma sicuramente in grado di mettere ansia e fare riflettere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no Babol non era questo lo spirito del post :P
      D'accordo con te, nonostante non brilli di originalità vedi anche il look degli aggressori, ti tiene incollato allo schermo :)

      Elimina
  2. entrerò in casa tua e ti ucciderò XDXDXDXD

    a parte gli scherzi concordo con la tua bella rece, questo Purge è un buon film

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei partito bene con le minacce, ma poi ti sei addolcito con la "bella rece" :D :D
      un buon film forse sprecato per questa calda estate...

      Elimina
  3. Eviterò di dire quello che già sai, visto che ne abbiamo già parlato da me, e parlerò del piccolo Charlie, che pare abbia suscitato le antipatie di un sacco di gente. Io non l'ho trovato così fastidioso, il ragazzino. Anzi, forse alla fine era quello che mi ispirava più simpatia, fra tutti i componenti della famiglia Sandin... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No invece io l'ho "odiato" Charlie, anche se nell'ottica del film è l'elemento più utile. Abbastanza inutile invece Zoey e la sua rapida storia...tutto sommato cmq un cast accettabile :)

      Elimina
  4. Non devo sfogarmi preferisco farlo in un fan club di Justin Bieber è più divertente! ;D
    Comunque recensione obiettiva che va dritta punto, film davvero guardabile, niente male :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah :) ok allora dovrò fare un post su Justin Bieber che recita nel film La notte del giudizio (la parte la lascio scegliere a voi), sicuramente ci saranno commenti violenti :D

      Elimina
  5. se ti vengo a trovare altro che 50 e 50, le possibilità che non t'ammazzo sono 1 a 99.

    avevo sentito che tutti ne avevano parlato male ma finora dei 4 che ho letto sono tutti ampiamente sopra la sufficienza.

    non originalissimo?
    Ma sì dai, rispetto al solito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha grazie!!
      sto cominciando a metter fuori tutto l'arsenale mi sento molto Ethan Hawke (James Sandin) ;)

      finora anch'io ho letto più recensioni positive :)

      Elimina
  6. ah ah ha bella l'idea dello sfogo caro il mio thrillerista! no, non mi sfogo, non ne ho bisogno e poi con questo caldo non è proprio il caso, troppam fatica...cmq questo film ha fatto il pieno ( o quasi) di consensi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che non si è sfogato quasi nessuno :P sapevo che sareste stati tutti educati, un pò come il biondino del film :D
      A parte tutto film godibile e con buoni spunti...

      Elimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate