16 luglio 2013

Doppio gioco

Voto 4,5. Uscito il 27 giugno del 2013, Doppio gioco di James Marsh è un film che è passato abbastanza in sordina e in maniera silenziosa. A mio avviso questo suo scarso clamore pubblicitario è abbastanza in linea con il suo essere film taciturno e molto pacato.
Sebbene in rete se ne parli piuttosto bene con recensioni positive e che ne esaltano alcune parti, a mio avviso si tratta di un film abbastanza noioso e dunque evitabile.
Su ritmi molto lenti, James Marsh ci parla della lotta dell’IRA contro il governo servendosi del personaggio di Colette, interpretata da Andrea Riseborough.
Colette è una moderno cappuccetto rosso (per via del suo cappotto smagliante) portatrice di messaggi ai servizi segreti circa le operazioni terroristiche dei suoi amici dell’IRA.
Una donna con i piedi in due scarpe abbastanza scomode che rischiano di farla cadere in un precipizio, metafora per sintetizzare il suo rischio imminente di morte.

Il suo interlocutore più celebre è senza dubbio Mac, agente dei servizi segreti. Il suo essere famoso non si deve al ruolo abbastanza “anonimo” che ricopre nel film, quanto all’attore che lo interpreta: Clive Owen.
Con esso Colette inizio un rapporto “professionale” in cui scambia informazioni segrete relative all’IRA, in cambio della libertà.
Ad inizio pellicola Colette viene infatti catturata dai servizi segreti per un tentativo di attentato nei pressi di una metropolitana.

L’intento di Doppio gioco è quello di giocarsi tutte le sue carte migliori con il colpo di scena finale, che in effetti c’è ma non ravviva l’interesse verso una pellicola noiosa e che nonostante il tema terrorismo non “esplode”.

USCITA CINEMA: 
GENERE: Drammatico, Thriller
REGIA: James Marsh
SCENEGGIATURA: Tom Bradby
ATTORI: Andrea RiseboroughClive OwenGillian AndersonAidan GillenStuart GrahamDomhnall Gleeson,Martin McCann

3 commenti:

  1. Io l'ho visto lo scorso inverno al TFF, ma confermo la tua impressione: abbastanza noioso. Pure troppo.

    RispondiElimina
  2. Noioso e sostanzialmente inutile, seppur non mal girato.
    Una specie di versione "terroristica" di Blood.

    RispondiElimina
  3. immaginavo fosse un film mediocre, ma tu lo affossi peggio di quanto mi aspettassi.
    mi sa che dalla mie parti continuerà a passare in sordina. anzi, non passerà proprio :)

    RispondiElimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate