17 giugno 2013

The Butterfly Room - La stanza delle farfalle

A caccia di "farfalle".

Ti va di vedere la mia collezione di farfalle? Quante volte avete sentito pronunciare questa espressione  da giovani maschi aitanti e accaldati. Una frase abbastanza innocente che invece, a detta degli esperti di Yahoo Answers, nasconde significati più ambigui e allusivi. Si la farfallina di Belen questa volta è pertinente all'argomento.
Voto 6,5. Se, come dicevo, questa espressione è adatta al gergo maschile, male si adatterebbe invece ad una vecchia signora che da tempo ha spento i bollenti ardori.
Il soggetto in questione è Ann (Barbara Steele) protagonista di The Butterly Room, film realizzato dall'italiano  Jonathan Zarantonello.
Ann è una poco simpatica signora che custodisce preziosamente una sua personale stanza delle farfalle.
Il significato allusivo parrebbe non esserci, le farfalle nel senso di insetti ci sono, imbalsamate in cornici varie. Ma Ann sembra attenta anche all'altro tipo di "farfalle".
Nonostante l'aspetto sessuale sia inesistente, Ann è ossessionata da giovani ragazzine che si trovano nella fase di trasformazione da bruco a farfalla. Il periodo in cui le ragazzine stanno per diventar donne.
Ad essere adocchiata è dunque la giovane vicina Julie (Ellery Spreyberry), figlia di una mamma sempre a caccia di uomini.

The Butterfly Room di Zarantonello è un prodotto abbastanza particolare che nasce dal romanzo dello stesso regista: Alice dalle 4 alle 5. Una produzione italo-americana che accresce sicuramente il nostro cinema (nonostante di italiano ci sia poco) con una pellicola che mescola bene thriller e horror.
Perno dell'opera è sicuramente la figura di Ann, interpretata molto bene da Barbara Steele. Una donna antipatica, basta la prima scena (quella in cui fa cadere per terra con uno sgambetto un operaio di colore) per farci capire che razza di donna sia.
La stanza delle farfalle riesce anche ad essere un film misterioso per via di un montaggio poco lineare e che mischia presente e flashback, utilizzando analessi ovvero riavvolgimenti rapidi di pellicola.
Due sono le situazioni temporali principali in cui si dipana il film: il presente in cui Ann è impegnata con Julie e il passato in cui Ann si dedica ad Alice (Julia Putnam).
Tra musiche simili a quelle dei film di Dario Argento e inquadrature vivaci e interessanti, The Butterfly Room conduce i protagonisti verso un finale a tinte rosse in cui si sente la mancanza di un movente forte nei gesti della protagonista. Quest'ultimo forse il piccolo-grande difetto di questa pellicola senza dubbio positiva che incuterà ancore maggior terrore alle giovani donzelle nel visitare le stanze/collezioni di farfalle di chiccesia....

USCITA CINEMA: 
GENERE: Thriller
REGIA: Jonathan Zarantonello
SCENEGGIATURA: Jonathan ZarantonelloLuigi SardielloPaolo Guerrieri
ATTORI: Barbara SteeleRay WiseErica LeerhsenHeather LangenkampEllery SprayberryJulia Putnam

8 commenti:

  1. è stata una piacevole sorpresa questo filmetto, soprattutto per il cast :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente male infatti... ci si poteva aspettare il peggio invece è andata bene

      Elimina
  2. Mi è piaciuto, devo dire. Considerato che è un prodotto "italiano", è un enorme passo in avanti! La protagonista è grandiosa e, anche se la trama è sempliciotta, il risutato mi è sembrato buono :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La trama è semplice ma viene stravolta un pò dai flashback, che tuttavia non rendono troppo enigmatico il film...buona la regia italiana ;)

      Elimina
  3. ah ecco, aspettavo il tuo parere su questo film...
    non sembra la visione più imperdibile dell'anno, però visto che ne parli piuttosto bene potrebbe anche meritarsi un recupero.
    forse :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si questo film mi è valso il titolo di esperto giallista :P
      secondo me puoi recuperarlo tranquillamente, potrebbe sempre ritornarti utile nel caso in cui una vecchia signora ti invitasse a vedere la sua collezione di farfalle :D

      Elimina
  4. un film caruccio, molto meno peggio del preventivato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi aspettavo anch'io un prodotto inferiore, meglio così :D

      Elimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate