9 aprile 2013

I fiumi di porpora - Jean Christophe Grangé

I fiumi di porpora è sicuramente uno dei romanzi più noti dello scrittore francese Jean Christophe Grangè. Un besteller internazionale tradotto in venti lingue e accostato a nomi altisonanti, vedi Il silenzio degli innocenti.
Un romanzo thriller divenuto ancor più celebre grazie anche alla trasposizione sul grande schermo attutata dal  regista Mathieu Kassowitz.
Uno strepitoso successo se si considera che si tratta della seconda opera di Grangè, successiva solo a Il volo delle cicogne.
Ne I fiumi di porpora si potranno notare tutte le caratteristiche basilari e stilistiche dello scrittore francese, che saranno poi tramandate ai successivi romanzi.
Una delle innate capacità di Grangè è quella dell'esplorazione del male nell'uomo, motivo scatenante di tutti i delitti di cui sono conditi i suoi romanzi.

Voto 7,5. I fiumi di porpora esalta a dismisura l’elemento dell’indagine. Due sono infatti le investigazioni condotte dai due protagonisti principali che verranno a congiungersi nell’epilogo.
Un epilogo stringato, rapido, veloce, altra tipica peculiarità che ritroveremo poi nei romanzi di Grangè.
Trattandosi di un romanzo che fa dell’indagine il suo punto forte, particolare attenzione è riservata ai personaggi che dovranno scoprire i misteri che si celano all’interno della storia.
I due sono: Pierre Niemans e Karim Abdouf, entrambi poliziotti di strada amanti del rischio e nemici del crimine.
Grangè ce li presenta in maniera separata, dedicando a ciascuno di essi dei macro-capitoli che si alternano puntualmente, fino a incontrarsi appunto nelle ultime pagine. I due in sintesi non si pestano i piedi, e nel momento in cui si incontrano si spalleggiano senza diventare mai una vera coppia.
Il primo ad apparire in scena è Pierre Niemans, commissario dal passato celebre, conosciuto in tutta la zona anche per i suoi modi bruti nella cattura dei criminali. A dimostrarcelo è appunto la scena iniziale che lo vede violento nei confronti di un hooligans.
Subito dopo Niemans si troverà ad indagare su un violento omicidio ai danni di un bibliotecario. Il corpo di quest’ultimo è stato ritrovato in posizione fetale nei pressi di un luogo ghiacciato.
Le indagini si concentreranno nel mondo universitario, una comunità chiusa molto competitiva e che mira al massimo in ogni campo.
Karim Abdouf invece è il classico poliziotto con l’aspetto da infiltrato: arabo con i dreadlocks non viene mai scambiato per un uomo di legge, a prima vista.
Lavorando nel piccolo paesino di Sarzac regione del Lot (dove non succede mai nulla), il suo caso sulla carta sembrerà inizialmente abbastanza semplice e innocuo: un gruppo di skin pare infatti abbia violato prima una scuola e poi una tomba. Quale sia il motivo tocca a Karim scoprirlo.

Queste due indagini parallele ma nettamente diverse saranno il cuore pulsante de I fiumi di porpora. Un romanzo raccontato dal punto di vista di due uomini forti e temerari alla caccia di misteri fitti e intricati.
Il ritmo è incalzante e i capitoli scorrono veloci, costringendo il lettore ad una full immersion. Se i punti di forza del romanzo sono dati da un’analisi investigativa meticolosa, metodica e impeccabile e da protagonisti ottimi; i punti deboli possono essere dati da un finale troppo rapido e un serial killer non eccezionale con una motivazione opinabile.
I fiumi di porpora resta uno dei capisaldi della letteratura thriller, che segnano la vera entrata in scena di uno dei più grandi scrittori del genere….

TRAMA ORIGINALE: Vicino a Grenoble viene rinvenuto un cadavere orrendamente mutilato. Nella vicina regione del Lot viene profanata la tomba di un bambino di dieci anni scomparso in circostanze misteriose. I due casi si intrecciano, e così i destini dei due poliziotti incaricati delle indagini, tra false piste, macabre scoperte, gelosie professionali e vendette familiari, fino all'orrore che ha dato inizio alla carneficina: un delirio scientifico che aveva condotto a un folle e crudele esperimento genetico. Un thriller ambientato nello stupendo scenario dei ghiacciai alpini.

AUTORE: Jean Christophe Grangè
EDITORE: Garzanti libri
NAZIONE: Francia
ANNO: 1998 
PAGINE: 385

4 commenti:

  1. Il libro non l'ho mai letto ma il film mi era piaciuto parecchio, inquietante e con due bravi attori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho fatto una full immersion nei fiumi di porpora, infatti oggi pomeriggio pubblico la recensione del film:D che rispecchia molto il romanzo

      Elimina
  2. I don't know if it's just me or if perhaps
    everybody else encountering problems with your blog. It seems like some of the text on your content are running off
    the screen. Can somebody else please provide feedback and let me
    know if this is happening to them as well? This may be a issue with my web browser because I've had this happen previously. Cheers

    Here is my homepage - mazda rx7 body kits

    RispondiElimina
  3. POrpora .....VIOLAre.........non vi ricorda qualcosa? il libro è intriso di indizi della messa in scena di PRINCE e IL SUO ALLEATO michael jackson. .....di cui lo scopo è smascherare la cospirazione dei PADRONI del mondo

    RispondiElimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate