23 marzo 2013

La frode

Un uomo sull'orlo di una Crisi di nervi.

Voto 6,5. La frode film di Nicholas Jarecki parla di un uomo sull'orlo di una Crisi di nervi: Robert Miller, interpretato da Richard Gere.
Si tratta di un personaggio assolutamente negativo, un protagonista senza anima interessato solamente ai suoi affari e a mostrare il suo bel volto alla società.
Robert è infatti un magnate finanziario, proprietario di una grandissima azienda in cui lavorano anche i suoi figli.
L'inizio della pellicola ci mostra una vita fatta come si suol dire di rose e fiori. Su un aereo privato Robert giunge alla sua festa di compleanno: il sessantesimo. La sua famiglia, tra cui spiccano sua moglie Ellen (Susan Sarandon) e sua figlia Brooke (Brit Marling), lo aspetta calorosamente e con felicità.
Se il film fosse una commedia o un drammatico molto probabilmente continuerebbe su questa falsariga, ma La frode (Arbitrage) è un noir/thriller e dunque cambia immediatamente "copione".
Robert Miller infatti non è un uomo tranquillo e sereno propenso a godersi la pensione in tranquillità; ma un uomo vivo e attratto dal rischio.
Rischia negli affari investendo in un'attività di difficile riuscita ma dall'ottimo guadagno; rischia nella vita privata scegliendo una giovane amante con cui condividere momenti fugaci.
L'amante in questione è Julie, interpretata da Laetitia Casta.
Questo primo scorcio de La frode ci mostra dunque un Robert Miller abbastanza incasinato, alterato e in bilico sia nel lavoro che negli affetti. 
Visto da lontano, Robert sembrerebbe un uomo che sebbene abbia tutto quel denaro non si gode appieno la vita, non risultando neanche soddisfatto delle attenzioni dell'amante.

Probabile spoiler.
Ma quando le cose vanno male, non possono che andar peggio. Al thriller finanziario, fatto di buchi, falsi in bilanci, etc, si accompagna un thriller classico in cui spicca la morte di Julie, amante di Robert.
Lo spettatore assisterà all'accaduto, sapendo bene che Julie è morta in un incidente stradale causato da Robert, che guidava appunto l'auto.
A non saperlo sarà la polizia che comincerà ad indagare celermente sull'accaduto. Tra i poliziotti su tutti spicca il detective Bryer (Tim Roth).
Oltre alla Crisi economica, Robert dovrà far fronte anche ad una situazione imprevista che metterà a serio rischio i suoi nervi.
Nonostante qualche sbandamento, tuttavia Robert si mostrerà ben saldo alla guida del suo impero e della sua vita privata, non mostrando un briciolo di pietà e proseguendo per la sua strada.

Pochi saranno gli scrupoli di questo personaggio negativo di fronte alla morte della povera Julie.
In questa fase La frode potrebbe leggermente ricordare Match Point di Woody Allen, parlando di un caso facilmente risolvibile ma che presenta dei nodi difficili da districare.
Un appunto va fatto anche su Richard Gere che sebbene impersoni perfettamente l'uomo ricco e di classe, presenta nel complesso delle sfaccettature che non lo rendono totalmente cattivo.

Sino alla conclusione, il film di Jarecki, continuerà il suo racconto alternando le due frodi: quella finanziaria e quella sull'omicidio. Tenendo saldo il punto di vista sul protagonista, La frode ci mostrerà in seguito come tutti gli animi siano corruttibili e come ognuno per tutelare e migliorare i propri interessi sia disposto a defraudare il prossimo....

USCITA CINEMA: 
GENERE: Drammatico, Thriller
REGIA: Nicholas Jarecki
SCENEGGIATURA: Nicholas Jarecki
ATTORI: Richard GereSusan SarandonTim RothBrit MarlingMonica RaymundWilliam FriedkinLaetitia CastaJosh PaisBruce AltmanChris EigemanNate ParkerStuart MargolinJennifer ButlerLarry Pine

8 commenti:

  1. come ho detto anche al bradipo, il classico film da 6,5 :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ho letto le vostre recensioni, non vorrei che il 6,5 mi avesse condizionato:D

      Elimina
  2. un film riuscito in tutto e per tutto. una piacevole visione con un richard gere in forma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si una buona visione,con Gere ero rimasto a The Double e perciò ero molto perplesso su questo suo nuovo lavoro...

      Elimina
  3. Il film mi ispira la visione, Richard Gere sembra richiamare il Nicholas Cage di Lord of War in fatto di negatività.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho visto Lord of War, il personaggio di Gere è davvero avido anche se dal volto dell'attore traspare sempre un certo lato positivo:D

      Elimina
  4. allora aveva ragione il Cannibale, classico film da 6,5....ah c'è un LIEBSTER AWARD che ti aspetta da me...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fu profetico il Cannibale (oppure ci ha influenzati tutti), passo subito per il premio, Grazie:D

      Elimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate