11 febbraio 2013

Looper - In fuga dal passato


Il cinema fantascientifico ci ha da sempre insegnato che se casomai un giorno avessimo l'opportunità di farci un giro nel futuro, non dovremmo modificare neanche la più piccola cosa. Se lo facessimo importanti conseguenze potrebbero avvenire nel nostro presente. Esempi ne sono stati: Ritorno al futuro, The Butterfly Effect e via dicendo.
Il ragionamento che fa invece Looper di Rian Johnson è un attimino diverso e forse ancora più complicato: Se un giorno nel nostro presente, venisse un tipo dal futuro per cercare di cambiare il suo presente, modificando dunque qualcosa nel nostro tempo? 
Il discorso come detto non è dei più semplici, ma la seconda parte di questo film esplica precisamente questo concetto.

Voto 6,5. Come al solito cominciamo dal principio, anche questo non proprio dei più semplici.
Kansas 2044, i viaggi nel tempo sono segreti e a senso unico. Il senso è appunto dal futuro di trent'anni dopo quindi 2074, al presente 2044. A essere rimandati nel 2044, il presente del film, sono dei criminali o presunti tali che devono essere ammazzati senza possibilità di replica. Incappucciati e legati vengono trasferiti in una campagna desolata, in cui ad attenderli ci sono i Looper.
Questi sono degli assassini autorizzati che ammazzano questi "criminali" del futuro.
Uno degli inceppi di questa già complicata operazione, potrebbe avvenire allorchè il Looper si ritrovi come Loop (soggetto da ammazzare) il se stesso del futuro.
Dopo un inizio abbastanza sprint, questa specie di default sembra essere una costante e ad essere coinvolto in questo inceppo è anche Joe.
Joe giovane interpretato da Joseph Gordon-Levitt, si ritrova di fronte al Joe vecchio, ovvero Bruce Willis.
Lo ucciderà? Lo risparmierà? Diverranno amici, nemici?
Tutto quello che potrei dire adesso potrebbe essere ritenuto uno spoiler e guastare la festa agli amanti delle sorprese.

Quello che invece, posso dire è che Looper in un certo qual senso sorprende e si gioca bene le sue carte. Rifiuta le strade più semplici, preferendo incanalare strade differenti. Ammetto che avrei pronosticato un tipo di cammino più action, con un determinato comportamento dei protagonisti.
Looper invece diventa un altro tipo di film, molto più semplice e lineare della prima parte. Nonostante l'esagerazione di alcune scelte soprannaturali, la trama regge bene, grazie anche ad un ritmo veloce che non annoia.

Se meglio non svelare nulla della trama, oltre al consentito, un piccolo dibattito si può fare sui due protagonisti.
Vedere come diverremmo nel futuro, non credo sia una cosa che faccia impazzire di gioia, per chi ancora tende a considerarsi giovane.
Se chiedessimo a Joseph Gordon-Levitt come si vedrebbe da vecchio con il volto di Bruce Willis, non so quanto possa saltare di gioia; nel film scoprirete la risposta circa la contentezza di Joseph...
La mia impressione è quella che i due somiglino davvero poco, sia per caratteristiche fisiche che per appeal caratteriale. Che la vita possa cambiare le persone ci sta, ma addirittura renderle così diverse mi sembra troppo eccessivo.
Il regista Johnson forse si accorge di questa netta divergenza, e rende i due Joe, due personaggi diversi, separati, nettamente in contrasto, pronti a combattere per far emergere il vero Joe.
Sarà più forte il presente o il futuro?

USCITA CINEMA: 
GENERE: Azione, Fantascienza, Thriller
REGIA: Rian Johnson
SCENEGGIATURA: Rian Johnson
ATTORI: Joseph Gordon-LevittBruce WillisEmily BluntPiper PeraboPaul DanoJeff DanielsNoah SeganXu QingFrank BrennanTracie ThomsGarret DillahuntNick GomezMarcus Hester

4 commenti:

  1. totalmente d'accordo con te, Looper mi sembra una buona occasione parzialmente sprecata e poi quella parentesi sentimentale non mi è andata giù anche se devo dire che è divertente vedere Bruce Willis che fa il bullo con Gordon Levitt...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In condizioni normali le avrebbe prese Gordon Levitt da Bruce Willis:) Siamo d'accordo un' occasione sprecata dato il buono spunto iniziale...

      Elimina
  2. idem, trovi d'accordo anche me, lo avevo recensito, meno abilmente di te ma molto simile nei contenuti! :) comunque non male il film!

    http://123stronza.blogspot.it/2013/01/looper-il-solito-willis-e-di-poco-buono.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come detto nel tuo blog Willis non sembrerebbe neanche il padre di Gordon-Levitt:) Film carino e passabile...

      Elimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate