15 dicembre 2011

Midnight in Paris

Voto 5,5. Devo ammettere che Midnight in Paris, non mi ha entusiasmato più di tanto. Un film con un ritmo molto blando, con una buona ambientazione e fotografia, una buona recitazione data da un ottimo cast di attori, ma con una storia che non mi ha coinvolto.
Jil (Owen Wilson) è uno sceneggiatore che vorrebbe passare alla scrittura di un romanzo. Il suo futuro è segnato, deve sposare Inez (Rachel McAdams). Per non farsi mancare nulla i due, prima del matrimonio, accompagnati dai genitori di lei, fanno un bel viaggio nella romantica Parigi (ben inquadrata da Woody Allen).
Il viaggio almeno inizialmente si presenta abbastanza noioso per Jil, intontito dalla saccenza di Paul, fantomatica guida turistica, amico di Inez.

Una bella notte mentre s'incammina a piedi (mentre gli altri moderni, preferiscono il taxi), Jil s'imbatte in una "carrozza magica". Come per magia, appunto, Jil si ritrova nel suo mondo dei sogni. Un mondo in cui può conoscere Scott Fitzgerald, Hemingway, Picasso, Salvador Dalì (Adrien Brody) e soprattutto Adriana (Marion Cotillard), compagna di Picasso.
Imbambolato da questi personaggi di quell'epoca, Jil ogni notte farà di tutto per incontrarli nuovamente.
Il passato gli farà aprire gli occhi sul suo futuro, rendendolo consapevole di ciò che è più giusto per la sua vita.

Molti sostengono per molte cose che era meglio prima, come dice ironicamente anche J. Ax. Meglio le canzoni che facevano prima, meglio la tv di prima, il cinema di prima, l'horror di prima, la vita di prima, il lavoro come era prima, la politica di prima, e da qui all'infinito.
In Midnight in Paris la nostalgia per il passato si sente e si vede. Nel presente la vita di Jil è frenetica, "stupida", una vita che non merita neanche la giacca.
La notte come per Cenerentola, tutto cambia. Atmosfera raffinata, musica di classe, luci soffuse, cultura a volontà. Come Cenerentola Jil, nella sua notte magica troverà la sua principessa Adriana, la quale però a sua volta preferirà il passato della Belle èpoque.
La cosa migliore che ritroverà grazie al passato, sarà la sua vita. Il passato sarà utile per capire il presente, e proiettarsi positivamente verso il futuro ormai roseo.
Tutto molto romantico, ma come Jil, forse preferisco il passato, cinematograficamente parlando; quindi il vecchio Woody Allen (anche quello di Match Point e Scoop va bene) al nuovo. Purtroppo non mi è bastata una mezzanotte a Parigi, per essere più pro-Positivo per il presente-futuro....

USCITA CINEMA: 02/12/2011
REGIA: Woody Allen
SCENEGGIATURA: Woody Allen
ATTORI: Owen WilsonRachel McAdamsKurt FullerMimi KennedyMichael Sheen,Nina AriandaCarla BruniAdrien BrodyMarion CotillardKathy Bates

1 commento:

Generi cinematografici

Notizie archiviate