5 giugno 2011

The Ward

Voto 6. Si dice che il fine giustifica i mezzi. Nel caso del film The Ward, direi che la fine giustifica i mezzi, con i quali John Carpenter, regista del film, vi arriva.
L'epilogo della storia infatti, salva un film che per più di un'ora mostra non pochi difetti.
The Ward, il reparto, si presenta come un horror abbastanza scontato. Scene viste e riviste e andamento abbastanza prevedibile. Ragazze che muoiono una dopo l'altra, vittime di un poco terrificante mostro, o meglio mostra, molto simile ad un costume carnevalesco. Protagonista illesa fino al finale, atta a scoprire perchè tutto ciò è successo, dando un quadro generale della situazione, con tanto di rendiconto dell'apice che ha fatto scatenare quella furia ingiustificata.
Altro stereotipo ricorrente nei film horror, ambientati in ospedali psichiatrici, è la cattiveria dei dottori e degli infermieri, rispetto alla bontà e genuinità dei pazienti. Elemento che non manca in The Ward.

L'epilogo non è originalissimo, molto simile ad altri film, ma salva il film e rende più plausibile la storia che ci viene raccontata, che risulterebbe pressochè imbarazzante se fosse finita in altro modo.
Senza il finale, risulterebbe anche abbastanza inverosimile la rappresentazione dei personaggi. In particolar modo delle sei ragazze, ospitate nella clinica. Più che malate mentali, sembrano infatti ragazze che frequentano un college alla moda (stile anni 60), pronte per una festa.
Conclusione a parte, risulta comunque affascinante l'ambientazione e le atmosfere di cui il film si caratterizza. Sembra di trovarsi davanti ad un vecchio horror, con musiche composte dalla nota la la la, e luoghi oscuri e misteriosi, che impressionano più di mostri un pò pacchiani. 

TRAMA: La trama di The Ward è come detto, abbastanza scontata e che sa di già visto. Kristen si ritrova davanti ad una casa in fiamme, quasi sicuramente incendiata dalla stessa ragazza. Ritenuta pazza viene portata in un'ospedale psichiatrico e trattata come tale. All'interno della clinica conosce altre cinque "ospiti" del luogo, ognuna delle quali con una personalità distinta e diversa dalle altre. Sarah una tipa seduttrice e un pò in disparte dalle altre; Zoey una tipa un pò infantile che non si stacca mai dal suo coniglietto peluche; Iris abile ritrattista e Emily una tipa istintiva.
Ma la clinica oltre che da queste pazienti e dal personale, sembra essere abitata da una strana presenza indesiderata, che sempre più farà visita agli altri abitanti del luogo....

USCITA CINEMA: 01/04/2011
REGIA: John Carpenter
SCENEGGIATURA: Michael Rasmussen, Shawn Rasmussen
ATTORI: Amber Heard, Danielle Panabaker, Lyndsy Fonseca, Mamie Gummer, Jared Harris

Spoiler: 
In sintesi definirei The Ward, un Secret Window (o Shutter Island) mascherato da Sorvegliato speciale. 

2 commenti:

  1. Quante brutte cose sto leggendo su questo ultimo lavoro di Carpy... ahi ahi...

    RispondiElimina
  2. Per i primi 80 minuti sembra il solito horror, il finale migliora un pò il film:)

    RispondiElimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate