24 dicembre 2010

Nightmare è morto

Non c'è più da preoccuparsi, tutti i cineasti e appassionati di cinema possono dormire sogni tranquilli. L'incubo Nightmare, è ormai un ex-incubo, non fa più paura. Uscito il 25 agosto del 2010, e da poco in Dvd, il nuovo Nightmare di Samuel Bayer è poco impressionate, è un film adatto anche ai cuori più deboli e agli animi più suscettibili.
Catalogato nel genere Horror il film non incute molto terrore; molte scene, anzi, sono al limite della comicità. Un esempio su tutti la morte della prima ragazza, sballotolata a mò di esorcista qua e la tra le pareti della stanza.
Coraggiosa la scelta del regista di girare un remake della vecchia saga di Nightmare, ridando vita al suo personaggio. Il protagonista: Nightmare appare poco imperioso, non è caratterizzato abbastanza, nonostante le nuove tecnologie oggi mettano a disposizione del cinema effetti particolari per realizzare creature sempre più mostruose. Nightmare 2010 sembra facile da sconfiggere e incontrarlo in un sogno, non sarebbe un incubo. Lo sbattere la mano composta da coltelli, voleva essere un gesto per indicare il suo arrivo, atto a far scappare le povere vittime, ma in realtà sembra un modo per riempire soltanto il film.
Il volto di Nightmare sembra quello di uno sfortunato mostro e nulla più, manca la personalità e la caratterizzazione del vecchio Freddy Krueger, interpretato magistralmente da Robert Englund. Con e grazie a quest'ultimo la saga dei Nightmare è arrivata a 9 film, cominciata dal regista Craven e continuata poi da altri.
Difficile invece ipotizzare un sequel del Nightmare 2010, dati i bassi incassi generali del film che arrivano in Usa a 61.644.000 dollari, ancor meno in Italia. 
Voto generale al film 4,5. Di positivo, da annotare soltanto la storia, che comunque in molto ricorda il primo Nightmare. Un giardiniere delle scuole elementari pedofilo viene scoperto dai genitori dei bambini, che gli danno la caccia sino a bruciarlo vivo. Dopo una ventina di anni, il giardiniere appare nei sogni degli ex-bambini per tormentarli nuovamente.
Nel caso vi foste addormentati nella lettura della recensione, no problem siete sicuramente sani e salvi......

Nessun commento:

Posta un commento

Generi cinematografici

Notizie archiviate