I migliori personaggi di Sean Connery

Fra poche settimane saranno ormai passati due anni dalla scomparsa di Sean Connery, venuto a mancare il 31 ottobre 2020: è ancora difficile abituarsi al fatto che non si potrà più assistere a una nuova interpretazione di uno degli attori più iconici del cinema internazionale. Nel corso della sua carriera, infatti, l’attore scozzese si è cimentato nei più diversi generi portando in vita personaggi memorabili: film in costume, come Il Primo Cavaliere dove ha interpretato Re Artù; adattamenti fumettistici come La Leggenda degli Uomini Straordinari, ispirato all’opera di Alan Moore e nella quale interpreta Allan Quatermain; film d’avventura, come nel caso di Indiana Jones e l’Ultima Crociata nel quale interpreta il professor Henry Jones Senior, padre del protagonista. Non sono naturalmente mancati personaggi interpretati in thriller, polizieschi e gialli, facendo di Connery un viso familiare per gli appassionati di tali generi.

Impossibile non associare immediatamente il volto di Sean Connery a quello di Marko Ramius, il comandante del sommergibile sovietico intorno al quale ruota la trama di Caccia a Ottobre Rosso: adattato dal romanzo techno-thriller di Tom Clancy, esponente di spicco del genere, il film è ambientato nel 1984 ed è arrivato sui grandi schermi nel 1990. Il personaggio di Connery è un sommergibilista sovietico, di origini lituane, intenzionato a disertare così da poter consegnare l’avanzato sottomarino agli Stati Uniti: con una trama ricca di colpi di scena, si tratta di una delle interpretazioni più iconiche dell’attore scozzese.

Immagine >>>



È comunque indubbio che, parlando di interpretazioni iconiche, non si possa prescindere da James Bond. L’agente segreto britannico, protagonista di innumerevoli avventure fra thriller e spionaggio, è stato interpretato per la prima volta da Sean Connery in sei pellicole dedicate a 007, fra il 1962 e il 1971: un’interpretazione che ancora oggi, nonostante i vari interpreti succedutisi, è responsabile della fisionomia della spia britannica. Proprio al personaggio dell’agente segreto è legata una diffusa leggenda che vede protagonisti combinazioni di numeri della roulette, passatempo particolarmente apprezzato da Bond, e l’attore scozzese: nel 1963, in Italia, Connery avrebbe emulato una giocata alla roulette del suo più noto personaggio, vincendo più volte di seguito con la stessa puntata. Si tratta di un aneddoto dimostratosi falso, in quanto incompatibile con le date dei film, ma in grado comunque di evidenziare il legame fra attore e personaggio nell’immaginario collettivo.

Altro personaggio entrato nell’immaginario collettivo è poi Guglielmo da Baskerville, frate francescano interpretato da Connery ne Il Nome della Rosa, adattamento del 1986 dell’omonimo romanzo di Umberto Eco. Il religioso è in realtà un acuto osservatore, e nella trama si troverà a indagare su delle morti misteriose in un monastero dimostrandosi un vero e proprio detective: i parallelismi con Sherlock Holmes d’altronde sono molteplici a partire proprio dal nome, preso in prestito dal celebre mastino protagonista del racconto di Conan Doyle nonché parte centrale della mitologia dell’investigatore, visitata anche in fumetto. L’attore scozzese ha prestato il proprio volto al giallo anche in un’altra celebre occasione: è stato infatti il Colonnello Arbuthnot in Assassinio sull’Orient Express, pellicola del 1974 e primo adattamento cinematografico dell’omonimo capolavoro di Agatha Christie. Uno dei personaggi più importanti nella trama tanto del libro quando del film, mostra un Connery a suo agio anche in cast corali: fra gli attori si annoverano infatti Albert Finney, Ingrid Bergman e Jean-Pierre Cassel.

Infine, interpretazione celebre è stata quella che lo scozzese ha dato nel 1987 sul set de Gli Intoccabili: sotto la direzione di Brian De Palma, Connery ha prestato il volto a Jimmy Malone, cinico poliziotto irlandese impegnato in una crociata contro Al Capone nella Chicago degli anni ’30. Divenuto in breve una vera e propria pietra miliare del genere poliziesco/gangster movie, il film ha potuto contare anche sulle interpretazioni di Robert De Niro, nel ruolo di Al Capone, e di Kevin Costner, nel ruolo di Eliot Ness: proprio l’autobiografia di quest’ultimo, agente federale durante gli anni del proibizionismo, è stata la base della storia. La pellicola ha anche fruttato a Sean Connery il suo unico Premio Oscar, quello per Miglior Attore Non Protagonista: un riconoscimento certamente significativo nel caso di specie, ma insufficiente a racchiudere una carriera costellata di interpretazioni indimenticabili.

Commenti

  1. Una carriera straordinaria, è riuscito a rendersi "immortale", di nome e di fatto.

    RispondiElimina
  2. Golfingher un capolavoro, dopo di Lui , niente il nulla

    RispondiElimina

Posta un commento