12 luglio 2018

La strada per l'inferno - R. J. Ellory

Recensione La strada per l'inferno

In passato avevo segnalato su questo blog diversi romanzi di Roger Jon Ellory. Grazie a 21 Editore ed invogliato da una trama accattivante, ho letto La strada per l'inferno. Devo ammettere che ne è valsa davvero la pena, da tempo non leggevo un romanzo molto crudo con tema serial killer. 
Il romanzo ci parla soprattutto del destino, della casualità degli eventi e di come alcune schegge o meglio persone "impazzite" possano cambiare altre vite. Alle volte proprio per ribadire l'ineluttabilità del destino, il romanzo può apparire forzato in alcune soluzioni ed in alcuni cambiamenti dei protagonisti.
La strada per l'inferno ha per protagonisti due fratellastri con un passato tragico alle spalle. Clay Luckman che di fortunato ha solo il cognome, e Elliott detto Digger. Orfani di entrambi i genitori, i due finiscono in un riformatorio, dove sviluppano i loro differenti caratteri. Proprio questo sarà uno degli aspetti fondamentali del romanzo, due fratellastri con uno sguardo simile ma un carattere totalmente differente. Clay tranquillo, riflessivo; Digger impulsivo e molto spesso irruento. Un brutto giorno sulla loro strada casualmente finirà uno spietato serial killer in fuga dal braccio della morte.
Il romanzo inizia qui, dando vita ad una serie di eventi a tratti davvero catastrofici. Nella prima parte lo scritto di Ellory è infatti un po' macchinoso, fatto di lunghi capitoli con molte parole che possono scoraggiare il lettore. Dopo l'incontro con il serial killer, l'opera diventa fresca e ritmata anche nella forma, vedi i capitoli brevissimi che raccontano le vicessitudini dei diversi protagonisti, alcuni li conosceremo nel corso dell'opera.
A tratti La strada per l'inferno mi ha ricordato un grande classico come Io ti troverò di Shane Stevens, un accostamento non casuale dati i temi della fuga e dell'inseguimento.

TRAMA: Resi orfani alla nascita da un insensato atto di violenza, i fratelli Clarence ed Elliott sono allevati in un orfanotrofio. Totalmente ignari del mondo esterno, subiscono una nuova tragica esperienza quando vengono sequestrati e presi in ostaggio dal serial killer Earl Sheridan. Questi è uno psicopatico della peggior specie, ma ha l'involontario merito di imprimere una svolta decisiva nella vita dei due ragazzi, trascinandoli con sé, in fuga dalla polizia, attraverso la California e il Texas. Avvolti da una spirale di violenza e lasciando dietro di loro una scia di sangue, i due orfani saranno ben presto costretti a fare scelte che si riveleranno decisive per i loro reciproci rapporti e le loro stesse esistenze.


Curatore: N. Manuppelli
Editore: 21 Editore
Collana: Peñarol
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 30/11/2017
Pagine: 499 p., Brossura

Nessun commento:

Posta un commento

Generi cinematografici

Notizie archiviate