20 marzo 2017

Blogtour: Léo Malet - Il boulevard delle ossa. I personaggi

Penultimo appuntamento del BLOGTOUR di Fazi Editore dedicato a “Il boulevard delle ossa” di Léo Malet, in libreria dal 16 marzo.

Sinossi
È primavera, e all’agenzia d’investigazione Fiat Lux è un gran giorno: Nestor Burma e la sua assistente Hélène hanno appena vinto due milioni alla lotteria. Bisogna festeggiare, pipa in bocca e bicchiere in mano. Ma non si può mai stare tranquilli.

Suona il campanello e i festeggiamenti vengono interrotti da un uomo trafelato: è Goldy, un mercante di diamanti ebreo, e ha bisogno del loro aiuto. Le informazioni che fornisce sul caso sono piuttosto fumose, ma a quanto pare ci sono di mezzo la malavita cinese e un giro di prostituzione russa d’alto bordo. Abbastanza per incuriosire Burma, che si mette subito all’opera.
Questa volta l’indagine si svolgerà su strade del tutto nuove: da un bordello di Shanghai, a una Casa d’aste di rue Drouot, fino al tesoro della Corona imperiale russa, mentre si apriranno scenari sempre più inquietanti e spunteranno elementi sempre più strani, come uno scheletro con una gamba sola che sembra appartenere a un generale scomparso nel 1939 e un cadavere che forse non è tale fino in fondo.

I personaggi:

 Nestor Burma è un detective a capo dell’agenzia Fiat Lux. Personaggio sopra le righe, dotato di una forte ironia e senza peli sulla lingua, l’investigatore non rispecchia il modello classico di detective al quale siamo abituati, è una sorta di antieroe del suo tempo, che non sbaglia mai un colpo. Un dongiovanni, ironico, critico e diffidente, non si serve solo di ragionamenti razionali ma analizza sul campo, osservando ogni comportamento, reazione e peculiarità, anche rischiando di cacciarsi nei guai. Non si separa mai dalla sua pipa e quando perde di vista l’obiettivo e sembra tutto perso del blues e il sassofono possono rimediare a tutto.
«Assumo l’espressione di chi riflette fino a farsi scoppiare le meningi. Inutile precisare che sto fingendo. Non c’è nulla su cui riflettere. È già tutto riflettuto. Guardo le gambe di Hélène. Per passare il tempo. Sotto la gonna, si vede un po’ di sottogonna. Molto graziosa.»

Hélène Chatelain è l’assistente di Burma, il suo angelo custode. Bella da mozzare il fiato, la bella segretaria adora stuzzicare il suo capo, ma al tempo stesso non si fa problemi a dirgli le cose come stanno. Se è necessario lo rimprovera così come se c’è da dare una mano, mal volentieri ma lo fa. In questo capitolo i due avevano vinto alla lotteria, ma per ironia della sorte, un caso urgente, è costretta a cambiare i piani che la vedevano ormai in vacanza.

Omer Goldy è colui che affida l’incarico a Burma. Viene presentato come un uomo sulla cinquantina, grigio, spento, pignolo e nervoso. È un gioielliere, che si occupa di diamanti all’ingrosso. Non sembra essere dotato di sarcasmo e non coglie l’ironia dell’investigatore quando quest’ultimo tenta di strappargli un sorriso. Teme per la sorte di una persona che conosce.

Roger Zavatter assistente occasionale dell’agenzia Fiat Lux, presta i suoi servigi a Burma quando l’occasione realmente lo richiede. In questo caso deve pedinare Chang-Pu.

Guy Florent è un uomo sulla sessantina, alto, presuntuoso e vanitoso. Come Burma stesso lo definisce “il perfetto cliente da bordello”. Sarà lui a dargli delle informazioni su un biglietto rosa.

Chang-Pu è il proprietario del ristorante cinese, molto “occidentalizzato”, dallo sguardo enigmatico, sospettato di appartenere alla malavita cinese e di ricattare Natascia.
«Indossa un completo di ottimo taglio e il bavero della giacca è decorato da un fiore vero. Ha l’aria sognante. Non sembra essere seduto lì, a due passi dal Folies Bergére e dai Grands Boulevards. Sembra volare oltre la Terza Porta Celeste nell’Impero Madreperlaceo delle Felicità Soavi.»


Natascia Spiridovic sarta russa dal portamento autoritario, occhi penetranti. Viene presentata come un personaggio eccentrico, capriccioso e materialista.
«Nastascia annuisce con la testa. È troppo educata per dire: “Che cavolo ci fa ancora qui, lei”.»

BLOGTOUR – Il boulevard delle ossa: tutte le tappe
20 marzo - I personaggi 50/50 Thriller
23 marzo – L’ambientazione Una pausa di lettura

Sandy Mercado



Nessun commento:

Posta un commento

Generi cinematografici

Notizie archiviate