10 ottobre 2016

La promessa - Jussi Adler Olsen

Recensione La promessa

Voto 7. Lo scrittore danese Jussi Adler Olsen è diventato ormai una certezza della letteratura thriller ed in particolare della sfera nordica. Edito da Marsilio nella collana GialloSvezia, Olsen è ormai un "cavallo di razza" in grado di produrre romanzi di qualità medio-alta.
La sua Sezione Q, un dipartimento per così dire sfigato di polizia dedito ai casi dimenticati, ha ormai fatto storia, diventando un vero e proprio prodotto seriale. In patria addirittura i primi due romanzi son diventati dei film cinematografici.
Per mantenere sempre alta l'attenzione del lettore, Olsen ha ormai adottato una strategia consolidata nel tempo: casi nuovi stuzzicanti su cui indagare e vecchie questioni in sospeso che hanno lo scopo di collegare i diversi romanzi.
Chi conosce i personaggi di Olsen saprà le questioni sospese, affrontate anche ne La promessa. Carl deve risolvere il caso della pistola sparachiodi che ha costretto sulla sedia a rotelle il suo amico e collega Hardy. Assad ha un passato enigmatico che non ci è dato conoscere, anche se a piccole dosi lo scrittore ci sta indirizzando verso la verità. Stessa situazione di Assad è quella di Rose, una tipetta un po' stramba ma dalle grandi potenzialità. Ancora una volta non aspettatevi risposte certe per quanto riguarda queste situazioni "aperte".

Il caso del romanzo in questione, quello "chiuso" ovvero che termina con il romanzo, tratta diversi temi interessanti: esoterismo, religione, sette mistiche.
Prima di addentrarci in questi argomenti, bisogna partire dal principio. L'ispettore Christian Habersaat è ossessionato dalla morte "accidentale" della giovane Alberte. Sono diciassette anni che Christian deve convivere con questo fardello, convinto che la morte della ragazza non sia stata causata da un semplice incidente bensì da un vero e proprio omicidio. L'ossessione lo spinge alla follia e dopo essersi rivolto alla Sezione Q si ammazza con la pistola di ordinanza nel giorno del suo congedo.
Dopo un'iniziale reticenza il trio Carl, Assad, Rose si interessa al caso, in virtù anche della morte dell'ispettore.
Ricominciano ad esplorare dunque tutte le tappe compiute da Habersaat, scoprendo collegamenti strani che coinvolgono Alberte.
In contemporanea alle ricerche della Sezione Q, conosceremo alcuni membri di questa "setta" dedita al sole, in particolare Pirjo, una ragazza ostinata ed innamorata del "capotribù" Atu.

Jussi Adler Olsen in questo caso fa una netta distinzione iniziale tra buoni e cattivi, non tralasciando nel finale una serie di colpi di scena inaspettati. Il livello di suspense inizialmente non è alto ma la scrittura rapida e tagliente e l'investigazione dei protagonisti rendono il romanzo godibile e dall'ottimo ritmo.
La scrittura degli antagonisti è ottima, così come la narrazione degli eventi. Sicuramente più affascinante è la parte relativa a Pirjo e le sue "politiche" di accoglienza, mentre la storia privata della Sezione Q sa di già letto.
Un romanzo comunque da non perdere per chi ha cominciato la sua avventura con la Sezione Q...

TRAMA: La consueta pennichella mattutina di Carl Mørck nel seminterrato della centrale di polizia di Copenaghen viene bruscamente interrotta dalla telefonata di un collega di Bornholm, la più orientale delle isole danesi. Da diciassette anni l’ispettore Christian Habersaat cerca senza successo di far luce sulla morte misteriosa di una ragazza, che gli apparve allora su una strada di campagna, appesa a testa in giù tra i rami di un albero. La Sezione Q, specializzata in casi irrisolti, è la sua ultima speranza. Burbero e svogliato come al solito, l’ispettore Mørck è riluttante ad accollarsi un nuovo caso. Ma quando, poche ore dopo, lo stesso Habersaat muore in circostanze drammatiche, si sente in dovere di precipitarsi nella remota isola del Mar Baltico insieme ai suoi due stravaganti assistenti, Rose e Assad. In quel luogo lontano dal mondo, la Sezione Q al completo dovrà indagare su personaggi dalla volontà d’acciaio e dalle incredibili doti manipolatorie, disposti a tutto pur di raggiungere i loro fi ni e difendere i loro interessi. Sette dai riti esoterici, guru carismatici e ragazze troppo ingenue: l’immersione della squadra più anticonformista dell’intero corpo di polizia nelle acque torbide di un’inchiesta costellata di misteri e false tracce porta alla luce il marcio ben dissimulato della società danese contemporanea.

AUTORE: Jussi Adler Olsen
EDITORE: Marsilio
NAZIONE: Danimarca
ANNO: 2016 
PAGINE: 571 

Nessun commento:

Posta un commento

Generi cinematografici

Notizie archiviate