30 settembre 2016

Guarda dietro di te - Sibel Hodge

“Le persone sono come le vetrate. Scintillano e brillano quando c’è il sole, ma quando cala l’oscurità rivelano la loro bellezza solo se c’è una luce dentro.”
- Elisabeth Kübler-Ross

Guarda dietro di te è un romanzo ad alta tensione. Chloe si risveglia in quello che sembrerebbe essere un bunker e non ricorda assolutamente niente. Sa di storia già sentita eppure i colpi di scena sono dietro l’angolo. Uno dietro l’altro. Ogni persona che circonda la protagonista è un possibile sospettato, guardare la realtà attraverso gli occhi di chi si ricorda di lei è difficile e surreale. Non è al sicuro e quella sensazione di frustrazione, paura e ansia, accompagna il lettore pagina dopo pagina mentre la domanda resta sempre la stessa: chi l’ha ridotta in quel modo? Come quando si gioca a Cluedo partono le ipotesi. Sarà stata la sua amica Sara? Il suo collega Jordan o il suo perfetto maritino?  Sibel Hodge un po’ è riuscita a mettere la pulce nell’orecchio ma quando la risposta risultava palese un colpo di scena fa ritornare il lettore sui propri passi, depistandolo dalla ipotesi iniziale. Un bel thriller non c’è che dire.
I personaggi sono stati delineati a regola d’arte, soprattutto Chloe e Liam, i due protagonisti. È grazie a loro se la trama ha il suo fascino e porta ognuno a chiedersi se nella vita vera la vittima riesca a farcela e non finisca col restare intrappolata nella recita di uno psicopatico, qual è Liam. Mi sarebbe piaciuto vedere sviluppati anche la migliore amica della protagonista e lo stesso Jordan, collega della stessa.
Lo stile della Hodge è fluido e la narrazione coinvolgente, nonostante qualche colpetto prevedibile non sono riuscita a staccare gli occhi di dosso dalla lettura e questo significa molto. Il suo prodotto non è perfetto, ma sono quelle imperfezioni a renderlo comunque unico. Una sfida tra la miriade di romanzi thriller esistenti oggigiorno. Non sarà arrivata prima, ma il suo “Guarda dietro di te” merita una speciale menzione in classifica.
  
TRAMA:
Chloe Benson si risveglia improvvisamente in una sorta di caverna sotterranea, legata e imbavagliata, senza sapere come è finita laggiù, chi l’ha rapita e perché.
Fortunatamente riesce a scappare, ma una volta tornata a casa si rende conto che l’incubo è tutt’altro che ­finito. Chloe, infatti, non ricorda nulla delle settimane che hanno preceduto il suo rapimento, e le persone intorno a lei, quelle che dovrebbero aiutarla a recuperare la memoria, non prendono sul serio ciò che le è accaduto. Nessuno sembra crederle: né la polizia, né i medici, né tantomeno suo marito Liam… e alla fine anche Chloe comincia a dubitare di se stessa. Ma c’è qualcosa di strano nella storia che continuano a raccontarle, molti dettagli non combaciano e le impediscono di sentirsi davvero al sicuro. Chloe è certa che qualcuno sta osservando ogni sua mossa, e se vuole davvero uscire da quell’incubo, sa che dovrà ripercorrere le tappe della sua vita e cercare cosa si nasconde in quel buco nero che ha inghiottito il suo passato. Ma non è semplice cercare la verità quando non sai di chi fidarti.
AUTORE: Sibel Hodge
EDITORE: Newton Compton Editori
NAZIONE: Italia
ANNO: 2016
PAGINE: 318

Anaelle Hailey


Nessun commento:

Posta un commento

Generi cinematografici

Notizie archiviate