20 febbraio 2015

Taken 3 - L'ora della verità

Voto 5. Qualche settimana fa, il film John Wick mi diede lo spunto per elencare in maniera sintetica i punti di cui si compone un action movie. Taken 3 - L'ora della verità rispetta in pieno questi standard, puntando su un supereroe umano (Liam Nesson alias Bryan Mills) che combatte per vendicare l'amata brutalmente ammazzata, anche se in questo caso era la ex-moglie.
Il canovaccio è dunque abbastanza classico: un uomo solo in grado di distruggere un esercito misto di russi e americani. Una vendetta più fisica che emotiva, quasi il protagonista fosse spinto da una forza di inezia e non da sentimenti veri. Cattivo prevedibile anche se lo si cerca di nascondere utilizzando una struttura thriller, finale ipotizzabile già dal trailer o dai precedenti capitoli.
Il regista Olivier Megaton ed il gruppo di sceneggiatori (tra cui spicca Luc Besson) cercano di modificare lo schema classico di questo action movie, introducendo altri personaggi su tutti il poliziotto interpretato da Forest Whitaker, che ha sempre quell'atteggiamento da finto duro anche se in fondo in fondo è uno dei "nostri".
Franck Dotzler (questo il nome del personaggio di Whitaker) dovrà braccare addirittura il nostro eroe, imputato numero uno della morte della ex-moglie, beccato addirittura con il coltello in mano e il cadavere in casa.

Possibili spoiler
Nasce quindi uno scontro tra questi due personaggi: Franck a caccia di Bryan. Sembrerebbe una cosa figa, il buono inseguito da un altro buono, in realtà lo "scontro" tra i due pare adatto per una puntata di Tom & Jerry o di Willie il Coyote contro Beep Beep. Il primo insegue il secondo non riuscendo ad acciuffarlo per un millesimo di secondo, con conseguenti disastri per gli uomini in divisa guidati da Franck.
Se lo svolgimento della trama fa storcere un po' il naso agli amanti della novità, un velo pietoso si potrebbe stendere sulla sceneggiatura dei dialoghi, due battute su tutte mi hanno fatto alquanto ribrezzo.
Ecco gli esempi citati a memoria d'uomo:
- Franck capisce che Bryan non è il vero colpevole dell'omicidio della moglie e parlando con l'ex-agente della Cia gli dice: Lascia fare a noi, lo acciuffiamo noi (riferito al vero assassino). Mi viene da chiedere: Non siete riusciti ad acciuffare quel bonaccione di Bryan che ve l'ha fatta sotto il naso diverse volte, come pretendete in un secondo di incastrare un assassino?
- Termine della "missione". Bryan abbraccia sua figlia Kim (Maggie Grace) la quale gli dice: Papà sanguini!
Dopo tutto quel che è successo, dovo diversi incidenti in auto, dopo aver massacrato almeno una decina di nemici, un po' di sangue era consentito no?

  • DATA USCITA
  • GENERE: AzioneThriller
  • REGIAOlivier Megaton
  • SCENEGGIATURALuc BessonRobert Mark Kamen
  • ATTORI: Liam NeesonFamke JanssenMaggie Grace,Forest WhitakerJon GriesLeland OrserJonny WestonDylan BrunoAlan D. Purwin

6 commenti:

  1. per quanto sia una robaccia, per una volta è un action movie che sono riuscito a godermi.
    sarà che nella sua semplicità alla willie il coyote contro beep beep funziona abbastanza :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di godibile è godibile, non mi sono neanche addormentato a differenza di John Wick :P però rimane una robaccia, quindi niente sufficienza :D

      Elimina
  2. Meglio del secondo capitolo, peggio del freschissimo (all'epoca) primo capitolo. Comunque rimane robetta da guardare di domenica pomeriggio in tv.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo lo ricordo anch'io vagamente carino, dovrei rivederlo ma è l'unico che salverei dei tre..

      Elimina
  3. Davvero una robetta. John Wick è decisamente moooolto migliore!

    RispondiElimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate