13 gennaio 2015

Scena del crimine. Storie di delitti efferati e di investigazioni scientifiche - Carlo Lucarelli, Massimo Picozzi

Voto 7+. Il True Crime è sicuramente una branchia del genere thriller molto affascinante. I crimini realmente accaduti ci mostrano come il male non sia un'entità confinata nelle storie degli orrori, ma che si manifesta nelle forme più semplici e comuni: in altri esseri umani.
I più accreditati a parlare di crimine reale sono Massimo Picozzi e Carlo Lucarelli, i quali da tempo hanno cominciato la loro collaborazione per esporci il marcio del mondo.
In Scena del crimine, i due autori analizzano ciò che resta di una scena del crimine appunto. Partendo dalla scena morta sarà possibile risalire all'assassino, individuando momento della morte, cause della morte, armi che hanno provocato la morte.
C'è da rispondere in pratica alle 5 W: What? Where? Who? Why?When? e How?
Il punto di forza di questo scritto è il continuo alternarsi tra nozioni tecniche e scientifiche ed esempi pratici di omicidi che riguardano quel determinato tipo di parte tecnica.
Ad esempio nella sezione dedicata ai vari modi di avvelenamento, il caso pratico sarà quello del medico Harold Shimpan che nella sua vita uccise circa 215 pazienti.
Il primo aspetto quasi sicuramente è curato dal criminologo Massimo Picozzi, mentre le varie storie ci vengono abilmente narrate da Carlo Lucarelli.
Harold Shipman
Lo scrittore ci presenterà anche i casi di O.J. Simpson, la morte in università di Marta Russo, le probabili motivazioni che hanno spinto l'aereo di Luigi Fasullo sul pirellone, l'attentato terroristico di Timothy McVeigh o le uccisioni del serial killer Gianfranco Stevanin.
Se la parte di Lucarelli è adatta al lettore curioso di conoscere vecchi casi di omicidi; la parte di Picozzi può essere davvero utile per lo scrittore di gialli, in quanto si presenta con dovizia di particolari il metodo di analisi di una scena del crimine.
L'approfondimento scientifico riguarda anche la conoscenza a grandi linee delle varie fasi della morte e degli strumenti o delle modalità che hanno provocato la morte stessa. Strangolamento, armi da fuoco, avvelenamento, incendio, creazione di bombe, comportamento di un corpo in acqua o nel fuoco e tanti altri particolari macabri che riguardano il nostro organismo.
Nonostante le 226 pagine, Scena del crimine è un romanzo davvero ricco e che appassionerà moltissimo gli amanti del true crime ma anche i scrittori in erba che necessitano di un manuale pratico che renderà più credibili i loro lavori.

Timothy McVeigh
TRAMA: Le operazioni che gli investigatori compiono nel luogo in cui è avvenuto un omicidio, la cosiddetta "scena del crimine", sono il frutto di una lunga esperienza criminologica. Carlo Lucarelli e Massimo Picozzi tornano insieme per indagare tutti quei casi criminali che hanno modificato in modo sostanziale le scienze forensi. Le storie di Ferdinando Carretta, di O.J. Simpson e di Michele Profeta, l'omicidio di Marta Russo e il suicidio di Luigi Fasulo, schiantatosi sul Pirellone con il suo velivolo, vengono ripercorsi e analizzati per spiegare ai lettori non specialisti i segreti e le tecniche della polizia scientifica.

AUTORE: Carlo Lucarelli, Massimo Picozzi
EDITORE: Mondadori
NAZIONE: Italia
ANNO: 2006
PAGINE: 226

Nessun commento:

Posta un commento

Generi cinematografici

Notizie archiviate