2 dicembre 2014

Dracula Untold

Voto 5. La mia immagine di Dracula resta legata inesorabilmente al Dracula di Bram Stoker del 1992. Nel tempo l'immagine del celebre vampiro non ha subito migliorie, anzi alcuni suoi discendenti hanno solo peggiorato il fascino dei cosiddetti vampiri, basterebbe citare Twilight che sfrutta questi "mostri" in maniera inopportuna.
In questo 2014 ecco apparire sugli schermi cinematografici Dracula Untold di Gary Shore. L'operazione di resuscitare Dracula dalla sua oscura tomba mi sembrava già discutibile dal trailer che presentava scenari action ed atmosfere epiche.
Il film rispecchia pienamente il suo trailer presentandoci una specie di Dracula super-eroe che combatte una guerra molto epica contro l'impero turco-ottomano che vuole conquistare la Romania/Transilvania.
Di positivo c'è senza ombra di dubbio la presentazione storica del conte Vlad e dei suoi problemi storici. Conte rinominato Impalatore per la sua pratica di impalare i corpi dei nemici sconfitti in battaglia. Se Dracula Untold avesse continuato a percorrere questa strada realistica avrebbe avuto la sua ragione di esistere, raccontandoci le origini appunto del mito di Vlad, rinominato Dracula.
Ma parlare di Dracula e non parlare del Vampiro sarebbe stata forse una grande offesa nei confronti dei fan di questo mito e perciò si sceglie la strada peggiore per raccontare questa storia. Il conte Vlad diventa Dracula attraverso il classico patto con il diavolo. In cambio di forza smisurata, vista eccezionale, udito sensibililissimo, velocità felina, Vlad dovrà correre il rischio di diventare un vampiro. Avrà tre giorni di tempo per sfruttare queste qualità, se nel frattempo assaggerà del sangue umano non potrà più tornare alla sua condizione umana.

Il progetto Dracula Untold è dunque abbastanza fumettistico e tendente al super-eroe, servendosi di un personaggio con davvero poco appeal e con pochissima cattiveria. L'impalatore divenuto vampiro ha il cuore di un cucciolo che combatte per amore: quello che nutre verso sua moglie e suo figlio.
La storia ha tendenze fantasy e da favoletta classica con un finale quantomeno discutibile.
La mia immagine di Dracula per ora resta legata a quella di Dracula di Bram Stoker.

  • DATA USCITA: 
  • GENERE: Azione, Drammatico, Horror, Fantasy
  • REGIA: Gary Shore
  • SCENEGGIATURAMatt SazamaBurk Sharpless
  • ATTORILuke EvansSarah GadonDominic Cooper,Samantha BarksCharlie CoxZach McGowanWilliam HoustonNoah HuntleyRonan VibertDiarmaid MurtaghJoseph Long

10 commenti:

  1. "il cuore di un cucciolo che combatte per amore" direi che sintetizza alla perfezione il protagonista del film.
    e il fatto che il protagonista dovrebbe essere, in teoria, dracula, poco si abbina con una definizione del genere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti Dracula è un'altra cosa, ad esempio un vampiro cattivo affamato di sangue :D

      Elimina
  2. Concordo su tutto, anche sul volto.
    Fatto bene, e chi lo mette in dubbio, ma è inutile. E quello non è Dracula. Un altro titolo, e magari saremmo stati tutti più clementi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma forse anche no :P secondo me il vero coraggio sarebbe stato parlare del conte Vlad senza Dracula :)

      Elimina
  3. L'unica cosa che mi è rimasta impressa è che sotto il trucco da demone - vampiro c'era Nonno Lannister... il resto era tutta roba dimenticabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vagamente ricordava anche il vecchio dracula di Bram Stoker a cui siamo legati, gli mancavano giusto i capelli bianchi ;)

      Elimina
  4. Non serviva un altro film su Dracula, almeno non ora. Troppo cinecomic e poco horror.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O ne serviva uno degno di tale nome :)

      Elimina
  5. assolutamente immondo...e come dici giustamente non è Dracula, ma un'altra cosa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un tenero conte Vlad, era più cattivo il conte Dacula

      Elimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate