13 ottobre 2014

Sin City - Una donna per cui uccidere

Voto 5. Le domande che bisogna porsi per parlare di Sin City - Una donna per cui uccidere sono più o meno le solite che si possono fare per film di successo a cui seguono dei sequel, appunto. Quindi: c'era davvero bisogno di un secondo capitolo di Sin City? Perché il regista Robert Rodriguez ha aspettato nove anni?
Le risposte che danno i sequel sono anch'esse abbastanza scontate: No, non c'era bisogno del sequel uscendo addirittura con le ossa rotte dal confronto con il capitolo originario.
Ultimamente il fenomeno sequel è una costante di ogni film, ormai la serialità pare aver conquistato cinema e registi che una volta indovinato il primo prodotto non possono che spremere il massimo dallo stesso nel corso degli anni.
Questo discorso vale pienamente anche per il regista Robert Rodriguez che ha già intrapreso questo percorso con Machete, già a quota due e Spy Kids. Una delle perle della sua filmografia è Sin City, dunque perché non continuare la saga?
C'è da dire, che il film fumettistico si presta anche alla sua evoluzione; i fumetti d'altronde son dei prodotti seriali che puntano proprio sulla affezione ai protagonisti.
Ma se sequel deve esserci che almeno sia scoppiettante e che dia linfa nuova al prodotto.
Invece Sin City - Una donna per cui uccidere è un sequel sgonfio, che sembra essere fatto solo per spolverare la memoria dello spettatore sul fenomeno Sin City. Se fosse appunto una serie, questo secondo capitolo sarebbe una puntata sotto tono che serve da trampolino per un finale che si spera ricco e più gustoso.

Quel che rimane senza dubbio è l'affascinante presentazione grafica e scenografica del film, che utilizza ancora bianco e nero conditi da tocchi colorati.
Se questo il punto forte, la parte meno interessante è quella narrativa, sicuramente la più importante per un film.
Tre sono le storie principali di questo Sin City: quella che vede per protagonista Dwight (Josh Brolin) che deve tener testa all'ammaliatrice Ava Lord (Eva Green); la partita a poker e nella vita tra Johnny (Joseph Gordon -Levitt) e il senatore Roark; e la ricerca di vendetta da parte di Nancy (Jessica Alba).
L'unica storia interessante è quella di Ava, infatti è quella che ha una durata maggiore. Merito va dato sicuramente a Eva Green nella caratterizzazione del personaggio, una delle poche cose che ricorderemo di questo nuovo capitolo di Sin City...

  • DATA USCITA: 
  • GENERE: Azione, Poliziesco, Thriller, Fantasy
  • REGIARobert Rodriguez
  • SCENEGGIATURA: Frank MillerWilliam Monahan
  • ATTORI: Rosario DawsonMickey RourkeBruce Willis,Eva GreenJessica AlbaJaime KingJosh Brolin,Michael MadsenClive OwenJamie ChungJoseph Gordon-LevittJulia GarnerJuno TempleRay Liotta

8 commenti:

  1. Sei politico solo per la Green.
    Che ricorderemo per la caratterizzazione e non solo, mi sa :P

    RispondiElimina
  2. tutto (giustamente) ruota intorno a eva green. il resto sembra messo lì intorno solo per allungare il minutaggio...
    ennesimo sequel inutile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avessero dilatato di più quell'unico episodio forse sarebbe stato meglio, forse....

      Elimina
  3. Io mi sa che vado a vederlo lo stesso solo per il bel faccino di Joseph Gordon Levitt :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti anticipo niente, ma in questo caso il suo faccino non rimarrà per sempre lindo :P

      Elimina
  4. sarà ricordato solo per le tette della Green, temo....

    RispondiElimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate