24 giugno 2014

Gomorra - La serie (Prima stagione)

Voto 8,5. Da sempre ho snobbato le serie tv, considerandole dei prodotti di qualità inferiore rispetto alle pellicole cinematografiche. Altra motivazione che non mi avvicinava a questo tipo di spettacolo era la serialità, caratteristica principale delle serie tv. Dover sottostare a orari televisivi ed appuntamenti fissi mi faceva storcere un po' il naso, diciamo che era una visione abbastanza all'antica, in quanto il web dà l'opportunità di poter vedere una serie completa in maniera consecutiva.
Ma a spingervi verso le serie tv è stato il mondo della blogosfera, in particolare dei blog cinematografici che frequento quotidianamente, i quali sempre più esaltavano le serie moderne ben scritte e raccontate. Una di queste era appunto Gomorra, fresco prodotto di Sky Atlantic, ideata da Roberto Saviano naturalmente.

Che dire, è valsa veramente la pena vederla.
Cattiva, spietata, adrenalinica, ottima regia e fotografia, attori bravissimi e soprattutto credibilissimi a raccontare una realtà taciuta per tanti anni e messa in pubblico da Saviano.
Una serie che non si perde in preamboli e comincia subito dal vivo, il motore della camorra è già avviato da tempo, perciò bisogna agire.
Titolari del regno oscuro sono i Savastano, capitanati da Don Pietro (Fortunato Cerlino). Accanto a lui sua moglie Donna Imma (Maria Pia Calzone) ed il figlio Gennaro (Salvatore Esposito). Don Pietro è un boss temuto e rispettato in grado di far rigare dritti i suoi guaglioni; Genny è ancora acerbo troppo preso dal divertimento e dal godimento della ricchezza creata da suo padre.
Il miglior soldato del clan Savastano è Ciro Di Marzio (Marco D'Amore) un ragazzo intelligente e soprattutto molto ambizioso, disposto a tutto pur di arrivare al vertice.
I Savastano non vivono in regime di monopolio, anzi devono spartirsi il territorio con i Conte, clan di Don Salvatore (Marco Palvetti).
Questa è a grandi linee la trama base di Gomorra, serie televisiva in grado di affrontare a tutto tondo il problema della camorra.

Assisteremo ad atti intimidatori nei confronti dei rivali che porteranno conseguenze gravose all'interno del proprio clan: Morti che valgono zero per la causa, subito sostituti da altri nuovi soldati.
Si affronterà il problema dell'affiancamento e della crescita di giovani criminali a quelli più esperti; l'estasi della ricchezza che dà potere immenso e spropositato.
Gomorra ci parlerà anche dell'esperienza del carcere, del rispetto immenso per il nome del boss ma anche del problema della gestione lontano dalla strada.
Non verranno tralasciati i traffici internazionali generati dalla camorra e gli allacciamenti con contabili in grado di quadruplicare i soldi guadagnati dal semplice spaccio della droga.
Non secondari saranno i rapporti con la politica, in grado di favorire la camorra nella gestione di appalti e costruzioni.
L'aspetto economico della camorra è sempre assistito da quello sul campo, il lavoro manuale svolto da guaglioni vecchi ma anche giovanotti inesperti, questi ultimi esaltati dal denaro facile e dalla potenza di una pistola.
Ma in mezzo a questo tripudio, dominato dalla sfarzosità e sfrontatezza dei camorristi, c'è anche spazio per qualche persona incorruttibile, qualcuno che non gira la faccia dall'altra parte e si prende la mazzetta, al contrario di qualcun'altro.

Gomorra è dunque una serie imperdibile, una serie cattiva che non si lascia prendere neanche un momento dal buonismo cinematografico italiano. Un pugno in un occhio, con qualche faciloneria: spoiler Il cambiamento di Gennaro appare troppo rapido e drastico; nel finale Ciro in fuga perché va assistere ad un coro di bambini?
Nonostante qualche piccolo difettuccio, dovuto forse alla ristrettezza dal punto di vista dei tempi tecnici, Gomorra è secondo me una delle migliori serie in circolazione e lo dice uno che ne ha viste solo due :)

4 commenti:

  1. finalmente ti sei convertito alle serie tv, bravo guagliò! ;)

    RispondiElimina
  2. Il tuo animo thriller troverà parecchio pane per i suoi denti nel mondo seriale! La partenza con Gomorra, davvero una sorpresa ben fatta e ben interpretata, spero sia solo l'inizio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ne ho segnate già diverse di serie: Lost, The Killing e anche Romanzo Criminale; con Gomorra son partito alla grande hai ragione :)

      Elimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate