3 febbraio 2014

The Best of Philip Seymour Hoffman

Non sono bravo nei necrologi e negli addii, anche perchè in questi casi la cosa migliore sarebbe non dire proprio nulla.
Finora non ho mai parlato di attori e registi che sono passati a miglior vita, anche perchè li ho frequentati poco.
Con Philip Seymour Hoffman il rapporto è invece stato più frequente, con diverse serate passate insieme, naturalmente metaforicamente parlando.
Conobbi Philip nel lontano 1999 con il film di Paul Thomas Anderson: Magnolia. Effettivamente un pò tardi, dato che il buon Hoffman aveva già girato diversi film, tra cui Boogie Nights, sempre con Anderson (che ho recuperato dopo Magnolia).
Dell'attore americano nato nel 1967 ricordo con piacere il bel thriller Onora il padre e la madre con Ethan Ewake, Le idi di marzo, L'arte di vincere. Tutti film in cui Philip ha dimostrato l'immensa prova del suo talento. L'arte di essere una spalla sempre efficiente ed affidabile, anche per via del suo aspetto fisico da non divo hollywoodiano. L'Oscar Hoffman l'ha vinto però come attore protagonista nel film Truman Capote nel 2005, in barba a chi come me l'ha definito solo una spalla.
Attraverso le sue varie interpretazioni, l'immagine che mi sono fatto di Philip Seymour Hoffman è quella di un bonaccione ma non perfettamente pulito; un pò come l'infermiere che interpreta in Magnolia: buono ed attento ma che poi ordina riviste pornografiche.
L'ultima volta che ci siamo visti è stato qualche mese fa, passò in compagnia di Joaquin Phoenix. Ora lo aspetto con i suoi vecchi film che ancora non ho visto; sicuramente passerà di nuovo a trovarmi....

5 commenti:

  1. Che tristezza. Non me lo aspettavo proprio.
    Forse perché, naturalmente, associamo la droga ai giovani; forse perché lui, con i suoi chili di trollo e con la sua faccia simpatica, ispirava tanta, tantissima fiducia. Ho adorato "Onora il padre e la madre" e l'ho trovato immenso anche in "Il dubbio", accanto alle mie amate Amy Adams e Maryl Streep. Ci mancherà :/

    RispondiElimina
  2. un altro grande che se ne va e in un modo così assurdo :-(

    RIP Philip

    RispondiElimina
  3. Grandissimo attore, grandissima perdita.

    RispondiElimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate