6 febbraio 2014

Sxho - Pablo Palazzi

TRAMA: Protagonisti delle avvincenti storie di Pablo Palazzi sono spesso quei fatti della quotidianità che si mutano in “un’allucinante vicenda”, in cui irrilevanti dettagli trascinano vite e personaggi, apparentemente ordinari, all’interno di claustrofobici complotti kafkiani, dove vengono prima triturati e poi catapultati al di fuori, in ambienti che sembrano poter esistere unicamente tra il testo e il lettore stesso. Ed è proprio in questo contesto di calma apparente che Pablo Palazzi tesse la trama di SXHO, aprendo al lettore l’uscio di casa Heisigaard, dove il tranquillo ménage di una coppia borghese sta per essere investito dall’improvvisa folgorazione di Abel: il suo matrimonio, il suo impiego di rappresentate d’interruttori della luce, la sua vita tutta, non sono forse collegati ad un’oscura, enorme macchinazione, di cui sua moglie sembra essere, giorno dopo giorno, rivelazione dopo rivelazione, sempre più una ambigua, mefistofelica ambasciatrice? 
Eppure lei sostiene, al contrario, che Abel Hesigaard, con tutti i suoi strani comportamenti, dimostra unicamente d’aver perso la ragione. In effetti, inoltrandoci nella meticolosa ricostruzione dei fatti, sembra che entrambi portino a galla dei validi argomenti per sostenere il loro punto di vista. SXHO potrà risultare un romanzo inquietante, disturbante, claustrofobico, visionario, allucinato e onirico. E allo stesso tempo un intricato saggio metafisico sull'assurdo e sul paradosso. Un viaggio labirintico attraverso le strettoie del tempo, del determinismo e del libero arbitrio. Un percorso dove i molteplici moti della materia e dei suoi infiniti punti vista prendono gradualmente vita dai mondi della rivoluzione quantica, dall'equazione di Schrödinger fino alle suggestive ipotesi olografiche di Talbot.


Misterioso è sicuramente l'aggettivo più calzante per Sxho, romanzo di Pablo Palazzi. Basti notare ad esempio il titolo enigmatico e poco commerciale, accompagnato da una trama che svela pochissimo su personaggi e situazione.
Questa scarnezza pubblicitaria è però ben compensata da un bellissimo progetto multimediale che accompagna il romanzo. Innanzitutto basta recarsi sul sito ufficiale: http://www.sxho.it/, per conoscere luoghi e personaggi della storia, realizzati in maniera fumettistica che molto ricordano la bellissima copertina del romanzo.
In questa pagina avremo il piacere di conoscere Abel Heisgaard, protagonista principale del racconto e tutti gli altri personaggi che parteciperanno a questo romanzo. Naturalmente per conoscere ancora meglio i personaggi, dunque non solo dal punto di vista delle sembianze fisiche o delle caratteristiche generali, sarà necessario leggere il romanzo.
Restando ancora fermi sull'aspetto estetico e multimediale di Sxho, va segnalata anche l'app del romanzo, che vi permetterà di giocare ad una sorta di caccia al tesoro tra segreti e misteri da svelare. Questo il link dell'applicazione: https://itunes.apple.com/it/app/sxho/id448982062. Un grande applauso va dunque fatto a Pablo Palazzi e per la sua originalità nel presentare il suo prodotto.

Prodotto che nei contenuti non si rivela da meno, caratterizzandosi come un romanzo cervellotico e molto enigmatico. Il dubbio che qualcosa di strano possa esserci in questa storia è presente sin dalle prime righe in cui Abel ci presenta il suo mondo e la sua vita.
Man mano che il racconto prosegue il seme del dubbio comincia a crescere, il dubbio che molte cose che noi leggiamo non corrispondano alla realtà dei fatti.
La nostra guida sarà naturalmente Abel, fidanzato di Monica e quasi promesso sposo di Michelle. Grazie a Monica lavorerà come rappresentante. Per colpa del suo lavoro si troverà incastrato in una città da cui non riuscirà a "scappare" per via di numerosi inconvenienti.
Le atmosfere di Sxho paiono essere quella di Lynch, citato tra l'altro dall'autore. Per restare sui grandi nomi qualche leggera somiglianza potrebbe esserci con Eyes Wide Shut.
Uno dei difetti del romanzo potrebbe essere l'eccessiva corposità della parte centrale, fatta di molti dialoghi e situazioni misteriose che si accavallano, rendendo nulla la percezione del tempo e dello spazio. Naturalmente questa parte abbastanza lunga e priva di action, sarà funzionale per l'infittirsi del mistero e la soluzione finale.



Nessun commento:

Posta un commento

Generi cinematografici

Notizie archiviate