21 gennaio 2014

Ed Gein - Il macellaio di Plainfield

Edward Theodore Gein è sicuramente il serial killer più cinematografico realmente esistito.
Basti citare film come Il silenzio degli innocenti, Psycho e Non aprite quella porta, per capire quanto questo personaggio sia stato importante per scrittori e registi moderni.
Molto meno fortunati furono coloro i quali dovettero vivere a Plainfield, città in cui risedeva Ed Gein.
Questo strano personaggio infatti è noto per atti di necrofilia, due omicidi almeno e una ricca casa degli orrori.
Questi i "trofei" ritrovati nella sua fattoria: (fonte Wikipedia)
  • quattro nasi;
  • alcune ossa umane;
  • dieci teste di donne come decorazioni nella camera da letto;
  • le teste di Bernice Worden e Mary Hogans;
  • il cadavere di Bernice Worden, appeso a testa in giù, decapitato e sventrato;
  • pelle umana usata come tappezzeria per lampade da tavolo e per sedie;
  • calotte craniche trasformate in ciotole;
  • un cuore umano (si discute su dove sia stato trovato; gli addetti al rapporto affermano tutti che fosse in una casseruola nella stufa, mentre alcuni fotografi della scena del crimine affermarono che fosse in una scatola di carta);
  • due labbra umane che decoravano una finestra;
  • alcuni teschi;
  • il rivestimento di una lampada fatto in pelle umana;
  • un tamburo fatto di pelle umana;
  • femori usati come gambe per un tavolo;
  • nove maschere fatte in pelle umana mummificata e somigliante al cuoio.
  • una lampada con il manico di una colonna vertebrale
  • vestiti fatti di pelle umana

Voto 5,5. Oltre ai film sopra citati che ispirano la figura del killer a Ed Gein, c'è anche un film completamente dedicato al serial killer di Plainfield: Ed Gein - Il macellaio di Plainfield. Il film del 2001 è diretto da Chuck Parello e il ruolo di Gein è interpretato dall'attore Steve Railsback, che molto ricorda il vero Gein.
Ed Gein - Il macellaio di Plainfield è un film che ben sintetizza la vita del noto serial killer: dagli atti di necrofilia, all'infanzia difficile.
In primo piano c'è sicuramente il rapporto tra Ed e sua madre Augusta, donna che supera ogni limite di fanatismo religioso. All'interno del film vengono mostrate alcune tappe "storiche" della crescita di Gein, vedi lo sgozzamento del maiale del padre che causa a Ed i primi turbamenti; il rimprovero della madre che lo vede masturbarsi nella vasca da bagno; la morte del fratello.
Sua madre Augusta sarà un tarlo per la vita di Ed Gein, insegnandolo ad una vita cattolica e privata di qualsiasi rapporto sociale con le altre donne.
Ed continuerà a vedere e a sentire sua madre anche nel momento in cui questa morirà.
Le privazioni e gli insegnamenti di Augusta condizioneranno dunque la vita sociale di Ed, mostrataci molto bene da questo film.
Ed pare infatti avere una predilezione per le donne mature, che gli ricordano sua madre; Ed vive in maniera abbastanza isolata e ride senza alcun motivo.
Ed Gein - Il macellaio di Plainfield si dimostra essere un film molto fedele alla biografia del vero serial killer, riuscendo a raccontarla attraverso i rapporti di Ed con sua madre ed il resto della comunità.
Meticolose anche alcune scene che mostrano in maniera fedele i corpi straziati da Ed; e altre scene che ci fanno vedere in bianco e nero il vero Ed Gein.

2 commenti:

  1. Pessimo, un film girato coi piedi, Raisback è stato bravo, ma da solo non poteva risollevare tutto il resto che è fatto veramente male soprattutto la regia e la sceneggiatura.
    Per me è da voto 3, il tuo 5,5 è troooooooooooppo generoso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ripensandoci forse sono stato troppo generoso, ho "premiato" questo film per il solo fatto di non essere solo una ricostruzione biografica sulla vita di un serial killer...

      Elimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate