14 gennaio 2014

Copycat: omicidi in serie

Voto 6,5. Il genere thriller si sposa di diritto con il tema serial killer. Il cinema ha raccontato le gesta di questi spietati assassini con film monografici, narrando della loro vita e delle loro perversioni. Nella maggior parte dei casi sono stati film dedicati in maniera singola alla vita di un killer.
Il film del 1995 Copycat: omicidi in serie di Jon Amiel, accorpa in maniera fantasiosa le storie di diversi serial killer realmente esistiti in un unico film.
Il titolo Copycat appunto, è abbastanza eloquente e indica le imitazioni nelle modalità di ammazzare da parte di un killer.
L'omicida in questione, per i suoi delitti prende spunto da quelli dei killer più noti: Dahmer, Berkowitz e altri che non vi indico per non rovinarvi tutta la sorpresa.
Un'idea di fondo dunque abbastanza originale che potrebbe attirare l'attenzione degli appassionati di serial killer vissuti realmente.

Copycat prima dell'entrata in scena di questo serial killer "copione", si concentra su una delle protagoniste della storia: Helen Hudson, interpretata da Sigourney Weaver, una psicologa criminale fine conoscitrice dei serial killer e del loro modus operandi.
Durante una sua conferenza, naturalmente sui serial killer, Helen ha la sfortuna di imbattersi in un maniaco omicida che la tortura in un bagno di donne.
In realtà questa scena è un flashback, un ricordo/incubo di Helen, costretta dopo quell'episodio a vivere segregata nella propria abitazione per via delle sue numerose fobie. Il killer che la minacciava è in prigione.
Nel frattempo un altro killer: il copione, comincia ad ammazzare nuove vittime seguendo meticolosamente i rituali dei serial killer più famosi. Ad indagare su di esso saranno: Mj Monahan (Holly Hunter) e Ruben Goetz (Dermot Mulroney).
Un'indagine difficile per i due pur bravi detective, che chiederanno l'aiuto di Helen per capire meglio la mente del serial killer.

Copycat è un film che alterna cose buone e cose meno buone all'interno dei 125 minuti di durata. L'ottima idea di base non sempre viene supportata da una messa in scena eccellente. A mancare sono soprattutto suspense e atmosfere cupe. La prima parte nonostante gli efferati omicidi sembra abbastanza ridanciana. I due detective sembrano non avere il giusto appeal, perdendosi in un'imitazione abbastanza spenta. Molto meglio sicuramente va con il personaggio di Helen, anche per via della bravura dell'interprete.
Le azioni del killer dunque appaiono abbastanza indisturbate, ridicolizzando un'intera squadra di polizia.
Alcune scelte narrative ricordano altri film thriller, rendendo Copycat un film che non parla solo di omicidi copiati, ma anche di una pellicola che copia, strizzando l'occhio ai grandi classici...

GENERE: Thriller
REGIA: Jon Amiel
SCENEGGIATURA: David MadsenAnn Bickerman
ATTORI: Diane AmosBill BonhamTerry BrownScott De VenneyKelly De MartinoJ.E. FreemanBob Greene,Holly HunterCorie HennigerDanny KovacsRebecca Jane Killinger, Sigourney Weaver

4 commenti:

  1. film molto 90s che non ho mai visto.
    da quanto dici non sembra così fenomenale, quindi continuerò a perdermelo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ultimante lo stanno passando in tv (Rai4 credo), non malaccio ma si poteva fare di meglio secondo me...

      Elimina
  2. a me è piaciuto davvero tanto, ottimi attori, molta suspance, magari ecco potevano metter un pochetto più di violenza, da quel punto di vista il film è forse un po troppo leggero, ma per il resto nulla da dire, gran bel film sui serial killer

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è piaciuto molto l'idea di base, poi a mio avviso si perde un pò. Le atmosfere cercano di emulare film come Il silenzio degli innocenti riuscendoci solo a volte, altre volte Holly Hunter mi è parsa troppo sorridente :D

      Elimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate