8 ottobre 2013

Nero Infinito

Profondo nero

Voto 1. Ci si lamenta giustamente della monotematicità del cinema italiano, troppo fermo sulle commedie e poco aperto a nuovi orizzonti, quali il thriller e l’horror. L’unico a provarci con convinzione in questo genere è stato Federico Zampaglione, un ex musicista.
Dopo la visione di Nero Infinito di Giorgio Bruno, tutti i critici (compreso il sottoscritto) credo debbano fare un passo indietro e non insistere su questo cambio di rotta del nostro cinema, dato che non ci sono né i mezzi né le idee adatte per realizzare prodotti diversi almeno accettabili.
Nero Infinito è un vero orrore di film, in cui mancano le competenze di base e le idee originali. Le prime critiche possono essere fatte su una sceneggiatura davvero poco originale, scopiazzata qua e la da diversi romanzi thriller, vedi Trama di sangue e I delitti di uno scrittore imperfetto.

Uno spietato serial killer uccide imitando il copione di un famoso romanzo thriller. A dargli la caccia saranno un commissario poco figo e Francesca Rettondini. Si, avete capito bene, Francesca Rettondini ex-presentatrice(?), ospite televisiva diventa attrice protagonista di un film thriller. La sua prova recitativa lascia parecchi dubbi, anche e soprattutto per colpa di una staticità espressiva contornata da un sorriso che l’accompagna perfino nelle autopspie.
Se non sono credibili e accettabili i due buoni, ancora peggio va con il cattivo intuibile e ipotizzabile già alla sua prima apparizione. Poco importa se nel finale si cerca di stravolgere tutto quello che ci era stato mostrato fino a poco tempo prima.

Se sceneggiatura e attori non sembrano all’altezza delle atmosfere noir, peggio va con la parte tecnica che rende Nero Infinito una specie di fiction televisiva simile a Ris – Delitti imperfetti. I settantacinque minuti di pellicola sono eloquenti, sottolineano come questa prova sia andata a male e ribadiscono che il nostro cinema non è ancora attrezzato per esplorare nuove strade.

USCITA CINEMA: 
GENERE: Horror, Thriller
REGIA: Giorgio Bruno
SCENEGGIATURA: Giorgio Bruno
ATTORI: Francesca RettondiniRosario PetixRiccardo Maria TarciGiuseppe CalaciuraGiovanna CrisciuoloEgle DoriaEnzo G. CastellariRuggero DeodatoClaudio Fragasso

11 commenti:

  1. francesca rettondini?
    perché ho la sensazione che il voto 1 sia stato ancora generoso? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah dici che vale anche lo zero come voto? Un film cmq da guardare per apprezzare tutto il resto della cinematografia :)

      Elimina
  2. Ahahahah, credo sia la prima volta che leggo un 1 da queste parti!:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo merita tutto :D la cosa più bella è il commento su comingsoon di G Petix (forse parente dell'attore) : "un'intreccio che tiene sospesi fino all'ultimo minuto... ottima interpretazione degli attori, per di più tutti nuovi volti del cinema... IL SUCCESSO SARà L'UNICA CONSEGUENZA LOGICA!!! Da vedere assolutamente ;)"

      Elimina
  3. mamma mia addirittura 1???

    deve essere veramente cagoso XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guardalo e fammi sapere :P ahahha

      Elimina
    2. uhm, no mi è bastata la tua rece, me lo risparmio XD

      Elimina
  4. ma è peggio anche di In the market, unico 1 del mio blog?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In parte ti ho risposto sul tuo blog, da sottolineare come qui ci sia l'aggravante della Rettondini :D

      Elimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate