31 ottobre 2013

Lars Kepler: Bibliografia

Lars Kepler è lo pseudonimo dietro cui si celano due autori svedesi, marito e moglie.Vivono a Stoccolma con le loro tre figlie, a pochi metri dalla centrale di polizia. Sono appassionatissimi di cinema e da quando si conoscono guardano almeno un film al giorno. Entrambi sono scrittori, ma nel 2009 hanno deciso di sospendere momentaneamente le loro carriere separate per provare a scrivere un romanzo insieme. Ne è nato il caso editoriale europeo del 2010, "L'ipnotista" (Longanesi), che ha scalzato dalla vetta delle classifiche svedesi la trilogia di Larsson. "L'ipnotista" è ora un film diretto da Lasse Hallström. 

Questa la nota più diffusa che compare dietro i romanzi di Lars Kepler. Come al solito io cercherò di ricostruire la bibliografia della coppia di scrittori, in base alla mia esperienza di lettore.
Il mio percorso con Alexander Ahndoril (Upplands Väsby, 20 gennaio 1967) e Alexandra Coelho Ahndoril (Helsingborg, 1966) comincia in maniera particolare, una specie di colpo di fulmine libresco, un'attrazione epidermica. Si perchè, ammetto che ai tempi (nel 2010) non ero ancora un lettore onnivoro e compulsivo di thriller, cibandomene solo spasmodicamente. Inoltre non ero un assiduo frequentatore di siti di letteratura thriller e nemmeno un blogger, da qui si spiega anche l'assenza della recensione su L'ipnotista.
La mia attenzione dunque fu attratta dagli elementi di base del marketing letterario: copertina e trama; ovviamente riguarda il primo romanzo di Lars Kepler: L'ipnotista

La bellezza estetica è corrisposta per fortuna ad una "bellezza interiore", tanto da far finire L'ipnotista (voto 7,5) nella Classifica dei miei romanzi thriller preferiti. Una storia ben congegnata, impostata soprattutto su Erik Maria Bark, un celebre ipnotista. La forza di questo romanzo è stata anche notata dal mondo del cinema, che in questo 2013 ha dato vita a L'ipnotista di Lasse Hallstrom.
Sempre del 2010 nasce L'esecutore (voto 5), il romanzo meno riuscito della saga. Il maggior difetto risiede nell'onnipotenza e nell'eccessiva perfezione del commissario Joona Linna. L'esecutore è comunque utile nel presentare il vero protagonista degli scrittori svedesi.
Nel 2012 è il momento de La testimone del fuoco (voto 6,5), un thriller abbastanza classico incentrato su un college ed una strana veggente. Immancabile sarà l'intervento del commissario Joona Linna.
Il nuovo arrivato della saga è L'uomo della sabbia (voto 7,5), forse il romanzo che per qualità si avvicina maggiormente a L'ipnotista. Come sottolineato nella recensione, un thriller incentrato sulla figura dell'antagonista: lo spietato serial killer Jurek Walter.

Nonostante i personaggi siano quasi sempre gli stessi, grosso modo i romanzi di Lars Kepler possono anche essere letti non in ordine cronologico. 
Una delle qualità che apprezzo in maniera particolare di questo duo di scrittori svedesi è la capacità di non dipendere dal protagonista principale. Joona Linna sebbene risulti sempre uno dei pilastri dei loro thriller viene alternato sapientemente ad altri personaggi, vedi Erik Maria Bark o Jurek Walter.
Come la maggior parte dei thriller scandinavi, anche gli scritti di Lars Kepler hanno un ritmo non velocissimo, che a lungo andare potrebbero scoraggiare il lettore.
La mia media voto personale, che si aggira intorno al 6,62, non colloca Lars Kepler nel gradino più alto dei miei scrittori preferiti, tuttavia continuerò a seguire la saga che sicuramente si arricchirà di nuovi episodi e personaggi.
Qual'è il vostro rapporto con Lars Kepler?

Aggiornamento: Nel 2015 è la volta di Nella mente dell'ipnotista, in cui Lars Kepler rimette in scena Erik Maria Bark, l'ipnotista.

2 commenti:

  1. Non abbiamo ancora un rapporto :P
    Senza dubbio prediligo i romanzi che non ripropongono gli stessi personaggi, soprattutto nei thriller, mi piace avventurarmi in terreni totalmente inesplorati in questo genere e ritrovare anche solo lo stesso detective a volte mi frena (e annoia).
    Poi ci sono ovviamente le eccezioni (vedi Il Suggeritore/L'Ipotesi del Male di Carrisi) e potrebbe diventarlo anche Kepler...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te, anche perchè se l'autore si basa su un "detective buono" il colpo di scena finale non potrà essere grandissimo, dovendo preservare il protagonista.
      Con il tempo cmq ho cominciato ad apprezzare anche i thriller seriali, vedi Jo Nesbo e Carrisi.
      Con Kepler secondo me potresti procedere anche a saltelli, evitando L'esecutore :)

      Elimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate