19 luglio 2013

Dead man down - Il sapore della vendetta

Doppia vendetta.

Voto 6. Basterebbe leggere il sottotitolo italiano: Il sapore della vendetta, per capire il tema trattato dalla nuova pellicola del regista danese: Niels Arden Oplev.
Vendetta appunto, uno dei desideri più richiesti nelle storie cinematografiche. Si pensi ad esempio a Il gladiatore, V per vendetta, La trilogia della vendetta, Kill Bill e la lista sarebbe ancora lunga.
La voglia di vendicarsi per un torto subito, che cresce parallelamente al dolore subito in passato. Una rabbia che cova dentro e finisce per esplodere inevitabilmente.

In Dead Man Down si parla di una doppia vendetta. Quella di Victor (Colin Farrell) orfano di moglie e figlia, a seguito di un sopruso ingiustificabile. Quella di Beatrice (Noomi Rapace) sfigurata da un incidente stradale che le ha privato di una parte della sua bellezza.
Il primo andrà a caccia di questa gang che ha rovinato per sempre la sua famiglia, infiltrandosi nell'organizzazione per carpire segreti. La seconda sarà ossessionata dal tizio che le ha rovinato il volto nell'incidente.
Due vittime che dovranno diventare carnefici per trovare la loro pace. Il destino li metterà vicini nell'affrontare questo arduo percorso di "purificazione".

Dati questi elementi della trama, la pellicola scorre in maniera naturale tra intrighi, doppi giochi e spiate varie.
L'elemento sicuramente interessante e messo in primo piano da Oplev è il rapporto tra i due protagonisti. Due anime oscure private del sorriso che ormai provoca solo dolore sui loro volti. Una relazione quella tra Victor e Beatrice anch'essa abbastanza prevedibile e che segue il suo percorso naturale.
Tuttavia nonostante le due ore, il film scorre abbastanza piacevolmente. La motivazione è sicuramente dovuta alla voglia di vendetta dello spettatore, che gode nel veder eliminati i soprusi e i prepotenti.
Parlare di vendetta è comunque un rischio grosso. Se si pensa alle pellicole sopra citate, si può notare come l'eroe vendicatore arriva sempre al termine del suo percorso, donando dunque prevedibilità e inverosimiglianza alla storia.

Gli spettatori più critici potranno vendicarsi nei confronti di Oplev con recensioni negative e non entusiastiche, confrontando Dead Man Down con Uomini che odiano le donne, sicuramente film più completo.
Un confronto ingiusto a mio avviso, se si considera che il primo lavoro di Oplev è tratto dal besteller di Stieg Larsson.
Quindi io non mi vendico per il presunto spreco di tempo per la visione di questa pellicola; ma non rivendico neanche una vostra visione obbligatoria di Dead Man Down, film sufficiente che non cambierà la vostra vita....

USCITA CINEMA: 
GENERE: Thriller
REGIA: Niels Arden Oplev
SCENEGGIATURA: J.H. Wyman
ATTORI: Noomi RapaceColin FarrellDominic CooperTerrence HowardArmand AssanteIsabelle HuppertRaw LeibaJames BiberiJennifer ButlerMichael McKiddyRobert BizikJohn Cenatiempo


6 commenti:

  1. Addirittura sei!? Io l'ho trovato uno dei film più brutti dell'anno! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai è più brutto Doppio gioco :D

      Elimina
  2. mi sa che me lo risparmio.
    anche se il fatto che non sia piaciuto a ford mi incuriosisce!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah a questo punto penso proprio ti potrebbe piacere :)

      Elimina
  3. credo che sei l'unico che gli ha dato la sufficienza...ce l'ho lì e quasi quasi gli dò una possibilità....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma... c'è qualche incongruenza nella sceneggiatura, ma in fondo non mi è dispiaciuto:)

      Elimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate