11 giugno 2013

Il Mangiateste - Samuel Giorgi

Recensione Il Mangiateste. 

Voto 7. Il piccolo paesino di Grazzeno in Val d’Ossola si è oscurato. Nessun spiraglio di sole a illuminare la piccola cittadina sovrastata da un grosso Albatro, un uccello reale ma anche mitologico dalle grandi ali, che annebbia ogni contorno del luogo.
Una figura aleatoria e astratta che si fonde e confonde con il Mangiateste, un essere enigmatico dalla dubbia esistenza.
Se siano essi reali o solo immaginari toccherà al lettore scoprirlo nelle pagine del primo romanzo di Samuel Giorgi: Il Mangiateste.
L’unica certezza iniziale che questa strana nube nera sta portando morte e disperazione nel piccolo comune di Grazzeno, località montanara tranquilla.
Tredici suicidi che non lasciano alcun dubbio data la loro modalità d’esecuzione; ma abbastanza controversi dal punto di vista delle motivazioni.
Le vittime non sembrano avere alcun legame tra di loro, e la loro morte pare essere volontaria e non opera di un affamato serial killer.

Polizia locale e investigatori comuni non sembrano venirne a capo, perciò l’indagine passa in mano ad una squadra molto speciale. Un team che cerca di scavare il fondo del barile di un caso, per vedere se c’è ancora qualche briciola di speranza e per capire il reale svolgimento dei fatti.
La prima ad accorrere sul luogo è Luna Fontanasecca, consulente investigativa dalle strane capacità sensoriali e narratrice in prima persona del romanzo.
Una protagonista un po’ naif e sopra le righe non solo per la sua capacità di captare le storie altrui e di sognare eventi premonitori; ma anche per il suo essere diversa dal resto del mondo.
Quando il caso si farà complesso anche per lei, in suo sostegno arriverà il suo capo Widmann, altro tipo abbastanza particolare e altri membri di questo team “acchiappa fantasmi”.

Tutto qua? Una semplice squadra fuori le righe ad indagare su strani suicidi?
No, Il Mangiateste è un romanzo a più teste e a più voci. Se il team sopra citato agisce per passione e per professione; per fama e gloria ad indagare sul caso c’è Renzo Accorsi, un inserviente della clinica psichiatrica Villa Luce.
Renzo uomo di Grazzeno che dunque conosce il luogo meglio dei consulenti investigativi. Renzo convintissimo che il Mangiateste esista davvero e risieda nell’ala Est di Villa Luce, parte della clinica in cui risiedono i soggetti più “particolari”.
Una doppia indagine dunque abbastanza originale, che si affida a personaggi nuovi e ben caratterizzati.

Tutto qua?
No ancora no. Il Mangiateste si rivela infatti un thriller complesso, che cerca di scavare nel fondo della storia, ma anche nel fondo dei personaggi. Protagonisti primari e secondari che si alternano stordendo (positivamente) il lettore.
Lo scopo di Samuel Giorgi, a mio avviso, è quello di creare un vero effetto Mangia-Testa nei confronti del suo interlocutore, dandogli in pasto numerosi personaggi e numerosi enigmi per nascondere abilmente la figura dell’antagonista.
Non contento delle figure più terrene e reali, lo scrittore si diverte a spaziare con la fantasia creando figure “mitologiche” che aleggiano nei luoghi del romanzo, ma che non diventano mai “concrete”.
La sensazione è quella di un volo verso il paranormale, che plana velocemente verso il concreto, il reale.
Tutti questi elementi fanno dunque de Il Mangiateste un romanzo interessante e innovativo, che hanno dato vita ad un nuovo team investigativo di cui sentiremo ancora parlare….

TRAMA ORIGINALE: Grazzeno è un paesino della Val d'Ossola che non ha niente di speciale. Se non fosse per quei tredici suicidi nell'arco di pochi mesi che hanno lasciato la polizia senza risposte e la comunità in preda al panico. Il giorno in cui, tra quelle montagne, arriva Luna Fontanasecca, molti la osservano con curiosità e diffidenza. La cosa non la disturba, ci è abituata. "Quando sei fatta come me, o ti rodi il fegato per tutta la vita oppure ti ci diverti. Niente di straordinario, sono solo un po' insolita. Smunta, magra e pallida, una specie di cencio scolorito." Luna è una giovane criminologa dotata di un intuito singolare. Fa parte della squadra del professor Bruno Widmann, specializzata in casi irrisolti e dai metodi poco convenzionali. Mentre cerca di fare luce sulla vicenda si imbatte in antiche superstizioni di cui qualcuno si serve per spiegare quell'orrore. E in una figura misteriosa fuggita da un incubo: il Mangiateste. A ben vedere Grazzeno non è proprio un posto qualunque. A Villa Luce, la clinica che in paese ospita soggetti con gravi problemi psichici, succedono cose strane. Soprattutto in quell'Ala Est di cui nessuno parla. Luna non è tipo da lasciarsi impressionare, ma quando dopo mesi di quiete le morti riprendono, capisce che non può più essere solo una spettatrice. Ora, in quella storia, c'è dentro fino al collo.

AUTORE: Samuel Giorgi
EDITORE: Piemme (piemme linea rossa)
NAZIONE: Italia
ANNO: 2013
PAGINE: 413

Nessun commento:

Posta un commento

Generi cinematografici

Notizie archiviate