15 maggio 2013

La casa (2013)

L'utilità dei remake.

Voto 6. Il regista uruguaiano Fede Alvarez dà vita al remake de La casa, film del 1981 di Sam Raimi, supervisore tra l'altro di questa nuova pellicola.
La casa è uno dei capisaldi del genere horror, tanto da avere alcune caratteristiche che saranno intrinseche ai film di genere.
Elementi che diverranno dei veri stereotipi, che non vengono variati neanche in questo remake.
Cinque ragazzi decidono di trascorrere un breve periodo in un piccolo cottage di famiglia. Il motivo che spinge i ragazzi (tre donne e due uomini) a questa réunion è semplice ma non banale. Mia (Jane Levy) ha deciso di chiudere con la droga e questa breve permanenza sarà utile per la sua disintossicazione.
Oltre ai suoi amici, a sostenerla c'è suo fratello David (Shiloh Fernandez).
Che la situazione non sia tranquillissima come i ragazzi inizialmente pensano, oltre al genere del film ce lo sottolinea il prologo iniziale, in cui una giovane ragazza indemoniata viene bruciata viva da suo padre.
Quando i cinque ragazzi scopriranno uno scantinato e uno strano libro, il loro incubo avrà inizio all'interno di quella piccola casa.

Prodotto serioso e non auto-ironico come avviene sovente nei nuovi horror, La casa di Alvarez è un prodotto che ci mostra l'utilità dei remake.
Riproposizione in chiave moderna di film storici non visti dalle nuove generazioni che possono recuperare al cinema prodotti molto più interessanti di quelli proposti dal mercato.
Capisaldi che hanno dato il via all'industria di genere, fondata su situazioni sempre abbastanza simili che si differiscono per alcuni particolari.
Ma il remake a mio avviso ha un'utilità anche per chi in passato ha visto l'originale.
Con il passare degli anni infatti, pur apprezzando sempre l'horror, sto notando che almeno per quanto mi riguarda, sta venendo meno uno degli effetti basici di questo genere. Se quindici/vent'anni fa La casa di Sam Raimi mi terrorizzò; oggi La casa di Fede Alvarez non mi ha scalfito più di tanto. La colpa non va data a registi o sceneggiatori, ma in questo caso la colpa è mia, dello spettatore. Dopo anni e anni di pellicole simili l'effetto "bum" paura è sempre più raro e da ricercare come una pietra preziosa. 
Il terrore viene sostituito da scene macabre e violente, che fanno sempre la loro figura ma anche qui non impressionano in quanto usate costantemente.
La diversificazione e il colpo di genio va dunque ricercato nella trama e nell'uso di aspetti tecnici. Elementi non modificati molto in questo film che gioca apertamente le sue carte.
Il mostro che ci viene esibito è quello più grande: il demonio. Demonio che si tramanda negli anni e nei secoli, riuscendo a rimanere impresso nei fotogrammi di pellicole horror simili ma che non passano mai di moda...

USCITA CINEMA: 
GENERE: Horror
REGIA: Fede Alvarez
SCENEGGIATURA: Fede AlvarezRodo SayaguesDiablo CodySam Raimi
ATTORI: Jane LevyShiloh FernandezJessica LucasLou Taylor PucciJim McLartyElizabeth Blackmore

18 commenti:

  1. Domani sera at the cinema :) I am ready...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh attendo la tua recensione allora :)

      Elimina
  2. Sai che la tua è la prima recensione così così che leggo? Blogosfera e Twitter sono pieni di elogi! Mi serviva un ridimensionamento:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che non mi ha impressionato e terrorizzato, cosa che a mio avviso dovrebbe fare un horror, attendo il tuo pensiero sul film :)

      Elimina
  3. già dal trailer mi sembra una porcheria incredibile..
    e di solito i trailer presentano il meglio del film :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto abbastanza consueto a mio avviso, nulla di originale ma almeno non annoia :)

      Elimina
    2. A me è piaciuto una cifra, tutt'altro che una porcheria

      Elimina
    3. No porcheria no, ma niente di speciale secondo me:)

      Elimina
  4. Sono davvero molto curiosa di vedere questo film, l'unica cosa che mi spaventa però è il senso di delusione che mi potrebbe provocare. Avendo adorato La Casa ed il resto della trilogia sono un po' "titubante" sul cosa aspettarmi da questo remake, ma ti saprò dire meglio quando visionerò il tutto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non so, io l'ho trovato abbastanza semplice e in media con gli altri horror :)

      Elimina
  5. Non mi aspettavo niente da questo remake ma l'ho trovato veramente indecente. Una summa di gag comiche e splatter senza senso. Nessuna tensione. Da dimenticare e da sconsigliare vivamente...volevo uscire dalla sala per la noia assoluta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io non mi aspettavo tantissimo, però non mi ha deluso più di tanto...direi un horror nella media senza infamia e senza lode

      Elimina
  6. Come horror è tanta roba, come splatter anche (pure troppo!!). Viene inficiato un po' dalla stupidità dei protagonisti, che dopo un colpo di genio come Quella casa nel bosco è davvero un insulto all'intelligenza dello spettatore, e da un finale lieto che fa a pugni con tutto quello che c'è stato prima.
    Per il resto, sufficienza piena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I difetti ci sono ma almeno la trama regge bene e non annoia: sufficiente:)

      Elimina
  7. per essere un remake è andata di lusso...io mi sono divertito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non annoia però un horror abbastanza standard...

      Elimina
  8. C'è poco da fare, tutti quelli che hanno superato i trent'anni come noi considerano La Casa di Raimi molto più terrorizzante di questo, i giovani il contrario.

    Sono contento di non esser giovane.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'epoca nostra (non so tu io ho 31 anni) c'era notte horror che dava una atmosfera speciale a questi film in seconda serata...poi sarà che eravamo più giovani ma quegli horror un pò di paura la facevano:)

      Elimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate