14 marzo 2013

L'arrivo di Wang

E.T. o Guerra dei mondi?

Voto 5. Come vi approccereste ad uno straniero particolare, molto particolare?
Questa domanda se la sono posta i Manetti Bros che nella loro carriera cinematografica hanno sempre provato a sperimentare nuove situazioni, non tenendo conto dei problemi di budget.
In barba ai soldi, alla necessità di effetti fantascientifici importanti, Antonio e Marco Manetti danno vita ad un thriller fantascientifico: L'arrivo di Wang.
Chi è questo Wang? Rivelare la sua identità è uno spoiler o no?
Prima di rispondere a queste domande, mi sono guardato un pò in giro. Non nel senso fisico e spostandomi quindi in varie città, paesi o galassie; ma semplicemente dando uno sguardo in rete ai siti più accreditati di cinema.
Ebbene si, l'identità di Wang non è poi tanto segreta, e la sua natura aliena viene dichiarata dalla quasi totalità dei siti cinematografici.
Per chi non l'avesse ancora capito, Wang è uno strano alieno che parla cinese, capitato per sbaglio (forse) sulla terra, nello specifico a Roma.

Per colloquiare con lui, i tizi che l'hanno catturato contattano una traduttrice: Gaia (Francesca Cuttica).
Questa, come già detto, non parla "l'alienese" ma capisce e sa tradurre il cinese, lingua conosciuta da Wang.
A porre le domande, che verranno poi tradotte da Gaia, al Wang incatenato, sarà l'agente Curti (Ennio Fantastichini). Si tratta di una sorta di agente CIA il cui scopo è quello di capire le motivazioni che hanno spinto l'alieno sulla terra.
L'arrivo di Wang punterà tutto su questo interrogatorio, i cui vertici riuniti intorno ad un tavolo saranno : Wang, Gaia e Curti.
Importante sarà soprattutto il punto di vista dei due esseri umani, nettamente in contrasto.
Gaia, ragazza dolce e ingenua, vedrà Wang come una specie di E.T., dunque un alieno buono venuto in pace sulla nostra Terra per cultura e conoscenza.
Di parere diverso sarà Curti, già propenso a pensare ad una Guerra dei mondi, con Wang primo emissario pronto a sondare il terreno.
Chi avrà ragione tra i due? Wang buono o cattivo? Vittima o carnefice?

Lo spettatore si ritroverà al centro di questo dibattito, indeciso sul da farsi e con chi schierarsi. Se con Gaia che vede Wang un essere buono e gentile sottoposto in una situazione assurda ed ingiusta; o con Curti che analizza con ferocia e cattiveria l'arrivo di uno sconosciuto dallo strano aspetto.
I Manetti Bros insistono molto su questo dibattito, concentrando il film su questo punto. L'arrivo di Wang finisce così per diventare un pò troppo statico e fermo sia sullo stesso luogo che sugli stessi discorsi.
Il finale divertente e sconvolgente regala un pò di brio, ma non salva del tutto un film innovativo nel panorama italiano che fallisce forse nella staticità della sceneggiatura.

USCITA CINEMA: 
GENERE: Thriller
REGIA: Marco ManettiAntonio Manetti
SCENEGGIATURA: Marco ManettiAntonio Manetti
ATTORI: Ennio FantastichiniFrancesca CutticaAntonello MorroniCarmen GiardinaRodolfo BaldiniAngelo NicotraMassimo Triggiani

8 commenti:

  1. a me non è dispiaciuto e poi adoro come i Manetti riescano sempre a fare le nozze coi fichi secchi...sarei veramente curioso di vederli alla'opera con qualche milioncino a disposizione per fare un film...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sono un fan dei Manetti, che portano sicuramente una ventata d'aria nuova al nostro cinema, ma questo film l'ho trovato troppo statico e ripetitivo...

      Elimina
  2. Io mi sono fermata al trailer, dove tra l'altro già facevano vedere chiaramente chi o cosa era Wang... E credo proprio che ci resterò, al trailer.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho preso ogni precauzione possibile per non rovinare la sorpresa a nessuno:D il trailer non lo ricordo cmq...

      Elimina
  3. credo che continuerò a perdermelo... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. senza nessun rimorso e rimpianto aggiungerei:)

      Elimina
  4. Le tue obiezioni ci stanno Nico ma l'originalità dell'idea, la capacità, come anche te fai intuire, di tenere lo spettatore attento e curioso di vedere come va a finire e l'atmosfera dovevano dare almeno una sufficienza.

    :)

    RispondiElimina
  5. No la sufficienza non me la sento di darla :D non transigo troppo statico... anche se originale rispetto al resto dei nostri film:)

    RispondiElimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate