18 febbraio 2013

Le belve. Nuova vita da co-co-co protagonista per John Travolta.

Continuano i festeggiamenti nella blogosfera, dopo Nicolas Cage, questa volta è il turno di John Travolta che oggi compie 59 anni.
Lunga e ricca di successi è stata la carriera dell'attore di Englewood, non condita tuttavia da nessun premio Oscar.
Se quasi vent'anni fa poteva festeggiare il suo compleanno sulla cresta dell'onda, recitando ad esempio in Pulp Fiction di Tarantino da attore protagonista, nel 2013 le cose per John sono un pò cambiate.
Il suo ultimo film distribuito nelle sale italiane: Le belve, lo vede infatti come "attore-comparsa", con un minutaggio nella pellicola davvero modesto.

Così come per il film di Tarantino, si tratta di un'opera caratterizzata da tanti personaggi, purtroppo per John a lui è ne capitato uno non tanto protagonista.
Le somiglianze tra i due film potrebbero essere tante, ma in realtà finiscono qui.
Leggendo il romanzo di Don Winslow: Le belve, mi era sembrato infatti che potesse essere un'opera adatta per Tarantino. Ironia, azione, dialoghi serrati e ampiezza dei personaggi erano a mio parere il punto di forza dell'opera. Ovviamente in un romanzo si può dare sfogo alla fantasia, espletandola in più pagine; un film invece deve avere una durata contenuta, altrimenti si corre il rischio di annoiare lo spettatore.
Il compito di trasporre questo romanzo se lo assume Oliver Stone, con l'ausilio dello stesso Don Winslow.
L'esperimento, mio modesto parere, pare poco riuscito e manca proprio nella caratterizzazione dei protagonisti.
Nel complesso pare che Stone sia molto attento a raccontare in maniera fedele la storia del romanzo, prendendosi un'unica licenza nel finale. 
Se la trama non ha eccessive sbavature, i personaggi risultano davvero sbiaditi e facilmente dimenticabili, il che è un vero peccato con il materiale che si aveva a disposizione.

Cominciamo proprio con il festeggiato: John Travolta, alias Dennis. Si tratta di un poliziotto corrotto, che per motivi economici ma anche familiari, decide di tenere "un piede in due scarpe": cartello messicano e produttori di droga.
Lo vediamo sempre intento a mangiare, sembrerebbe furbo, egoista e approfittatore. In realtà lo vediamo pochissimo e ancor meno sentiamo la sua presenza all'interno della pellicola.

Se John è costretto ad un ruolo marginale e superficiale, un pò meglio va alle giovani leve: Blake Lively, Aaron Johnson e Taylor Kitsch.
I tre formano il famoso trittico: O, Ben e Chon. Si tratta di un triangolo amoroso e commerciale, dedito alla produzione della migliore droga del mondo.
O da Ophelia, oltre ad essere una delle protagoniste, è anche la voce narrante del film. Nonostante il suo inizio, scandito da scene osè; anche il suo ritratto appare in bianco e nero e sottotono. La O di Winslow era davvero sfrenata, irriverente e combina guai; questa appare piuttosto triste e malinconica.
Meglio va sicuramente con Ben e Chon. Il primo riflessivo, intelligente e competente. Il secondo taciturno, combattivo e temerario.
Il ruolo da vero antagonista spetta a Benicio del Toro, che interpreta Lado, spietato killer e membro del cartello messicano capitanato da Helena, alias Salma Hayek.
Se Benicio ha la sua bell'aura da killer sanguinario, un pò peggio va a Salma, il cui ruolo è ridotto ad un complicato rapporto con la figlia.
Chiude il cerchio degli attori famosi Emile Hirsch, che interpreta Esteban un esperto informatico in grado di spostare capitali in poco tempo. Il suo compito è davvero minimo, inferiore anche a quello di John Travolta.

In sintesi Le belve di Oliver Stone, è un lavoro non riuscito completamente, che fallisce nella caratterizzazione dei protagonisti, quest'ultimo punto di forza del romanzo di Don Winslow.
Le perplessità restano dunque, anche perchè la trama era abbastanza semplice e minima: il commercio di Ben e Chon, vuole essere incorporato dal cartello messicano, i quali come caparra del futuro accordo rapiscono O.
Un film che comunque dona una nuova vita a John Travolta, che alla soglia dei sessant'anni si deve rivedere nel ruolo di co-co-co protagonista, segno che i tempi di Pulp Fiction sono ormai lontani....

Voto film: 6
Voto prestazione travolta: 6

USCITA CINEMA: 
GENERE: Drammatico, Thriller
REGIA: Oliver Stone
SCENEGGIATURA: Don WinslowShane Salerno
ATTORI: John TravoltaSalma HayekBenicio Del ToroBlake LivelyAaron JohnsonTaylor KitschShea WhighamDemian BichirMia MaestroJake McLaughlin, Emile Hirsch


Ecco gli altri partecipanti al John Travolta Day, cliccando sul nome potrete leggere il loro post sul festeggiato:

26 commenti:

  1. Film non perfetto per un romanzo non perfetto, forse il più fiacco di Winslow.
    Comunque, in alto i bicchieri per Travolta! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho gradito di gran lunga il romanzo, nel film manca un'anima...Buon JTD

      Elimina
  2. certamente non uno dei suoi migliori film, ma senz'altro si può guardare, buon travolta day ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel complesso la sufficienza la strappa:) Buon JTD

      Elimina
  3. Alla fine questo me l'ero perso, conto di recuperarlo... ma nno tanto per il festeggiato, quanto per Benicio *__*
    Buon John Travolta day!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benicio compare molto di più di John, quindi ti potrebbe piacere;) Buon JTD

      Elimina
  4. film minore ma cmq rispettabilissimo, spacca abbastanza ma non troppo! Buon Travolta Day yeah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si poteva spaccare di più, Travolta è poco più di una comparsa:D Buon JTD

      Elimina
  5. non eccezionale ma comunque mi ha divertito,una tarantinata pentita... sono d'accordo col tuo voto! BTD!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si le basi c'erano dato anche il buon romanzo, si poteva far meglio ma un 6 lo merita;)

      Elimina
  6. Uscii piena di adrenalina dalla sala per il finale, con il passare del tempo continuo a trovarci sempre più difetti e a trovarlo un film minore..
    Buon JTD comunque, lui qui, pelata a parte, se la cava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il compito di Travolta è minimo, però mangia bene:P Un film non memorabile sicuramente...

      Elimina
  7. Mi manca ancora. Buoni festeggiamenti!

    RispondiElimina
  8. Come scrissi all'epoca, grandi aspettative e altrettanto grande delusione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le aspettative erano come dici tu tante, deluso abbastanza anche se nel complesso si può guardare:)

      Elimina
  9. Ancora da vedere. Ma anche qui, BTD a tuttiiii ;)

    RispondiElimina
  10. Questo mi manca e devo recuperarlo, anche se a quanto pare si è rivelato deludente.

    Buon JTD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh una visione si può dare, poteva essere un film straordinario ma purtroppo qualcosa non ha funzionato... Buon JTD

      Elimina
  11. nonostante il film sia tendenzialmente inutile le auguro un buon jtd!

    RispondiElimina
  12. impietoso paragonare questo a Natural Born Killer, ma se si pensa che è Stone a dirigerlo... cmq Travolta a là Pulp è sempre un bel vedere.
    grazie per aver partecipato al JTDay, ciao! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te:) Natural Born Killer mi manca ma vedo di recuperarlo presto...

      Elimina
  13. pensavo fosse un' idiozia e l'ho snobbato. mi tocca recuperarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No un'idiozia non proprio, neanche un capolavoro però, meglio il libro per me:)

      Elimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate