19 febbraio 2013

Combinazione mortale - Steve Hamilton

Voto 7,5. Fresco vincitore dell'Edgar Adward 2011, è stato pubblicato da poco in Italia: Combinazione mortale, un mistery di Steve Hamilton.
Si tratta di un romanzo estremamente interessante, originale, che ci racconta la vita di un ragazzo criminale per amore.
Hamilton si affida completamente al suo protagonista, che attraverso un libro scritto durante la sua detenzione , ci racconterà la sua storia.
Un altro giorno rinchiuso in prigione.

Forse vi ricordate di me. Pensateci bene. Estate 1990. So che è stato un bel po’di tempo fa, ma le agenzie di stampa di impadronirono della notizia e finii su tutti i giornali del paese. Se non avete letto la storia, ne avrete probabilmente sentito parlare.
Mi chiamavano “Miracle Boy”. Non credo faccia bene stare qui. Nel frattempo, fino a quando starò qui, mi sono detto: che diamine, ripenserò a tutto quello che è successo. Metterò tutto per iscritto. Anche perché è l’unico modo che ho per raccontare la mia storia. Non ho altra scelta visto che alcuni di voi già sapranno, o forse no, di tutte le cose che ho fatto negli ultimi anni, ce n’è una che non ho mai fatto. Non ho pronunciato una sola parola ad alta voce.
Il problema è: da dove iniziare? Se parto dalla storia strappalacrime sembrerà che voglia giustificare tutto quello che ho fatto. Se inizio con la parte peggiore penserete che sono una specie di criminale nato.
Quindi, se a voi non dispiace, salterò di palo in frasca.
Da questa breve introduzione e citazione tratta dalle primissime pagine di Combinazione mortale, si evince l’anima di questo romanzo.
A narrarci la storia all’interno di un carcere, è Mike in prima persona. L’espediente narrativo utilizzato è quello di un libro nel libro, anche perché il protagonista non parla da quando aveva otto anni, come accenna egli stesso.
Il tono è abbastanza colloquiale con il lettore, il quale si troverà di fronte una storia dalla doppia anima: romantica e criminale.
Mike è infatti un ragazzo sfortunato che ha rischiato la morte quand’era un bambino. Rinchiuso in una cassaforte fu buttato in mare. Da chi, perché e come lo scoprirete solo nelle ultime pagine.
Si perché, Combinazione mortale è un racconto diverso, che non parte dal principio della storia di Mike ma comincia dalla parte centrale della sua vita.

Mike non ha il coraggio e la voglia di raccontarci come tutto è cominciato, in che modo ha perso la voce, perciò ci presenta inizialmente la sua indole criminale.
Meglio precisare, Miracle Boy non è un bandito, ma è semplicemente uno scassinatore. Non sa parlare, ma sa usare molto bene le mani. Mike ha un innato talento nell’aprire qualunque tipo di cassaforte, oltre a essere abilissimo nel disegno.
Queste due caratteristiche saranno la sua forza e daranno vita alla sua storia. La prima sarà subito ammirata e segnalata dai più furbi, da chi la vorrà utilizzare per i propri fini. Ad adocchiarla saranno primi giovani ragazzini in vena di scherzi, per poi finire nelle mani di potenti organizzazioni criminali.
Il disegno invece sarà un utile strumento per Mike, che gli consentirà di comunicare con Amelia, una ragazza di cui è follemente innamorato.
Le due situazioni purtroppo per lui saranno strettamente collegate, non potendo abbandonare il crimine senza correre il rischio di perdere Amelia.
Mike imparerà che anche le casseforti dovranno essere trattate come le donne, dovrà dunque toccarle nel modo giusto.

Strutturalmente il romanzo si divide in due grandi blocchi, anticipati da date e luoghi specifici.
Si comincia dal settembre del 1999 Fuori Philadelphia. In questa fase Mike ci racconta il suo passato più prossimo, quello che lo ha costretto al carcere. Quindi ci mostra le sue abilità, ci elargisce nozioni su come aprire casseforti, ci racconta dei suoi rapporti con diversi criminali.
Si alterna a questa, una seconda fase, in cui Mike ci parla del suo passato remoto. Siamo nel 1991 in Michigan, un po’ dopo il fatto. Il protagonista ci parla della sua crescita con lo zio Lito nel bar dei liquori, del suo ingresso nel mondo della scuola, e della sventura di non avere la possibilità di parlare.
Il romanzo procede su questa falsariga, con l’avvicendarsi dei due blocchi temporali. Entrambi saranno conditi dalle numerose esperienze di Mike, che ci racconterà le sue difficoltà, la sua caparbia, forza interiore e lotta per la sopravvivenza in un mondo di pesci grossi.
Questo alterarsi ci mostra in maniera ravvicinata la causa e l’effetto, gli episodi che hanno costretto Mike a quello che è diventato; i motivi che lo costringono a quella vita poco sicura.

Combinazione mortale, è in sintesi un romanzo estremamente interessante, un mistery originale che tuttavia non ha una storia centrale ma si esplica in numerose situazioni che ci raccontano la strana vita di Miracle Boy…

TRAMA UFFICIALE: A otto anni lo chiamavano "Miracle Boy", per essere sopravvissuto alla strage della sua famiglia chiudendosi in una cassaforte poi gettata nel fiume dal killer ma recuperata giusto in tempo per strapparlo alla morte. Il trauma però lo renderà incapace di parlare: adesso Mike ha diciotto anni e per tutti è "il Muto". Emarginato dai compagni di scuola come una specie di ritardato, Mike scopre ben presto di possedere un talento molto particolare: la capacità di scassinare qualsiasi tipo di serratura, lucchetto e... persino una cassaforte contenente milioni di dollari. Un talento che non passerà certo inosservato, soprattutto dal clan della malavita locale che minaccia il padre di Amelia, la ragazza di cui è perdutamente innamorato. Per "Il Mago delle Serrature" il gioco si fa sempre più pericoloso...

AUTORE: Steve Hamilton
EDITORE: Giunti Editore
NAZIONE: Usa
ANNO: 2013
PAGINE: 432

Nessun commento:

Posta un commento

Generi cinematografici

Notizie archiviate