14 gennaio 2013

7 Psicopatici + 1 Google Plus Psicopatico.


Questo post parla di un recensore della piattaforma blogger che da quando è passato al profilo Google Plus si occupa solo di cinema thriller e libri thriller.
Un bel giorno si ritrova di fronte una black comedy: 7 Psicopatici, un film di Martin McDonagh. Il dilemma è amletico: thriller o non thriller? Parlarne o non parlarne?
Dopo mille peripezie decide di parlarne, anche perché: Chi l’ha detto che un giallo non può essere comico e/o simpatico?
Il problema grosso è quello che comincia la sua recensione esprimendo a tutti i suoi lettori, i suoi stupidi dubbi, risultando l’ottavo psicopatico della situazione.

Voto 7. Bene, torniamo seri. Quest’introduzione di post un attimino sopra le righe è volta a presentare il film 7 Psicopatici, che fa del metalinguaggio e del metacinema una delle sue caratteristiche principali.
La commedia nera di  McDonagh, parla infatti di un gruppo di Psicopatici che parlano di altri psicopatici.
L’esempio cardine in questo senso è Marty, interpretato da Colin Farrel. Uno sceneggiatore abbastanza al verde di idee, che si consola con l’alcool. Il suo nuovo lavoro è intitolato appunto: 7 psicopatici, la cui trama è abbastanza simile a quella del film di McDonagh.
Accanto a Marty, c’è il suo amico Billy (Sam Rockwell): il re degli psicopatici. Il suo lavoro è quello di sequestratore di cani, riportati poi al padrone dal complice Hans (Christophen Walken), naturalmente dietro consegna della ricompensa.
Per loro sfortuna rapiscono il cane del padrone sbagliato, ritrovandosi perseguitati dallo spietato killer: Charlie (Woody Harrelson).

7 Psicopatici, segue quindi due strade strettamente collegate. Il primo plot è quello della sceneggiatura che fa molto metacinema. Il lavoro di Marty è infatti molto simile a quello del regista e degli sceneggiatori originali. Numerose sono le scene in cui lo scrittore immagina le situazioni della sua sceneggiatura, dando vita a piccole storie singole all'interno del film. Esempi sono quella del killer dei serial killer: Zachariah (Tom Waits) e del monaco buddista.
Questa è la parte sicuramente più creativa, che dimostra come un gruppo di persone (anche se non proprio stabili) può concepire qualcosa d'importante.
Il secondo plot è più action, una sorta di guerra tra i sequestratori del cane ed il suo proprietario. Il motivo  scatenante banale è volto a esaltare la comicità della situazione paradossale. Frequenti anche le scene splatter, contornate da tanto sangue e violenza.
Il risultato complessivo è quello di un film godibile e a tratti geniale, spesso irritante come indicato dagli stessi protagonisti. La prova attoriale è fantastica, su tutti va segnalata quella di Sam Rockwell che interpreta il personaggio più svitato; a meno che non si consideri l'ottavo psicopatico:-D

USCITA CINEMA: 
GENERE: Commedia, Giallo
REGIA: Martin McDonagh
SCENEGGIATURA: Martin McDonagh
ATTORI: Colin FarrellWoody HarrelsonAbbie CornishSam RockwellChristopher WalkenOlga KurylenkoTom WaitsGabourey 'Gabby' SidibeKevin CorriganZeljko Ivanek

8 commenti:

  1. film molto divertente!
    dall'autore di in bruges però mi aspettavo qualcosina di più, visto che nella parte finale il film per me si spegne un pochino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te, un film che parte in maniera geniale ma finisce un pò in sordina...

      Elimina
  2. Sam Rockwell semplicemente perfetto.
    Anche le mie aspettative (elevatissime, vuoi per in bruges, vuoi per il cast) sono state un po' disattese.
    Comunque anche io avevo aggiunto un ottavo psicopatico all'epoca dell'uscita del film,(ma non eri tu) ovvero la pessima distribuzione della pellicola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Letto adesso il tuo post, siamo d'accordo su Sam Rockwell e sul fatto che il distributore sia stato più psicopatico di me;)

      Elimina
  3. Strambo, ma nel senso positivo del termine.
    Molto, molto simpatico :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parte in maniera davvero geniale, nel finale rallenta e innervosisce un pò. Ottima la chiusura dopo i titoli di coda:D

      Elimina
  4. Non posso essere obiettiva, perchè il gruppo di attori mi diverte, e la figura di Tom Waits mi esalta come sempre....
    Grazie di avercelo proposto...
    Un abbraccio Nico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto divertente, soprattutto all'inizio:)

      Elimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate