19 dicembre 2012

Intervista a Alessandro Vizzino

1) Salve Alessandro e bentornato sul mio blog. Da poco è uscito il tuo nuovo romanzo La culla di Giuda, che ho avuto il piacere di leggere. Questa volta ti cimenti in un racconto che ha le sue radici nel passato, precisamente nel periodo dell'Inquisizione, della massoneria. Come nasce l'idea?
A.V. Ciao Nico e grazie a te di avermi nuovamente letto e ospitato. “La culla di Giuda” nasce da un breve itinerario estivo con la mia famiglia tra i luoghi descritti nel romanzo, Rimini, San Marino e la fortezza di San Leo. Le suggestioni dei posti, alcuni spunti ottenuti lì e un bel po’ di approfondimento storico hanno fatto il resto, per un romanzo che si è miracolosamente “scritto da solo” in meno di venti giorni, proprio al ritorno dalle citate vacanze.

2) La culla di Giuda mi è sembrato un ottimo modo di rispolverare una materia antica come la storia, che molti studenti compreso il sottoscritto (ex-studente) la trovano alle volte, inutile. Essendo un editore, credi che la narrativa possa essere un sostegno per rinnovare l'istruzione?
A.V. In modo assolutamente originale, hai definito questo romanzo “pedagogico”, per le ragioni qui ricordate, e di questo ti ringrazio. Hai ragione, la narrativa potrebbe e dovrebbe servire anche al trasferimento di nozioni e messaggi importanti attraverso le semplici storie, le vicende umane di tutti i giorni e una lettura divertente. L’arricchimento culturale mediante uno svago, come solo la lettura sa essere. Questo è il compito a mio avviso essenziale della narrativa, e sono felice che ai tuoi occhi “La culla di Giuda” sia stato un libro riuscito in questo senso, poiché, in verità, era proprio uno degli obiettivi che mi prefiggevo.

3) Dopo la storia la geografia. In questo romanzo fai viaggiare molto i tuoi protagonisti: San Marino, Venezia, Rimini, Aix in Francia, etc. Le città in cui si spostano le descrivi dettagliatamente, indicando anche le vie. Quale di questi luoghi hai visitato e perchè ti sono sembrate adatte per il tuo romanzo?
A.V. Le ho visitate tutte in prima persona, ad eccezione di Varsavia e Colmenar Viejo, sui cui luoghi ho approfondito da libri e pubblicazioni varie. In quanto tappe dell’eterno peregrinare di Cagliostro, sono stati quindi luoghi imprescindibili anche per la costruzione del romanzo.

4) La culla di Giuda è il titolo del romanzo ma anche un complicato attrezzo che sembra molto doloroso. Hai visto personalmente questo strumento di tortura? Perchè hai scelto proprio questo come titolo?
A.V. Ho visto questo strumento come tutti gli altri descritti nel romanzo, sì. “La culla di Giuda” ha un doppio significato: da un lato la pratica di tortura da te citata, dall’altro l’essenza dell’epilogo, che non ho qui, però, la possibilità e l’intenzione di svelare.

5) Dice Caparezza che il secondo album (in questo caso libro) è sempre il più difficile per una carriera di un'artista. Quanto è stato difficile per te staccarti dai tanti personaggi di Sin, per “concepire” queste nuove vite?
A.V. Come ho detto prima, “La culla di Giuda” è stato un parto completamente spontaneo, un romanzo che si è quasi scritto da solo, che è venuto alla luce in pochissimo tempo e con estrema facilità e naturalezza. Un po’ come se fossi io stesso Valentino Mastro, immerso nella storia che si dipana all’interno del libro. Erano passati più di sei mesi dalla fine della stesura di SIN e l’immedesimazione totale nei luoghi e nei personaggi de “La culla di Giuda” ha permesso questo piccolo “miracolo” di creatività, cioè un testo venuto su per genesi spontanea, istintiva, senza alcun intoppo o difficoltà.

6) Valentino l'ho trovato un personaggio buono, pulito, semplice, in cui il lettore medio si potrebbe benissimo rispecchiare. Diverso quindi dai peccatori di Sin. Come mai hai deciso di puntare su di lui?
A.V. Volevo un personaggio ironico, scanzonato e canzonatorio al medesimo tempo, quello che l’ambientazione di SIN non aveva permesso. Un personaggio molto più vicino a me stesso, al mio modo di essere, svincolato da quelle esigenze di angoscia e preoccupazione che infondeva invece il cerchio di SIN. Un uomo che sa prendersi gioco della vita pur se è stato da essa preso in giro, che conosce il giusto peso da dare alle cose, che non confonde mai serio con serioso. Un uomo che sappia andare avanti anche quando tutto sembra girare nel verso contrario, amato e rispettato anche per questo.


7) Come ho accennato nella recensione si tratta di un romanzo diverso rispetto a Sin. In primis per la struttura, uno breve, l'altro lungo.
Essendo anche un editore tra le tante cose, quale preferisci? E da lettore invece?
A.V. Da editore, lettore e anche da scrittore (aggiungo io) li preferisco entrambi, ognuno con la propria diversità. Parlando invece in generale, da lettore non mi faccio mai influenzare dalla lunghezza di un libro, preferendo due semplici categorie per definire i libri stessi: quelli belli e quelli brutti. Da editore devo tuttavia constatare che, soprattutto se parliamo di editoria emergente (quella che quotidianamente pubblico e di cui mi occupo), un testo “snello” aiuta sempre a sostenere la pubblicabilità (minori costi) e la diffusione (per pigrizia generale del pubblico) di un testo.

8) Un altro aspetto caratterizzante è l'utilizzo costante dei dialoghi diretti. Da cosa deriva questa scelta?
A.V. Da un esperimento di ritmo narrativo complesso da realizzare, ma spero ben riuscito. La presenza costante, quasi totalizzante, dei dialoghi ne “La culla di Giuda” conferisce al testo un’altissima facilità e velocità di lettura, cadenza incalzante e difficoltà per il lettore a staccarsi dalle pagine. Non è tuttavia semplice trasferire un’intera storia, per di più con gli intrecci e gli agganci di questa, facendo del dialogo il principale strumento di narrazione. Agli occhi dei più disattenti potrebbe sembrare più facile, in realtà donare ai dialoghi la loro verosimiglianza e costruire trama e sviluppo psicologico dei personaggi (talvolta persino morfologico) attraverso battute dirette, senza cadere nel banale o nel surreale/paradossale, è complicatissimo. Spero di essere riuscito nell’intento, che come detto in premessa può anche considerarsi un vero e proprio esperimento letterario, già provato anche in lavori precedenti (ma che usciranno, invece, successivamente a “La culla di Giuda”).


9) Nonostante la differenza di contenuti e strutturale, Sin e La culla di Giuda hanno in comune l'aspetto enigmistico. Entrambi sembrano una caccia al tesoro, con diversi indizi che in un certo senso sfidano il lettore. Come nasce questa passione per gli enigmi e come riesci a incastrare tutti i vari pezzi del puzzle?
A.V. La passione nasce da una semplice predisposizione personale e dalla convinzione che l’enigma sia sempre l’elemento centrale che un lettore cerchi in un thriller o in un poliziesco, al di là di contenuti più o meno reconditi e oltre qualsiasi messaggio “pedagogico”, per ripercorrere la tua felice definizione. Ci riesco studiando tutto prima, creando una struttura chiara e completa ancor prima di scrivere la prima parola del libro. Magari, anche attraverso quella cosa che qualcuno definisce “capacità” o “talento”, che mi aiuta e sostiene in corso d’opera.

10) Un altro aspetto comune è la presenza di un “grande burattinaio”, paragonabile alla figura dello scrittore che manipola e in anticipo conosce la sorte dei suoi protagonisti. Quanto ti diverti a “interpretare” il ruolo del vero cattivo?
A.V. Tantissimo! E tu, Nico, l’hai capito fin dalla lettura di SIN. In fondo la contrapposizione tra il buono e il cattivo, tra il bene e il male, oltre a essere elemento fondamentale del genere noir in generale, è ciò che sostiene da sempre la letteratura, l’arte, la creatività e il mondo stesso. Per quanto la fine del cattivo, in SIN e ne “La culla di Giuda”, segua due strade assai diverse tra loro, al limite dell’antitetico. In “La culla di Giuda” c’è una luce maggiore, che sovrasta il buio apparentemente presente sulla superficie di SIN.

11) Questo nuovo romanzo è pubblicato con DrawUp di cui tu sei l'editore. Come procede la recluta dei nuovi talenti. Quale caratteristica ricerchi nello scrittore esordiente?
A.V. Procede molto bene, con più di trenta pubblicazioni in un anno tra quelle già esistenti e quelle in attuale fase di produzione. La caratteristica principale di uno scrittore (sembrerebbe una banalità ma purtroppo non lo è) è innanzitutto la padronanza di linguaggio, intesa perfetta e totale e non in termini accennati. Appurata tale qualità, laddove presente, la capacità di dire cose nuove e di saperlo fare attraverso una struttura narrativa equilibrata e lineare. Tutte cose che si possono perfezionare ma non si imparano dal nulla, serve sempre quella dose di talento naturale necessaria a ogni attività umana, quelle artistiche in particolare.

12) Due romanzi pubblicati in questo tuo fiorente 2012. Cosa ci dobbiamo aspettare per il nuovo anno?
A.V. Tanto, almeno questo è ciò che mi aspetto io. In particolare, sto scrivendo un libro sulla mafia siciliana degli anni ’80 e ’90, tratto da un’intervista vera in tempo reale con un importante pentito, e poi la storia raffinata e attenta di un gruppo di amici tedeschi durante il regime nazista e la seconda guerra mondiale, le cui strade prenderanno inevitabilmente tante direzioni diverse. Due romanzi che potrei in entrambi i casi definire “storici”, uno contemporaneo o quasi e l’altro che ripercorre la storia d’inizio/metà del secolo scorso. Un po’ sulla falsariga dei primi due, direi, dato che sia “La culla di Giuda” sia SIN possono essere definiti romanzi ad ambientazione storica, se anche la costruzione del futuro probabile assume la stessa dignità di quella che ha la ricostruzione e l’analisi del passato. Già sono pronti i due titoli, nonché una serie abbondante di pagine e capitoli già scritti, per ambedue i lavori in programma nel 2013, ma preferisco ancora tenere tutto per me, al momento. Non mancherà occasione…

Grazie ancora una volta per l'attenzione ed il tempo concessomi. Come sempre in bocca al lupo per i tuoi progetti e ti aspettiamo in libreria.
A.V. Grazie a te, Nico, sei sempre molto disponibile e gentile, oltre che bravo e preparatissimo.

Nessun commento:

Posta un commento

Generi cinematografici

Notizie archiviate