8 settembre 2012

Un piano semplice - Scott Smith

Non vi è uomo che cerchi il male in quanto tale, lo confonde semplicemente con la felicità, con il bene con cui egli anela. 
Questa frase di Mary Wollstonecraft, posta a presentazione del romanzo di Scott Smith: Un piano semplice, rappresenta un degno riassunto dell'opera.

Voto 8. Continua la caccia al thriller perfetto, e per farlo ultimamente mi sto "servendo" del bellissimo gruppo Thrillerpages.blogspot.com, pagina Facebook del famoso blog Thrillerpages, in cui gli appassionati di letteratura thriller discutono sulle loro letture; suggerendo e consigliando romanzi recenti e passati.
Proprio da questa pagina derivano le ultime mie letture e recensioni, dedicate a romanzi che per la loro trama hanno suscitato in me grande interesse.
Uno di questi è stato appunto Un piano semplice, romanzo del 1993 di Scott Smith; romanzo poi diventato un film di Sami Raimi del 1998, intitolato in Italia: Soldi sporchi.
La frase posta ad inizio libro ed inizio post è molto bella ed alquanto significativa.
Uno dei "mali" in cui mi sono imbattuto durante le mie letture noir è stato il denaro. Denaro facilmente confondibile con la felicità, con la sicurezza di un futuro roseo e senza problemi economici. Denaro che molte volte però si è rivelato per i protagonisti dei racconti, un'arma a doppio taglio, che nascondeva insidie davvero inimmaginabili.

Immagine tratta dal film A simple Plan, di Sami Raimi
Esempi ne sono stati La stanza dei morti di Frank Thilliez e Pensa un numero di Anders Bodelsen; entrambi con il tema principale del denaro facile.
Non da meno è questo: Un piano semplice, in cui i protagonisti, un giorno come un altro si ritrovano di fronte: "il genio della lampada". Si perchè, se ognuno di noi si ritrovasse di fronte il famoso genio che esaudisce i desideri, una delle richieste che gli faremmo, sarebbe quella di diventare ricchi.
I tre protagonisti di Un piano semplice: Hank (narratore in prima persona), Jacob e Lou, non devono neanche faticare a esprimere il loro desiderio.
Fortuitamente i tre infatti si ritrovano nel bel mezzo di una riserva in cui giace un aereo abbandonato, con dentro un uomo morto e una sacca con dentro Quatto milioni e quattrocentomila dollari.
Al posto loro voi cosa avreste fatto?
Io credo un pensiero l'avrei sicuramente fatto a quel bottino incustodito, che cambierebbe la vita di ciascuno di noi. Una vincita al superenalotto senza spendere i soldi del biglietto.
Così fa il poco unito gruppetto composto da due fratelli: Hank e Jacob, e l'amico di quest'ultimo Lou.
I tre decidono infatti di prendere il malloppo, bruciandolo poi nel caso le cose si mettessero male.

Ma una volta che il bottino è in mano, la mente vaga. Ognuno avrebbe il diritto di sentirsi ricco con in mano una cifra del genere; l'idea della vita passata ci sembrerebbe una miseria e perciò saremmo disposti a qualsiasi cosa pur di difendere il nostro bel futuro, i nostri sogni.
Che le cose non siano così semplici, come invece era nelle intenzioni del piano, ce lo dice il nostro narratore Hank.  Dal tono in cui racconta gli episodi accaduti dopo il ritrovamento del denaro, non sembra felice come dovrebbe essere uno che ha appena vinto la lotteria.
Quel denaro infatti porterà con se una "sfortuna" che causerà una serie di episodi imprevisti e violenti.

Un piano semplice è un romanzo travolgente, che dopo un inizio dettagliato in cui si racconta tutto della vita dei protagonisti; arriva ad una parte centrale piena di ritmo ed avvenimenti al limite dell'horror.
Un romanzo in cui felicità e male sono due facce della stessa medaglia, la quale una volta messa in tasca cambierà radicalmente la vita di ciascun individuo.

TRAMA UFFICIALE: Nei boschi innevati di un paesino dell’Ohio un aereo privato si è schiantato, nessuno è sopravvissuto, nessuno si è accorto dell’incidente. Lo scoprono Henk Mitchell, il suo fratello obeso Jacob e il suo untuoso amico Lou. A bordo ci sono 4 milioni e mezzo di dollari. I tre decidono di non dichiararli alle autorità: nascondono la somma, se la divideranno. Un piano semplice, che si tramuta in una spirale di tradimenti, complotti, assassini: la realtà ne esce stravolta e a trionfare sarà l’impensabile. Il thriller perfetto che ha rivelato al mondo un talento assoluto.

AUTORE: Scott Smith
NAZIONE: America
ANNO: 1993 - 2007
PAGINE: 352

2 commenti:

  1. interessante sia il libro che il film

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti in questi giorni cercherò di recuperare il film:) e magari poi recensirlo...

      Elimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate