13 agosto 2012

Dream House. Un thriller da incubo

Un thriller prevedibile che attinge a molti stereotipi del genere, perdendo il fattore originalità essenziale per il genere. Un thriller psicologico paranormale in cui i trucchi sono molto semplici e prevedibili per gli amanti del genere.

Voto 5. Il titolo del post, dato al nuovo film di Jim Sheridan è abbastanza eloquente e passibile di doppi sensi. L’incubo è infatti ambivalente. Da un lato vittime di questo brutto sogno, saranno i personaggi della storia; d’altro canto possibili vittime potrebbero essere gli spettatori di questo film.
Dream House se lo si vuole catalogare in un genere va sicuramente messo nella categoria dei thriller, soprattutto per via della trama che cerca di essere enigmatica.
Will Atenton (Daniel Craig) è uno scrittore che decide di abbandonare il suo lavoro per dedicarsi alla scrittura di un romanzo, ma anche per passare più tempo con la sua famiglia, composta dalla moglie Libby (Rachel Weisz) e dalle due bambine.
A completare il quadro idilliaco c’è appunto la casa da sogni, la Dream House che li aspetta e li accoglie. L’insieme è degno del più celebre spot della Barilla, con una famiglia compatta e che si ama ed una casa accogliente e confortevole che li ripara dalla neve gelida dell’ambiente circostante.
Will è felice, spensierato, può lavorare con tranquillità, fare l’amore con sua moglie, giocare e scherzare con le sue bambine.
Questo primo aspetto della trama è già degno di analisi, facendo storcere un attimino il naso agli amanti dell’originalità.
L’associazione scrittore-luogo isolato è ormai abbastanza sovrautilizzata dal genere, e non può non far ricordare il film di Kubrick: Shining.
Se da un lato l’isolamento è sinonimo di tranquillità, dall’altro lato si associa bene con pazzia.

In questo caso si tratta di follia retroattiva e non futura. Will infatti dopo aver trovato all’interno della sua casa un gruppo di teppistelli punk, scopre improvvisamente che la casa da sogni in cui abita è stata scenario di uno dei più brutali assassini della storia.
Due bambine ed una donna sono state brutalmente ammazzate presumibilmente dal marito/padre, rinchiuso poi in un istituto psichiatrico.
Possibile Spoiler
Gli appassionati del genere thriller faranno sicuramente 1+1 e giungeranno ad una conclusione semplice ed immediata.
Dopo aver dato questo indizio rivelatore nel primo quarto d’ora, Jim Sheridan continua imperterrito però con il proprio trucco, vecchio quanto quello del mago ed il suo cappello da coniglio.
A metà film stanco della farsa, decide poi, di rivelare l’arcano segreto in modo tale da potersi poi giocare il colpo finale, atto a stravolgere il naturale corso delle cose. Ma anche in questo caso la pochezza numerica e di costruzione dei personaggi, fa intuire il secondo trucco.

Se Dream House lo si vuole valutare dal punto di vista del thriller, verrebbe da dire che è quanto di meno originale ed interessante il genere abbia finora proposto. Colpi di scena vecchi e desueti che possono meravigliare solamente chi non si sia mai approciato al genere.
Abbastanza spicciola anche la rappresentazione del personaggio che cambia aspetto facciale e pettinatura a secondo dello stato d’animo. Animo sereno = ciuffo sbarazzino. Animo inquieto = capelli all’indietro su volto con occhiaie.
Dal punto di vista della trama quindi Dream House è un flop colossale, che tuttavia per atmosfere riesce a galleggiare sulla mediocrità.
L’aspetto su cui vuole forse insistere il regista, è l’aspetto psicologico del protagonista, ma anche qui lo sviluppo è abbastanza mediocre e poco credibile per un film thriller psicologico che a tratti sfocia nel paranormale.

USCITA CINEMA: 03/08/2012
REGIA: Jim Sheridan
SCENEGGIATURA: David Loucka
ATTORI: Daniel Craig, Naomi Watts, Rachel Weisz, Mark Wilson, Joe Pingue, Elias Koteas, Marton Csokas, Taylor Geare, Claire Geare, Brian Murray, Bernadette Quigley

7 commenti:

  1. film mediocre decisamente evitabile

    RispondiElimina
  2. vedo che mediocre è la parola che ricorre di più, giustamente :)

    RispondiElimina
  3. Dal trailer pensavo fosse meno mediocre:D

    RispondiElimina
  4. I am genuinely grateful to the holder of this web page
    who has shared this great post at here.

    Also visit my weblog; The Interlace

    RispondiElimina
  5. I blog quite often and I really thank you for your information.
    This article has truly peaked my interest. I will take a note of your blog and keep checking for new
    information about once a week. I subscribed to your Feed as well.


    My weblog :: Psn Code Generator

    RispondiElimina
  6. I've learn some good stuff here. Certainly price bookmarking for revisiting. I surprise how much attempt you put to make this sort of fantastic informative web site.

    My page minecraft Crack

    RispondiElimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate