22 febbraio 2012

La verità del serpente - Gianni Farinetti

Voto 5. Dopo la bella iniziativa dell’e-book gratis per i blogger thriller, la Marsilio tempo fa ha indetto un’altra bella iniziativa legata sempre al mondo dei blog e dei thriller.
Il nuovo progetto è stato quello di creare un gruppo di lettura on line, in cui i vari lettori dovevano presentare il loro punto di vista sul libro selezionato.
Ovviamente il libro era identico per tutti, ed era La verità del serpente di Gianni Farinetti.
Il libro è stato diviso in tre parti, scandendo i punti cruciali del racconto. Al termine di ogni percorso, i partecipanti sollecitati da alcune domande del moderatore, esprimevano il loro punto di vista. Al termine della lettura, si potevano poi rivolgere domande e chiarimenti, direttamente all’autore.
In questa recensione cercherò di seguire le tappe fondamentali del gruppo di lettura, indicando chiaramente il mio giudizio, ma presentandovi anche le opinioni degli altri lettori, in modo da dare un quadro più generale e meno soggettivo del romanzo in questione.

Il Male si insinua
Questa è stata la prima tappa del percorso, volta all’introduzione dei personaggi, della storia e del luogo di ambientazione.
I personaggi sono presentati brevemente nella pagina iniziale, a mò di titoli di testa cinematografici; per poi essere raccontati minuziosamente attraverso le loro parole e comportamenti.
A ben vedere il personaggio che spicca su tutti è Sebastiano Guarienti, uno sceneggiatore, omosessuale, che si caratterizza per essere il “buono” della situazione, secondo il mio punto di vista.
Tra gli altri protagonisti abbiamo: Lorenza Leonelli, Giorgio Leonelli e Tiziana. Questi tre compongono una “famiglia moderna”. Giorgio e Tiziana sono infatti separati, entrambi hanno amanti. La figlia Lorenza gestisce una casa di famiglia, adatta per l’occorrenza a pensione di lusso.
Si tratta della Leonella, situata sul Lido di Venezia, luogo quindi abbastanza turistico, soprattutto nel periodo del Festival del Cinema.
A essere ospitati, oltre a Sebastiano; sono anche l’avvocato Renata Lequio; due sorelle torinesi: Marisi, vedova Boffa e Anita; Jurgens e la fidanzata Ramona.
A completare la casa ci sono la tuttofare Berta, il giardiniere Erminio e suo nipote Sandro.

A dispetto del titolo, dal mio punto di vista, il Male si insinua davvero poco. O meglio il thriller si insinua abbastanza poco. Per chi infatti volesse leggere il classico thriller con omicidi, azione, enigmi, etc. questo romanzo, lo sconsiglierei.
Per tutta questa parte, infatti, non succede un granchè se non vari pettegolezzi, e cattiverie gratuite, caratteristiche delle vecchie zitelle.
Farinetti usa una terminologia a volte sofisticata, e si sofferma molto sulla descrizione turistica e non, di Venezia. Confesso di non essere rimasto entusiasta di questa prima parte.
Molti degli altri lettori, hanno invece trovato gradibilissimo l’inizio del romanzo, entusiasti soprattutto della bella Venezia considerata una vera e propria protagonista, al pari degli altri personaggi.

Un suicidio perfetto.
Questo il titolo della seconda parte. Se una persona si irrita nella prima di un romanzo, difficilmente affronterà con voglia lo svolgimento del racconto. La stessa cosa è capitata a me, continuando a leggere a sprazzi La verità del serpente, e non con accanimento, come capita con i thriller più “attraenti”.
Già il titolo farebbe capire chiaramente come di suicidio non si tratterebbe, quello di Marisi Boffa (tra l’altro uno dei migliori personaggi). Essendo un libro thriller, una minima complicazione ci dovrebbe pur essere.
I protagonisti più che sul suicidio dato abbastanza per scontato, “lottano verbalmente” sulla proprietà e sul futuro della casa. Il vero intrigo è che la Leonella, Tiziana (proprietaria) l’abbia venduta a Jurgens, il quale è restio a comprarla.
Riflettendoci sopra, non è neanche male questa situazione, dando un tocco originale e realistico al romanzo.
Infatti di norma nei classici thriller, dopo una morte c’è il commissario che indaga sul fatto, con i successivi risvolti sul caso.
Il Gruppo di Lettura invece si è focalizzato in questa tappa, sui protagonisti.Ciascuno ha indicato il suo preferito, con le annesse motivazioni.

La verità del serpente
Arriviamo alla fine del libro, in cui Farinetti fa uso di una terminologia più scorrevole e fluida, risolvendo finalmente l’enigma della Boffa.
La trovata è buona e plausibile, ma il finale per me non salva un libro poco thriller.
Sul Blog Marsilio si è discusso se il libro parlasse del male o della sofferenza, ciascun partecipante ha anche detto la sua sul complesso dell'opera, in netto contrasto con il mio giudizio alquanto negativo...
Nell'ultimissima tappa invece è intervenuto l'autore Gianni Farinetti, che ha risposto di proprio pugno alle domande generali che scaturivano durante il gruppo di lettura. Per leggere di più, cliccate qui...

2 commenti:

  1. ottima recensione..molto dettagliata..credevo che fosse un pò meglio il libro

    RispondiElimina
  2. Sinceramente non mi ha appassionato molto. La parte iniziale troppo concentrata su Venezia ed i suoi protagonisti....

    RispondiElimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate