16 novembre 2011

Il college delle brave ragazze

Voto 7,5. Da qualche mese è possibile trovare nelle librerie, il nuovo libro di Ruth Newman: Cattive compagnie. Si tratta in realtà del secondo libro della scrittrice londinese, la quale pare abbia anche un blog intitolato: Semplace to go.
Del 2008 è invece, il suo primo romanzo, un thriller molto ben congeniato, intitolato: Il college delle brave ragazze. Il titolo italiano come al solito, è un pò fuoriviante e si addice non moltissimo alla trama della storia. Il titolo originale, naturalmente più aderente al romanzo, è Twisted Wing (in italiano significa letteralmente: ala storta).
Nonostante sia un romanzo d'esordio, la Newman sembra avere tutte le caratteristiche della brava scrittrice thriller. La scrittrice si dimostra capace di creare la giusta suspence, giocare con lo spettatore facendolo cuocere al punto giusto, fino a condurlo ad un finale sconvolgente ed inaspettato.

Essenzialmente il libro si divide (anche graficalmente con l'utilizzo di un carattere di scrittura diverso) in due parti: quella in cui si agisce e quella in cui si parla. Le dimensioni temporali sono naturalmente differenti: una parte è al presente, l'altra al passato.
Il tutto vede in primo piano due protagonisti principali: Olivia Corscadden e lo psicologo Matthew Denison.
Olivia è una studente di umili origini, che dopo tanta fatica è riuscita ad entrare nel college più ambito di tutta la Gran Bretagna: l'Ariel College. Un College per gente facoltosa, sia dal punto di vista economico che da quello intellettuale.
Il lettore conosce la protagonista in una fase non proprio semplice della sua vita: Olivia è in una stanza del college, vicino ad una sua amica le cui budella escono fuori dal corpo.Olivia è in stato catatonico e proprio per questo viene condotta in un ospedale psichiatrico, prima di venire processata. Questa in realtà è si la parte iniziale del romanzo, ma anche quella finale. 
Infatti la ragazza senza budelle, ovvero June, non è che la terza vittima morta nell'Ariel College; altre due prima di lei hanno ricevuto più o meno lo stesso trattamento.Il killer viene denominato dai media e dalla polizia: il Macellaio, sicuramente per via del suo modus operandi (della prima vittima: Amanda, si noterà l'assenza sulla scena del delitto della sua testa). 
Dopo la prima vittima, il pericolo di psicosi e di paura di finire nelle grinfie del Macellaio, da parte delle ragazze dell'Ariel, è alto. L'assassino sarà uno dei ragazzi? Il rischio che non sia un membro esterno spaventa ancora di più l'intero college.
Ad indagare in prima linea sul caso ci sarà l'ispettore Weathers. Un aiuto fondamentale però, gli sarà dato dallo psicologo Denison, al quale spetterà il compito di analizzare la mente di Olivia.
Olivia sarà in grado, date le sue condizioni e il suo stato catatonico, di fornire le indicazioni giuste per risolvere il caso? Olivia riuscirà a ricordare cosa è realmente accaduto in quella stanza quella sera? Denison riuscirà ad ottenere delle dichiarazioni risolutive del caso dalla ragazza presente sulla scena del crimine? Il colloquio con Olivia sarà chiarificatore o scombussolerà ancor più il caso?

L'unica risposta che posso darvi, è quella che la Newman è riuscita a realizzare un bel thriller psicologico, che non si perde in sentimentalismi riscontrabili in altre opere thriller delle sue colleghe.
Molto interessante anche l'epilogo in cui la scrittrice chiarisce ogni dubbio al lettore su come siano andate veramente le cose nei punti cruciali del romanzo. Certo tutto ciò è intuibile, il lettore avrà avuto un suo ragionamento logico per riempire l'ellissi temporali, ma è sempre bello confrontarsi con quello che l'autrice aveva in mente in quel passo del libro chiaramente non completato,  per non guastare il finale.

TRAMA: Sono le prime della classe. Belle, popolari, sicure di sé. E stanno per essere eliminate una a una. Cambridge, Ariel College. Olivia giace rannicchiata in posizione fetale, il cadavere della sua amica June ancora caldo accanto a lei. Mezza nuda, gli occhi sbarrati, completamente ricoperta di sangue, è incapace di riferire quello che ha visto. Non era certo così che la ragazza immaginava di finire i suoi giorni a Cambridge. Olivia è dolce e timida, ma ha lottato duramente per studiare nel prestigioso college, decisa a lasciarsi alle spalle le proprie origini modeste e la difficile vita della grigia periferia di Londra. All’Ariel College ha trovato la sua dimensione, nuovi amici e Nick, il grande amore. Adesso la brillante studentessa giace in un letto di ospedale, in stato catatonico ed è l’unica che possa far luce, con la sua testimonianza, sulla lunga catena di omicidi che stanno sconvolgendo la tranquilla atmosfera universitaria del college. Il Macellaio di Cambridge, un serial killer sorprendentemente meticoloso, ha colpito di nuovo. Tutte ragazze. Tutte belle, popolari e sicure di sé. Gli studenti vivono nel terrore e nel sospetto, continuamente accerchiati dagli agenti che indagano sul caso e da giornalisti d’assalto in cerca di scoop. Nessuno è al sicuro, e Matthew Denison, lo psichiatra che da tre anni collabora con la polizia nel tentativo di smascherare l’assassino, lo sa bene. È per questo che deve riuscire a conquistare la fiducia di Olivia e valicare le sue barriere psichiche per giungere il prima possibile alla verità. Ma la lotta fra le due menti si trasformerà in un duello senza esclusione di colpi. Un esordio impossibile da dimenticare. Acclamato da librai, pubblico e stampa, Il college delle brave ragazze è un thriller psicologico incalzante che sullo sfondo di un mondo chiuso e oscuro, racconta una storia torbida di invidie e gelosie, di odio e amore, di ossessione e rivalsa.

ORIGINALITA': **
RITMO: ***
REALISMO: *
NOIA: 
SPETTACOLARITA': ***

UMORISMO: 
STORIA: ****
PERSONAGGI: ****

2 commenti:

  1. Davvero un bel thriller, anche se l'assassino si può indovinare facilmente secondo me...forse...

    RispondiElimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate