17 ottobre 2011

Il Tribunale delle anime - Donato Carrisi

Voto 7. C'è un luogo in cui il mondo della luce incontra quello delle tenebre. E' li che avviene ogni cosa: nella terra delle ombre, dove tutto è rarefatto, confuso, incerto. Noi siamo i guardiani posti a difesa di quel confine. Ma ogni tanto qualcosa riesce a passare. Il mio compito è ricacciarlo indietro.

Sicuramente questa è la frase più significativa e riassuntiva, che più volte viene proposta nel nuovo libro di Donato Carrisi: Il tribunale della anime.
Dopo il grande successo de Il suggeritore, lo scrittore di Martina Franca (Ta), dopo molte apparizioni Tv a Matrix come "opinionista" nel caso Sarah Scazzi, torna al suo lavoro principale e ci regala il suo secondo romanzo thriller.
Il tribunale delle anime racconta dell'eterna guerra tra bene e male. Guerra in cui il bene per avere giustizia, deve trovare le proprie radici nel male stesso. Per fare del bene a volte è necessario fare del male.

Carrisi per il suo nuovo romanzo si avvale di tre storie principali, con tre personaggi chiave all'interno di queste.
Due di queste storie sono al presente e si svolgono nello stesso luogo: Roma, città che Donato Carrisi conosce bene in quanto ci vive. Queste due storie ed i relativi protagonisti, con il passare del tempo finiscono con l'incrociarsi.

Queste due storie raccontano le vicende di Marcus e Sandra.
Marcus è un uomo con un'identità misteriosa. Egli stesso non ricorda il suo passato, per via di un incidente capitatogli tempo prima. Il suo unico souvenir della sua vita passata è una cicatrice sulla tempia. Marcus sa solo di essere un prete, facente parte del gruppo dei penitenzieri.
I penitenzieri sono un gruppo di preti che fanno del proprio Vangelo: il Tribunale delle anime.
Il Tribunale delle anime è un organo giudicante i peccati degli uomini. Nei propri archivi segreti sono custoditi i peggiori peccati dell'umanità, il più grande archivio del male esistente. I penitenzieri sono dei veri e propri profiler che studiano e analizzano i casi contenuti nell'archivio segreto, cercando di individuare il criminale di turno.

Sandra è una poliziotta, esperta nei rilievi e analisi fotografica delle scene del crimine. Anch'essa come Marcus ha problemi con il suo passato: non riesce a dimenticarlo, a lasciarselo alle spalle. Sandra ha perso suo marito David, morto in circostanze misteriose. Il suo amore la spingerà ad indagare sulle cause della morte del marito.

Il Martirio di San Matteo, dipinto di Caravaggio,
citato ne Il Tribunale delle anime
Importante nella costruzione di alcuni personaggi, gli incontri fatti nella vita reale da Donato Carrisi, come sottolinea lo scrittore pugliese nelle note d'autore. Marcus sembra un personaggio che nasce dalla figura di Padre Jonathan. Quest'ultimo raccontò a Carrisi la storia della Penitenzieria e dei preti profiler.
Un altro personaggio della vita reale da cui lo scrittore prende spunto è il primo killer trasformista della storia: N.N. Un killer capace di diventare la sua vittima, prendendosi la sua identità e la sua vita.

Questa infatti è la terza storia che Carrisi ci racconta nel suo nuovo romanzo. Una storia datata un anno prima, situata dapprima a Parigi, passando per Città del Messico e Kiev, arrivando sino a Pripjat.
La storia di un cacciatore a caccia del trasformista. Come logico anche questa storia s'incrocerà nel finale con le altre, andando a completare l'intero puzzle.

La bellezza de Il Tribunale delle anime, sta nella molteplicità delle storie che Donato Carrisi riesce a raccontare, facendole intersecare con le altre. Oltre a queste principali, ci sono quelle secondarie (..) del killer Jeremiah Smith, della scomparsa di Lara, e del funzionario dell'Interpool: Thomas Shalber.
Un thriller molto misterioso, che parte molto lentamente sino a giungere ad un ottimo finale.

TRAMA: Roma è battuta da una pioggia incessante. In un antico caffè, vicino a piazza Navona, due uomini esaminano lo stesso dossier. Una ragazza è scomparsa. Forse è stata rapita, ma se è ancora viva non le resta molto tempo. Uno dei due uomini, Clemente, è la guida. L'altro, Marcus, è un cacciatore del buio, addestrato a riconoscere le anomalie, a scovare il male e a svelarne il volto nascosto. Perché c'è un particolare che rende il caso della ragazza scomparsa diverso da ogni altro. Per questo solo lui può salvarla. Ma, sfiorandosi la cicatrice sulla tempia, Marcus è tormentato dai dubbi. Come può riuscire nell'impresa a pochi mesi dall'incidente che gli ha fatto perdere la memoria? Anomalie. Dettagli. Sandra è addestrata a riconoscere i dettagli fuori posto, perché sa che è in essi che si annida la morte. Sandra è una fotorilevatrice della Scientifica e il suo lavoro è fotografare i luoghi in cui è avvenuto un fatto di sangue. Il suo sguardo, filtrato dall'obiettivo, è quello di chi è a caccia di indizi. E di un colpevole. Ma c'è un dettaglio fuori posto anche nella sua vita personale. E la ossessiona. Quando le strade di Marcus e di Sandra si incrociano, portano allo scoperto un mondo segreto e terribile, nascosto nelle pieghe oscure di Roma. Un mondo che risponde a un disegno superiore, tanto perfetto quanto malvagio. Un disegno di morte. Perché quando la giustizia non è più possibile, resta soltanto il perdono. Oppure la vendetta. Questa è la storia di un segreto invisibile...

3 commenti:

  1. Un libro sicuramente interessante, ho preferito comunque Il suggeritore..

    RispondiElimina
  2. Questo non mi era piaciuto tantissimo, ma merita una rilettura ;)

    RispondiElimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate