5 aprile 2011

Cemento armato

Voto 7. Cemento armato è sicuramente un film italiano anti-convenzionale e fuori dal coro. Il film di Marco Martani è tratto dal suo libro: Cemento armato, scritto in collaborazione con Dazieri Sandrone. Cemento armato, forse proprio per questa sua nascita su carta, abbandona i soliti clichè italiani, fatti di commedie amorose e tradimenti; dedicandosi ad un racconto noir tendente al genere thriller. Proprio per questa sua caratteristica, Cemento armato è sicuramente uno dei film italiani di "nuova generazione" che più mi hanno colpito e affascinato.
I ritmi sono sempre abbastanza alti e il film scorre velocemente verso l'epilogo.
Cemento armato è valido anche dal punto di vista del genere thriller, con tutta la storia che assume la sua logicità nel finale, incastrando molto bene tutti i suoi pezzi del puzzle. Il film vuole essere crudo, caratterizzandosi oltre che da una sceneggiatura dura e concisa, da scene sanguinarie e violente.

Molto bello anche il gioco delle parti che si crea nel film, in cui il Primario (Giorgio Faletti) e Diego Santini (Nicolas Vaporidis) diventano preda e cacciatore a vicenda e nello stesso momento. Il primo insegue il secondo per la faccenda degli specchietti; il secondo per la violenza subita dalla sua ragazza Asia, per colpa del Primario.
Una delle note negative, a mio avviso, del film è la stereotipizzazione un pò infantile del boss malavitoso. Franco Zorzi, ossia il Primario, ovvero Faletti, è infatti il classico boss: rispettato, temuto, scansato, conosciuto, duro, che ha e fa ciò che vuole. Anche l'essere accompagnato sempre dal suo braccio destro, è una caratterizzazione che sa di già visto.
Un'altra difficoltà che il regista Martani, già sceneggiatore di Brizzi, ha dovuto affrontare, riguarda gli attori: Vaporidis e Crescentini. I loro volti sono infatti legati, come quello di molti altri, alla commedia romantica, e nelle prime scene anche in questo film sembra di trovarsi in uno dei soliti film; per fortuna poi la storia prende un'altra piega; la recitazione degli attori principali anche.

PROTAGONISTA: Personaggio principale di Cemento armato è Diego Santini (Vaporidis), giovane ragazzo (senza padre) dalla vita incasinata. Non ha un lavoro fisso, e si arrangia come può, ad es. rubando motorini. Il suo hobby preferito è rompere gli specchietti delle auto. Per sua sfortuna il suo hobby trasformerà la sua vita in un incubo.

TRAMA: Le vite di Diego e il Primario s'incrociano per caso nel Cemento armato romano. Diego gli rompe per caso e per gioco gli specchietti della sua Mercedes; il Primario violenta la sua ragazza Asia che fa la cameriera in un ristorante (senza sapere però che Asia è la ragazza di Diego, quindi non in conseguenza alla rottura degli specchietti). Da quel momento le loro vite cambieranno e ciascuno cercherà l'altro per fargliela pagare....

IL NOSTRO FINALE ALTERNATIVO: Il regista Martani si influenza prima della conclusione del film, e lascia perciò l'epilogo a Brizzi. Diego si sposa con Asia e dopo la tradisce con la Capotondi in Come tu mi vuoi, prima di farsi la Chiatti in Iago. Faletti diventa un professore universitario buono e generoso, anche lui viene tradito dalla moglie la Signoris, ma conosce la sua vicina di casa, la Cortellesi e con lei inizia una relazione. E come direbbe Fausto Brizzi (o meglio il signor Rezzonico) tutto bene ciò che finisce bene.

USCITA CINEMA: 05/10/2007
REGIA: Marco Martani
SCENEGGIATURA: Fausto Brizzi, Marco Martani, Luca Poldelmengo
ATTORI: Nicolas Vaporidis, Giorgio Faletti, Carolina Crescentini, Dario Cassini

2 commenti:

  1. Interessante segnalazione, dato che l'ultimo film italiano che mi sia piaciuto (davvero) è stato "La ragazza del lago".
    Però checcavolo! Vaporidis noooo...

    RispondiElimina
  2. Si è difficile immaginare Vaporidis in altri ruoli, la storia di cemento armato è cmq interessante, soprattutto rispetto gli altri film italiani. Si anche a me è piaciuto abbastanza La ragazza del lago, anche Le conseguenze dell'amore, Arrivederci amore ciao e Piano 17 (ti cito alcuni film italiani diversi dalla solota commedia):)

    RispondiElimina

Generi cinematografici

Notizie archiviate